Commento alle letture di domenica 7 Luglio 2019 per bambini – ElleDiCi

18

Commento alle letture di domenica e spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

PRIMA LETTURA (Is 66,10-14c)

Il popolo eletto è in esilio a Babilonia, e molti sono sfiduciati. Il Profeta però invita tutti coloro che credono nella fedeltà di Dio a rinnovare la loro fiducia, perché le promesse del Signore saranno mantenute e Gerusalemme tornerà ad essere una madre premurosa, grazie alla benedizione del Signore.

Capire le parole

  • Lutto. L’esilio del popolo in terra straniera è vissuto come una terribile morte.
  • Farò scorrere. L’annuncio di una situazione totalmente nuova e persino migliore della libertà precedentemente vissuta, serve a infondere coraggio e speranza nel popolo esiliato. Dio mantiene sempre le sue promesse.

SECONDA LETTURA (Gal 5,1.13-18)

Paolo giunge alla conclusione della sua lettera. Ha fiducia che i Galati sapranno rispondere bene, rinnovando la loro fede in Cristo. Ai Galatoi offre la testimonianza di un vero discepolo, che porta nella sua carne i segni visibili dell’adesione piena e totale al Signore Gesù.

Capire le parole

  • Vanto. L’atteggiamento di vanità è tipico di chi si inorgoglisce della propria bravura, capacità o bellezza. Ma tutto in questo mondo è destinato a sfiorire. Solo chi si vanta della propria fede in Gesù, come san Paolo, ha tra le mani qualcosa di prezioso che non tramonterà e non lo deluderà mai.
  • Nessuno mi procuri fastidi. Qualcuno aveva provato a mettere in dubbio l’autenticità della sua predicazione. Paolo si appella alle sue sofferenze vissute a causa del Vangelo.

VANGELO (Lc 10,1-12.17-20)

Luca scrive ai fedeli che devono confrontarsi con coloro che provengono dall’ebraismo, i quali devono accettare l’annuncio del Regno ai pagani. Tutti i popoli sono ammessi alla salvezza. Troviamo qui un incoraggiamento per continuare nella missione anche di fronte alle opposizioni, ai rifiuti o alla scarsità dei risultati.

Capire le parole

  • Pace! Il primo dono di Gesù Risorto agli apostoli è la pace. La serenità dell’animo fiducioso del discepolo di Gesù apre la strada agli altri doni divini.
  • Non vi accoglieranno. Gesù non promette che tutto andrà bene. C’è pur sempre la libera scelta e adesione di coloro ai quali si porterà il Vangelo.
  • Rallegratevi piuttosto… Il discepolo non deve inorgoglirsi per l’eventuale verificarsi di fenomeni eccezionali connessi alla potenza di Dio, quanto gioire, rallegrarsi e confidare nella salvezza che Dio gli dona.

PER RIASSUMERE…

Il Signore manda i suoi discepoli nel mondo ad annunciare il Regno di Dio. Il primo dono che portano è la pace. Anzitutto essi sono figli della pace, perché l’hanno ricevuta e la portano agli altri. Chi accoglie questo dono diventa figlio della pace, perché accetta di gustarla nella propria vita e a sua volta può portarla ai fratelli che incontra.

Fonte (e molto altro materiale) sul sito elledici.org

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

GLI INVIATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.