Commento alle letture di lunedì 25 dicembre 2017 per bambini – ElleDiCi

288

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

Capire le parole” per far cogliere o per chiarire il significato di espressioni chiave del testo.
Di più…” con qualche esempio tratto dalla vita o rivolto ad essa.
Per riassumere…” una domanda o una affermazione finale da lasciare alla giovane assemblea.

MESSA DEL GIORNO

PRIMA LETTURA Dal libro del profeta Isaia (Is 52,7-10)

Capire le parole

  • Sion. È Gerusalemme, la capitale del popolo di Dio. Al tempo di Isaia era stata distrutta dai Babilonesi e parte dei suoi abitanti sono prigionieri a Babilonia. Il profeta annuncia loro che Dio li ricondurrà casa, e abiterà con il suo popolo.

Di più

  • Il braccio di Dio. Nella Bibbia si parla spesso del braccio di Dio. È un modo di dire. Il braccio di Dio rappresenta la sua forza e la sua potenza. Una forza particolare: da una situazione disperata Dio può far scaturire la gioia e la pace, come nel testo di Isaia. Gesù ci farà comprendere che la forza di Dio è una forza d’amore più forte della morte. Potrebbe sembrare strano ma nella manina del neonato del presepe vi è il braccio di Dio, la sua forza d’amore.

SECONDA LETTURA (Eb 1,1-6)

Capire le parole

  • Molte volte. Ripetutamente.
  • Erede. Qualcuno che possiede una ricchezza trasmessa dai suoi genitori o dai suoi antenati.
  • Purificazione dei peccati. Morendo e risorgendo Gesù ha dimostrato di essere più forte del male della morte e del peccato. Non hanno più potere su di noi, per sempre. Ora possiamo essere purificati.

VANGELO (Gv 1,1-18)

Capire le parole

  • Verbo. Vuol dire “parola”, dal termine latino “verbum”.
  • Tenebre. Oscurità.
  • Volere di carne. L’amore di un uomo e di una donna che si uniscono per avere un figlio.
  • Generare. È la vita che un padre trasmette nel mettere al mondo un figlio.

Di più

  • A casa nostra. È sempre bello quando qualcuno a cui vuoi bene viene a trovarti per qualche giorno. Noi crediamo che in Gesù Dio è venuto a visitarci. In Gesù è Dio che parla. Grazie a Lui possiamo conoscere cosa Dio vuole fare di noi suoi figli. Per questo a Natale noi cantiamo a Gesù, che è l’Emmanuele (termine ebraico che significa “Dio-con-noi”), che è Dio venuto ad abitare in mezzo a noi.

PER RIASSUMERE…

Gli uomini vorrebbero sentire la voce di Dio. Ecco che parla in modo inatteso: per mezzo di Gesù che nasce. Gesù è un uomo come noi ed è anche la Parola di Dio, il suo “Verbo”.

Fonte – ElleDiCi

Scarica e colora la vignetta

[amazon_link asins=’8801058411,8801063113,8801056419,8801059892′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1e41c6f1-c47e-11e7-9974-417047202061′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Santo Natale – Anno B

  • Colore liturgico: Viola
  • Gv 1,1-18

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 1,1-18

In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.
Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me».
Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.

Parola del Signore

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO