Commento alle letture di domenica 9 Settembre 2018 – don Enzo Pacini

78

Il commento alle letture di domenica 9 settembre 2018 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

Una guarigione che è come un sacramento

don Enzo Pacini

L’episodio della guarigione del sordomuto che la liturgia oggi ci presenta (Mc 7,31-37) va al di là della semplice narrazione di un evento prodigioso ed acquisisce una valenza di tipo sacramentale; Gesù compie dei gesti che veicolano una parola potente, e sono a loro volta da essa illuminati, che compie quello che annuncia: «apriti!». È la struttura che ritroviamo in ogni sacramento e in Gesù stesso, sacramento per eccellenza, che racchiude nella sua persona, parole e azioni, la pienezza del Verbo divino. Oltretutto i gesti compiuti in questa guarigione sono stati inseriti tali e quali nella celebrazione del Battesimo, dove il celebrante invoca che il Signore Gesù «che fece udire i sordi e parlare i muti, ti conceda di ascoltare presto la sua parola, e di professare la tua fede».

Sarebbe però sbagliato ritenere tutto ciò un semplice rito di contorno: nella sua semplicità esso ci annuncia la funzione fondamentale della parola di Cristo che apre i nostri orecchi e l’intera vita al suo annuncio. Potremmo domandarci come possa realizzarsi questa apertura: da questo brano appare chiaro che essa è opera del Signore, poiché la situazione dell’uomo è bloccata da una totale incapacità di ascoltare e di esprimere alcunché. E’ vero anche che non può trattarsi di un’operazione magica, che vi è una situazione di partenza sulla quale Cristo innesta il suo operato, non fosse altro che la coscienza della propria condizione. Se l’uomo è confinato nella sua situazione «catacombale» è vero anche che da quella situazione è possibile elevare l’invocazione: «dal profondo a te grido, Signore, ascolta la mia voce»(Sal 129,1); perfino se la voce non trova modo di esprimersi Egli è capace di ascolto perché è colui che scruta i cuori (cf. Rm 8,27). E’ quindi questa presa di coscienza il punto di partenza per un rapporto fecondo con Cristo, ed è quanto esprime l’apostolo Giacomo nella seconda lettura (Gc 2,1-5) quando cerca di far riflettere gli ascoltatori senza limitarsi a enunciare precetti, ma cercando di ricondurli all’ottica di Dio: se fate discriminazioni…non siete giudici perversi? Dio non ha forse scelto i poveri?

Non sono solo domande retoriche, dalla risposta scontata, tanto è vero che l’apostolo, nel prosieguo del brano, dirà che è proprio quello che hanno fatto, hanno disprezzato il povero. Di più, per cercare di distinguersi da coloro che non sono più visti come i prediletti di Dio, hanno fatto comunella proprio con chi non ha alcuna intenzione di sposare la causa del vangelo ma la osteggia (cf. Gc 2,6), tentativo maldestro di darsi un tono, di entrare nella cerchia di quelli che contano dimenticando la logica del Vangelo. Sono argomenti di una certa attualità che è facile ritrovare in fatti e avvenimenti di ogni giorno: le guerre fra poveri che vengono continuamente alimentate, una lettura moralistica della povertà (sono fannulloni, parassiti, incapaci e forse mentalmente inferiori), l’abbandono dell’impegno per i diritti umani (universali, trasversali, incondizionati) in favore di quelli acquisiti (cittadinanza, residenza, circolazione) sottoposti a requisiti e a restrizioni fino ad arrivare, come già accade in alcuni paesi europei, a configurare come reato l’assistenza data a migranti o altre categorie marginali. Il rischio di adeguarsi a tutto ciò e di ripiombare in una situazione di mutismo e sordità alla parola evangelica è tutt’altro che remoto, per questo la liturgia di oggi ci riguarda, in quest’uomo bisognoso di «apertura» possiamo riconoscerci.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 9 Settembre 2018 anche qui.

Fa udire i sordi e fa parlare i muti.

Mc 7, 31-37
Dal Vangelo secondo Marco

31Di nuovo, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. 32Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. 33Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; 34guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». 35E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. 36E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano 37e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 09 – 15 Settembre 2018
  • Tempo Ordinario XXIII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.