Home / Vangelo della Domenica / Per i giovani / Commento (e immagini) al Vangelo di domenica 17 Marzo 2019 per bambini – Fano

Commento (e immagini) al Vangelo di domenica 17 Marzo 2019 per bambini – Fano

Tra il Tabor e il quotidiano

La seconda domenica di Quaresima salimmo con Gesù sulla montagna per pregare. È nella preghiera in cui avviene la trasfigurazione, un’anticipazione del Cristo glorioso. Potremmo pensare con la mentalità pratica corrente se fosse necessario iniziare a pregare. Tuttavia, è proprio la sua preghiera che rivela la sua vera identità. È il Figlio che completamente dal Padre, e ci accoglie con Lui Così dice Jean Lafrance, un maestro spirituale per il nostro tempo “. La sua preghiera è l’espressione del suo essere e rivela a noi. Dobbiamo quindi imparare da lui la preghiera o, meglio ancora, lasciarlo pregare in noi “.

Il passaggio di Lc 9,28b-36 è anche una scuola di ascolto. Pietro, Giovanni e Giacomo sono invitati dal Padre ad ascoltare con tutta la sua persona: “Questo è il mio Figlio, il prescelto, ascoltalo”. È difficile vivere senza una luce che illumini la nostra esistenza, che faccia sentire le nostre orecchie, che riscaldi i nostri cuori e ci metta in impegno.

Il Camillo religiosa Jose Carlos Bermejo ci dice come imparare ad ascoltare, il primo atteggiamento dei cristiani: se stesso “essere addestrato nell’arte del silenzio interiore, che passa attraverso la volontà di concentrarsi sull’altro, mettendo tra parentesi l’apprendimento per gestire i sentimenti prodotti dall’incontro con l’alterità, in particolare l’incontro con la vulnerabilità degli altri “.

Mettiti al posto di Gesù, in quel momento di trasfigurazione, di luce, di felicità. E anche in quell’annuncio della sua morte a Gerusalemme, senza addormentarsi. Possiamo dire che la vita cristiana è un’esperienza duplice: è un processo di trasfigurazione in cui è presente la componente dell’abbandono, della sofferenza, dell’impegno. Felicità e sforzo, Tabor e Calvario. Non possiamo migliorare solo una delle due dimensioni. I seguaci di Gesù accettano la vita in ciò che ha dolore, sforzo, percorso, ma senza aggiungere più durezza all’esistenza. Dopo aver ascoltato, dobbiamo rimanere in silenzio davanti al Mistero di ciò che accade e si sviluppa nell’esperienza del Popolo di Dio.

Ascolta Cristo e il popolo

Saint Óscar Romero sviluppò la sensibilità dell’ascolto di Cristo e del Popolo. Prima di parlare, ha ascoltato la sua gente. Ma non ascoltò paralizzare le sue opinioni, ma le prese molto sul serio. La sua ultima lettera pastorale è stata scritta dopo aver fatto un processo di consultazione con le comunità cristiane. Questo è ciò che dice lui stesso: “E questa è la maturità della nostra arcidiocesi, che ho consultato per scrivere questa lettera pastorale. Saluto in voi che la maturità, l’audacia, l’opzione preferenziale per i poveri, che la ricchezza di idee che mi avete dato in questa consultazione “(omelia il 6 agosto 1979). Questo modo di procedere continua ad essere una sfida per la Chiesa oggi, e per ogni cristiano che vive la sua fede nella comunità, nella famiglia o nell’ambiente di lavoro. Ascolta attentamente gli altri e prendili in considerazione.

Quando la realtà non viene presa sul serio, il clamore dei poveri e la trasfigurazione del popolo, la Chiesa può cadere nella tentazione di rimanere “tra le nuvole”. Arcivescovo Romero ci ricorda, come Gesù, di essere “down” per incarnare in problemi della gente e contribuire a trasfigurare: “E ‘molto bello vivere un peccato solo canti e preghiere, solo meditazioni spirituali, solo la contemplazione . Ciò avverrà al momento del cielo, dove non ci sarà ingiustizia, dove il peccato non sarà una realtà che i cristiani devono detronizzare. Ora, Cristo disse agli apostoli contemplativi sul Tabor, volendo rimanere lì per sempre, andiamo giù, dobbiamo lavorare “(omelia del 19 novembre 1978).

Scendi dalla nuvola di auto-soddisfazione

C’è ancora molta strada da fare, molto da fare. Non possiamo sedere pigramente anticipando la gloria senza attraversare la croce. Non possiamo disconnettere dalla realtà di ogni giorno proteggendoci nella “musica celestiale”. Giustamente esprime Luis Juanos, monaco di Montserrat: “Non c’è nessun paradiso o promesso per chi vive nella nube di auto-soddisfazione, altri ignorando, per coloro che desiderano per il cielo disprezzando la terra, e vogliono terra per arrivare a cielo senza trasformare il mondo evitando il rumore della vita di tutti i giorni “.

Andiamo, dunque, in questo tempo di Quaresima sul monte a pregare, Gesù, ad avere l’esperienza della sua gloria e così per rispondere alle sfide della vita quotidiana sulla strada difficile da attraversare. Abbiamo bisogno di istanti di trasfigurazione: contemplare la sua luce splendente che vince il nostro sguardo miope e grigio. Luce che illumina l’oscurità che a volte sembra circondare la realtà e il passaggio quotidiano. E poi scendi dalla montagna, perché la nostra cosa non è essere sopra ma sotto, non stare tra le nuvole ma vivere insieme e impegnarsi nei pellegrini della terra.

Ma non dimentichiamo i segni di Gesù, il suo invito ad andare all’essenziale: il Padre. Non possiamo dimenticare la fonte: Dio. A volte siamo riluttanti a parlare di Lui, non tanto dei poveri, dell’impegno o del fare le cose per gli altri. Tutto questo è certamente grande ed è ciò che dovremmo fare. Ma senza dimenticare quei momenti del Monte Tabor, di incontro profondo che allarga l’anima e ci fa tendere verso un orizzonte di speranza illimitata. Gesù ci indica il Padre. Gesù ci aiuta sempre a raggiungere l’obiettivo. Il suo orientamento è autentico, perché vive per volontà del Padre, viene “sequestrato” dall’Abba. Entriamo nei “segni” di Dio, rispettiamoli, quindi saremo portati alla gioia di un Tabor infinito, fatto di impegni e gesti concreti, ma con Dio come fonte e fine.

(Testo tradotto usando Google Translate – mi scuso per eventuali errori, nel caso scrivete nei commenti 😉 )

  • Immagini di: Patxi Velasco FANO
  • Testo di: Fernando Cordero ss.cc.

VEDI ANCHE

Commento al Vangelo del 26 Maggio 2019 – S.E. Mons. Mario Russotto – Gv 14, 23-29

Il commento al Vangelo di domenica 26 Maggio 2019 a cura di Sua Eminenza Monsignor …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.