Commento alle letture di domenica 4 marzo 2018 – don Enzo Pacini

11

Il commento alle letture di domenica 4 marzo 2018 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

I venditori del tempio e i motivi della nostra fede

don Enzo Pacini

Il brano evangelico di questa domenica (Gv 2,13-25) ci presenta il Cristo in una luce abbastanza inconsueta. Non tanto per la cacciata dei venditori dal tempio, o non solo per quello, quanto piuttosto per una notazione riportata dall’evangelista ovvero che Gesù non si fidava di coloro che, vedendo i segni da lui compiuti, avevano creduto nel suo nome (v.24).

Questo Gesù che sta sulle sue, sospettoso, incupito, cozza con l’immagine solare che egli irradia, o che comunque siamo abituati a vedere in Lui, che solitamente non ha questo atteggiamento distaccato neppure con chi gli si oppone apertamente. Il suo stesso conoscere il cuore dell’uomo, le contraddizioni nelle quali si dibatte, non è un ostacolo alla sua azione, egli che non teme, nel suo cammino, di incontrare peccatori di ogni genere.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Forse è questo tema del «segno» che non è facile comprendere. Alcuni chiedono un segno a giustificazione dell’azione nel tempio, liquidato poi con sarcasmo, ma pure coloro che hanno creduto non convincono il Cristo riguardo alla loro autenticità. Un segno può, allora, motivare o no la risposta di fede? In teoria forse sì, ma all’atto pratico vi sono molti problemi, come testimoniato dallo stesso vangelo di Giovanni dove spesso Cristo mette in guardia su questo argomento: «se non vedete segni e prodigi, voi non credete»( Gv 4,48); «voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati».(Gv 6,26); addirittura sono un motivo di opposizione da parte del sinedrio che pure li riconosce: «Che facciamo? Quest’uomo compie molti segni» (Gv 11,47).

Questa difficoltà non nasce solo dalla malafede, poiché un rischio dei segni, anche nel loro senso più generale, è quello di confermare idee o aspettative preesistenti. A volte possiamo sentirlo o dirlo in prima persona: «in quella cosa, in quel fatto ho visto un segno per agire in questo modo…»; oppure a partire dall’ascolto della Parola: «Quella frase è stata per me un segno…ho visto in essa un segno che Dio…». E’ evidente che questa è una possibilità, ma anche che ciò possa essere la conferma di un’attesa, e qui sta il rischio, di far dire al segno quel che io desidero che dica, anche con tutta la sincerità possibile. Forse (ma è solo la mia opinione naturalmente) è questo che provoca in Cristo quella strana reazione di cui sopra. Sarà invece un altro segno inequivocabile che potrà fondare una risposta di fede, perché non avrà nulla da confermare, anzi trascinerà fuori da sé stesso chiunque si pone davanti ad esso per coglierne la presenza dirompente, il segno di Giona (cf. Mt 12,40), la discesa di Cristo nel ventre della terra, l’evento totalmente inaspettato che azzera ogni sapienza umana (1Cor 1,22-25; 2a lettura) e si pone come discrimine per la nostra vita.

Si comprende in quest’ottica anche la cacciata dei venditori che non erano affatto abusivi, ma funzionali allo svolgimento di una ritualità codificata dalla stessa Legge di Dio, (cf. Es 20, 1-17; 1a lettura) che determinava le modalità con le quali attuarne i dettami. Ma la stessa alleanza non è esente dal rischio di essere vissuta come semplice adeguamento a un fatto di costume, allora come oggi; il segno potente di un Dio che parla, agisce nella storia, fino all’impensabile discesa di Cristo, sterilizzato in un rito che rimanda solo a se stesso, una religione preconfezionata, buona per tutte le stagioni, ma che Cristo, allora come oggi, «incrina» per aprire uno spiraglio al soffio dello Spirito.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della Terza Domenica di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 4 Marzo 2018 anche qui.

Gv 2, 13-25
Dal Vangelo secondo Giovanni
13Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. 14Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. 15Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori dal tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, 16e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». 17I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divorerà. 18Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». 19Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». 20Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». 21Ma egli parlava del tempio del suo corpo. 22Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù. 23Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. 24Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti 25e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 04 – 10 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima III
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.