Commento alle letture di domenica 5 Agosto 2018 per bambini – ElleDiCi

116

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

XVIII Domenica del Tempo Ordinario

Capire le parole” per far cogliere o per chiarire il significato di espressioni chiave del testo.
Di più…” con qualche esempio tratto dalla vita o rivolto ad essa.
Per riassumere…” una domanda o una affermazione finale da lasciare alla giovane assemblea.

Abbiamo il desiderio di Dio? È la domanda che oggi Gesù ci fa. Al di là della soddisfazione dei nostri bisogni c’è nel nostro cuore uno spazio per Dio?
Gesù si dona a chi ha fame di lui.

« Io sono il pane della vita;
chi viene a me
non avrà fame».

Dal libro dell’Esodo (Es 16,2-412-15)

Uscito dall’Egitto, nel deserto, il popolo rimpiange ciò che ha lasciato. Ha paura di morire di fame. Esasperato si lamenta. Ma Dio viene in suo soccorso.

Capire le parole

  • Mosè e Aronne. Due fratelli. ll condottiero e il sacerdote suo principale aiutante.
  • Terra d’Egitto. È la nazione dove gli Israeliti avevano trovato ospitalità al tempo della carestia di Giacobbe. Ora sono in fuga dal giogo della schiavitù.
  • «Che cos’è?» (manna). In ebraico «Man hu?», «manna». È il «pane» degli Ebrei nel deserto. È la linfa di un
    arbusto solidificata. Ha sapore di miele. È il cibo dei nomadi.

Dalla tettera di san Paolo apostolo agli Efesini (Ef4,17.20-24)

Nella vita, che cosa ci spinge ad agire? L’apostolo ci rivela il segreto di ogni vita cristiana: la guida interiore, cioè Gesù. Lui solo fa di noi degli uomini nuovi.

Capire le parole

  • Pagani. Gli infedeli, cioè quanti non praticano la religione ebraica. Qui però il riferimento è a Cristo e al
    cristianesimo.
  • Uomo vecchio/ nuovo. È l’uomo prima o dopo il battesimo. Conoscere e seguire Gesù comporta una
    vita nuova, santa, rinnovata dall’amore.

Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 6,24-35)

Gesù nutre il suo popolo. È lui il cibo efficace per la nostra vita, il Pane del cielo che sa di vita eterna.

Capire le parole

  • Vita eterna. È la vita con Dio. Una vita senza fine. Inizia già qui e continua dopo la morte.
  • Credere. In Gesù è il «lavoro», cioè la fede che ottiene il suo cibo, il suo dono.
  • Io sono. È il nome di Dio, lahvè. In bocca a Gesù dice la sua appartenenza al mondo divino.
  • Pane dal cielo pane della vita. È Gesù stesso. Lui è il pane di Dio. Solo lui possiede e dà la vita vera, quella divina.

Di più

Cè un pane e un «Pane»
Gesù ci presenta e ci offre un cibo alternativo. La manna servì da pane agli Ebrei nel deserto. La parola dei profeti alimentò la speranza. La Parola vera e l’alimento che sazia ogni fame è Gesù. Lui ci fa passare dal pane «pane»
al Pane con la «P» maiuscola. È necessario passare dal «pane di Mosè» al «Pane che è Cristo». Conoscere Gesù è l’unico modo di «conoscere», cioè di  «vedere» Dio. A noi provare questo pane alternativo: seguire Gesù per amore, per scoprire il senso della vita e cioè la fede in lui, la vita secondo il suo vangelo, fare il bene agli altri.

Fonte

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

GESU’ E’ IL PANE

[amazon_link asins=’8801058411,8801063113,8801056419,8801059892′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1e41c6f1-c47e-11e7-9974-417047202061′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 29 Luglio 2018 anche qui.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6, 1-15

In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.

Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo».

Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini.

Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano.

E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.

Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 29 Luglio – 04 Agosto 2018
  • Tempo Ordinario XVII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 5 Agosto 2018 – don Marino Gobbin
Articolo successivoIl Vangelo del giorno, 2 Agosto 2018 – Mt 13, 47-53