Commento alle letture di lunedì 25 dicembre 2017 – Missionari della Via

262

Il commento alle letture di lunedì 25 dicembre 2017 a cura dei Missionari della Via.

Che gioia, è Natale: Dio si è fatto uomo! Qualcuno ha detto: La meraviglia non è che l’uomo sia andato sulla luna, ma che Dio sia “sceso” sulla terra! E quale Dio è sceso sulla terra? Quello delle nostre proiezioni mentali? Un Dio tuo-nante e potente? Un Dio violento ed egocentrico? «Questo è per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia». Dio si fa bambino, è quel neonato indifeso: è proprio vero, i pensieri di Dio non sono i nostri pensieri; e i suoi pensieri smascherano e ribaltano i nostri falsi pensieri su di lui, proiezioni della nostra smania di grandezza. Dio è tremante, non tremendo, non prende ma si dona, si mette nelle nostre mani, chiede amore, si offre indifeso come segno di fiducia nelle sue creature. Questo Dio non lo penseremmo mai, ed è proprio per questo che ci salva! Dunque chi è Dio? È quel frugoletto di 3 kg, che faceva tanto commuovere S. Francesco, al punto da inventarsi il presepe per contemplarlo meglio. È quel Dio che si abbassa per innalzarci tutti, che offre amore e chiede amore. E se noi lo amiamo, diventiamo come lui, che è l’amore. Sì, è proprio questo bambino a salvarci, a farci diventare Dio, perché la salvezza dell’uomo è diventare ciò che è: somiglianza di Dio che è amore.

Se leggiamo bene il Vangelo, scopriamo che la gioia, la luce della nascita di Dio è striata dal dolore: sul Natale già si proietta l’ombra della Croce che rende questa festa vicina a quanti soffrono. Questo bambino nasce nella povera Betlemme, non a Gerusalemme, sede del potere; non in una reggia, ma in una grotta; non in un comodo letto, nella mangiatoia, rifiutato persino dai suoi familiari: per loro non c’era posto, dice il Vangelo e anche il prologo di domani ci dirà: venne tra i suoi ma i suoi non l’hanno accolto. È il dramma dell’osti-lità che porterà questo bambino a morire in croce. Questa povertà forse un po’ ci disturba: il Natale dei dolori ci aiuta a vivere questo giorno in modo meno superficiale e consumista, uscendo dalle nostre case in festa per cercare il piccolo Gesù oggi disperso nelle strade, nascosto nel cuore di anziani soli, degli uomini umiliati dalla povertà, rinchiusi nei campi-profughi disu-mani, schiacciati dalla malattia o dalla violenza…

Almeno a Natale do-vremmo capire il desiderio di Dio che ogni uomo che nasce, dovrebbe avere un posto accogliente in cui essere deposto e delle fasce che lo avvolgano vincendo il freddo dell’indifferenza. Quando capiremo che l’ultimo dei fratelli, il piccolo, il carcerato, il perseguitato, il nudo, l’affamato, l’immigrato – lo dice Gesù in Matteo 25 – è lui stesso, noi saremo salvi, diventeremo umani. Se per il Bambino di Betlemme, non c’era posto tra gli uomini per noi c’è e ci sarà sempre un posto nel cuore di Dio, di quel Dio che restituisce dignità e bellezza ad ogni uomo, proprio quando noi ancora oggi poniamo creature venute dal cielo nel letame di una stalla: nei secchi degli ospedali dopo averli uccisi nel grembo, nelle carceri della Libia e dei Paesi in guerra dove insieme alle loro madri ci sono bambini indifesi e nei tanti posti affa-mati dalla nostra opulenza e nel nostro cuore, che può diventare culla o tomba di Dio, dove decidiamo di far nascere un bambino privandolo delle sue origini oppure di accogliere un figlio abbandonato. Senza l’amore, senza Dio, l’uomo sperimenta l’inferno in terra perché “l’inferno è dovunque non c’è Cristo” (Paul Claudel). Facciamo spazio a Dio e ricordiamo a chi non vuole fare spa-zio a Dio che comunque è amato da Dio. Lui non ci lascia mai fuori.

Preghiamo la Parola

Auguri di verità, nel giorno in cui Dio ha fatto spazio all’uomo, per guardare se nel nostro cuore c’è veramente spazio per Dio!

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Lo Spirito di Dio a volte non trova spazio in noi: resistiamo alle ispirazioni al bene; nei momenti di contrizione anziché chiedere perdono a Dio e agli altri facciamo finta di niente; al desiderio di pregare facciamo precedere mille cose da fare: come pensi di dare più spazio al Signore nelle tue giornate?

CARITA’: Testimonianza di vita

A volte Dio non trova spazio quando bussa al nostro cuore attraverso i fratelli e le sorelle; non ci lasciamo scomodare dai loro bisogni o comunque, solo fino a un certo punto; alziamo le barriere dell’indifferenza, ci chiudiamo in noi stessi, non ascoltiamo, non dedichiamo tempo… dove pensi di dare più spazio agli altri nelle tue giornate?

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 dicembre 2017 anche qui.

Santo Natale – Anno B

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Lc 2, 1-14
Dal Vangelo secondo Luca

1In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. 2Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. 3Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. 4Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. 5Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. 6Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. 8C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. 9Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, 10ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: 11oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. 12Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». 13E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: 14«Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 24 – 30 Dicembre 2017
  • Tempo di Avvento IV
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO