Commento alle letture di domenica 8 Luglio 2018 per bambini – ElleDiCi

Pubblicità

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

XIV Domenica del Tempo Ordinario

Capire le parole” per far cogliere o per chiarire il significato di espressioni chiave del testo.
Di più…” con qualche esempio tratto dalla vita o rivolto ad essa.
Per riassumere…” una domanda o una affermazione finale da lasciare alla giovane assemblea.

Ogni domenica ascoltiamo delle parole della Bibbia. Alcune sono state scritte più di venti secoli fa, ma si direbbe che sono rivolte a noi.

Quando Gesù si mise a insegnare nella sinagoga, molti rimasero stupiti.

Dal libro del profeta Ezechiele (Ez 2, 2-5)

Ezechiele racconta la sua chiamata. Dio lo ha fatto profeta per il suo popolo, suo interlocutore. Egli deve parlare al popolo e dirgli le parole di Dio denunciando di avergli girato le spalle.

Capire le parole

  • Ezechiele. Nel 597 a.C. il re di Babilonia aveva condotto in esilio una parte degli abitanti di Gerusalemme. In
    nome di Dio, Ezechiele dà coraggio al popolo d’lsraele.
  • Spirito. E la forza data da Dio agli uomini per cercarlo e conoscerlo.
  • Genìa. Sta per razza. È un modo di dire sprezzante.
  • Profeta. Colui che parla in nome di Dio

Di più

Chiuso, non disturbare!

Tommaso si è alzato con il piede sbagliato. Fa il muso. Ha la testa vuota! Quando anche a noi capita cosi, non
ascoltiamo nessuno, non parliamo con nessuno. Non stiamo bene. Con Dio è lo stesso. Quando abbiamo il volto indurito e il cuore ostinato, come dice il profeta Ezechiele, non lo ascoltiamo. Siamo lontani da lui. Ma Dio ha ugualmente qualcosa da dirci!

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (2 Cor 12,7-10)

San Paolo ha fatto una strana esperienza: ha scoperto di essere debole, ma la sua forza è Gesù Cristo.

Capire le parole

  • Satana. È uno dei nomi dati al demonio. È la forza del male, colui che divide.
  • Grazia. Vuol dire dono, regalo. È l’aiuto di Dio agli uomini.
  • Sabato. E il giorno consacrato dagli Ebrei a Dio. Inizia il venerdi al tramonto e termina il sabato sera. È giorno di preghiera e di riposo.

Dal vangelo secondo Marco (Mc 6,1-6)

Crediamo di conoscere qualcuno solo perché lo frequentiamo da anni, ma in realtà ignoriamo completamente chi è  davvero. È accaduto anche alla gente del villaggio di Gesù.

Capire le parole

  • Sapienza. È la conoscenza di Dio.
  • Prodigi. Azioni sorprendenti, rare con cui Dio si manifesta agli uomini. I vangeli dicono che Gesù fece dei miracoli. Per esempio, guari i malati. Indicò cosi alla gente che Dio agiva in lui.
  • Fratello, sorella. La lingua di Gesù indica con una parola fratello e cugino, e cosi per sorella e cugina. Fin dalle
    origini Gesù è stato definito figlio unico.

Di più

Regalo-sorpresa

Nel villaggio di Gesù, Nazaret, la gente era interdetta e non lo comprendeva. Come fa a parlare cosi? Non era ciò che si aspettavano da lui! Gesù, da parte sua si chiedeva se avevano veramente fede. E la fede che aiuta a riconoscere e ad accogliere i doni divini. È come per un regalo-sorpresa. Non sappiamo ciò che il pacco contiene, lo scopriamo solo quando lo scartiamo! Ciò che Dio ci dona è sempre sorprendente. L’importante non è ciò che gli chiediamo, ma essere pronti ad accogliere ciò che lui ci dona.

Fonte

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

PROFETA SGRADITO

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 8 Luglio 2018 anche qui.

Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 6,1-6

In quel tempo, Gesù venne nella sua patria e i suoi discepoli lo seguirono.

Giunto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga. E molti, ascoltando, rimanevano stupiti e dicevano: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data? E i prodigi come quelli compiuti dalle sue mani? Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?». Ed era per loro motivo di scandalo.
Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità.
Gesù percorreva i villaggi d’intorno, insegnando.

Parola del Signore

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Potrebbe piacerti anche