Commento alle letture di domenica 5 Agosto 2018 – don Enzo Pacini

25

Il commento alle letture di domenica 5 Agosto 2018 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

La fede è apertura al futuro

don Enzo Pacini

La liturgia di questa domenica mette in luce uno degli atteggiamenti più tipici dell’uomo di ogni tempo, ovvero quello dell’idealizzazione del passato. Ricordo che, da bambino, quando in TV non c’erano le centinaia di canali di oggi e quindi la trasmissione da seguire, un festival o altri spettacoli, era la stessa per tutti, il commento ricorrente e invariabile nelle famiglie o fra amici era che «l’anno scorso era meglio». Non per banalizzare, ma anche nel brano di oggi (Gv 6,24-35), dopo l’esperienza della moltiplicazione di pani, la richiesta dei presenti è quella di un segno all’altezza del dono della manna data i padri, come se quello compiuto da Cristo non fosse che una pallida imitazione di quello. Ma al tempo dei padri le cose non andavano diversamente: anche in quel caso il popolo agiva pensando che in fondo «si stava meglio quando si stava peggio», idealizzando lo stato di schiavitù come il paese di cuccagna o un villaggio vacanze (Es 16,2-15; 1a lettura), e poi disprezzando il dono del pane del cielo perché nauseante e ripetitivo (cf. Num 21,5), come un qualsiasi rancio da caserma o penitenziario.

L’idealizzazione del passato è un ostacolo non da poco per la vita dell’uomo perché porta a falsare la prospettiva e toglie orizzonte al presente e al futuro. A livello politico e anche religioso la fissazione sul passato porta a chiudere gli occhi sul presente, non permette di interpretare i fatti ed elaborare percorsi; i sogni revanscisti di quello o quell’altro stato hanno portato nei secoli a guerre e distruzioni immani, l’idealizzazione delle proprie radici a non comprendere i cambiamenti del presente. Anche le rimpatriate degli amici di infanzia sono spesso deludenti perché semplicemente il tempo è passato e quelle persone non sono più le stesse.

La memoria è senza dubbio un grande dono, anche a livello spirituale, la Bibbia stessa mette in guardia dal rischio di dimenticare, ma perché si possa vedere il cammino che il Signore ci ha fatto percorrere (cf. Dt 8,2). Del resto esiste anche una dimenticanza meritoria (cf. Fil 3,13), se questa ci impedisse di esser protesi verso il futuro. La stessa fede in Gesù Cristo è una realtà dinamica: credere è un opera, non un concetto, è conformare la nostra vita al suo progetto, al cammino da lui aperto venendo dal Padre e compiuto con il ritorno a Lui. In questo senso la fede è questa apertura al futuro di Dio, e la stessa eucarestia che celebriamo è una finestra aperta sul mondo futuro, è sì memoria, ma celebrata nell’ attesa del suo ritorno.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 5 Agosto 2018 anche qui.

Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6,24-35
 
In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?».
 
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».
 
Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
 
Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

Parola del Signore

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.