Commento alle letture di domenica 5 marzo 2017 – don Enzo Pacini

17

Il commento alle letture di domenica 5 marzo 2017 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

La lunga strada dall’Eden al Regno

Con l’inizio del tempo di Quaresima la liturgia ci propone una narrazione (Gn 2,7-9;3,1-7) nella quale possiamo collocare anche la nostra storia personale: «Il Signore Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita…».

Non dovremmo con troppa facilità limitarci a classificare come mito il racconto di Genesi, un linguaggio ormai sorpassato e incomprensibile per la sensibilità moderna. Una narrazione dice molto di più del suo semplice contenuto, la Bibbia nasce ed esiste essenzialmente come parola comunicata, realtà valida anche per l’annuncio evangelico perché, come afferma Paolo, «come potranno sentirne parlare senza qualcuno che lo annunci?» ( Rm 10, 14). Nessun mezzo tecnologico, nessuna fiction, per accurata che sia, può sostituire la domanda del bimbo all’anziano di casa nella notte di Pasqua: «cosa c’è stasera di diverso dalle altre notti?». Lo stesso può valere per il racconto di oggi: forse possiamo aver avuto esperienza di qualcuno che ci ha raccontato qualcosa di noi, la madre, il padre, i nonni, ma anche la Bibbia stessa, con il suo linguaggio umanamente limitato può aiutarci a capire: perché siamo così? Perché certi sentimenti o certe reazioni nascono in noi? E allora forse l’uomo e la donna del racconto non sono più così lontani, hanno tratti che ci assomigliano.

Possono essere teneri e  ingenui, scontrosi e stupidi come anche noi siamo mille volte al giorno. Sono perciò capaci di dirci una verità su noi stessi, di darci un consiglio e un suggerimento, uno scappellotto e una pacca sulla spalla. In quella donna che risponde al serpente con fare da maestrina, forse col ditino alzato: «Dio ha detto così e così…» (cf. Gn 3,3,) non ritroviamo la nostra fiducia (fino alla prosopopea) finché stiamo al sicuro fra la gonne della mamma? E come siamo bravi a dire agli altri quello che dovrebbero o non dovrebbero fare! Ma a un certo punto scoppia l’aneurisma adolescenziale: adesso che ho capito che ci sto a fare attaccato a questa persona? Questa vicinanza mi va stretta: e se questa casa, questa persona, questa situazione fosse una prigione? Ma si, vada come deve andare. Il dado è tratto.

Però la scena cambia di nuovo: prima mi sentivo chissà chi, ora mi sento vergognosamente nudo. Ho varcato la soglia  e ho perso, non servo più a nulla. Vattene Dio, non guardarmi così, non sono più come pensavi, forse non lo sono mai stato. Questo bel giardino è come se non fosse mai esistito. «Trattami come uno dei tuoi servi», dirà il figlio prodigo (cf. Lc 15,19).   E come sono belle allora quelle tuniche di pelle che Dio cuce per l’uomo e la donna (cf. Gn 3,21). Sembra quasi di sentire Dio che dice: « ma guarda un po’ cosa mi tocca fare». Eppure le fa, e con amore, come la madre che rimprovera il figlio e poi gli prepara la merenda. Certo qualcosa è accaduto, indietro non si torna.  Forse vale anche per Dio il fatto che l’uomo dovrà «lasciare suo padre e sua madre» (cf Gn 2,24).

Forse (e la parabola del figlio prodigo lo esprimerà chiaramente) Dio, come padre, sperimenterà  l’ansia per questo figlio sempre a rischio di perdersi. Ma accetterà la sfida, lascerà che questo accada. Di più: lo Spirito spingerà il suo Figlio, ogni suo figlio, nel deserto della tentazione (cf. Mt 4,1-11). Non si può tornare indietro ma si può andare avanti. Non c’è più un Eden da recuperare ma un Regno da cercare ed accogliere (cf. Mt 13, 44-46). Sarà una strada molto lunga, una battaglia da combattere ogni giorno. Arriverà alla croce, il vero albero della vita dove si decide nuovamente tutto, per Cristo come per ogni uomo.

[toggle title=”LEGGI IL BRANO DEL VANGELO” state=”close”]

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 5 marzo 2017 anche qui.

I Domenica del Tempo di Quaresima

Mt 4, 1-11
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».

Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».

Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».

Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 05 – 11 Marzo 2017
  • Tempo di Quaresima I, Colore viola
  • Lezionario: Ciclo A | Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/toggle]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.