Commento alle letture di domenica 4 Novembre 2018 – Missionari della Via

105

Il commento alle letture di domenica 4 Novembre 2018 a cura dei Missionari della Via.

Uno scriba, ovvero un esperto della sacra Scrittura, si avvicina a Gesù per chiedergli quale sia il primo in ordine di importanza dei comandamenti. A quel tempo, questa era una discussione molto accesa. I dieci comandamenti erano stati interpretati e “sminuzzati” in una “selva di precetti” che rendevano impossibile la loro osservanza. Perciò si cercava di darne una priorità per riuscirsi ad orientare.

Gesù nella sua risposta mette al primo posto l’amore per Dio che deve coinvolgere tutta la persona, distinguendolo dal secondo, ovvero l’amore per il prossimo, ma in modo sorprendente li qualifica come un unico comandamento. Vediamo meglio.

La risposta di Gesù richiama anzitutto il famoso šema’ yiśrā`ēl (ascolta Israele) di Dt 6,4-5 con cui iniziano i comandamenti. Dio inizia dicendoci: ascolta. Ascoltare vuol dire far spazio a quella parola che si ode, farla penetrare nel cuore e custodendola, far sì che si incarni nelle opere. Dall’ascolto entra la fede, entra la vita. Ascolta dunque; non rimanere chiuso, rinserrato nei tuoi pensieri e progetti. Ascolta: il Signore nostro Dio è l’unico Signore.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”0″][/better-ads]

È l’unico, non c’è ne sono altri. Eppure quante volte diamo il nostro cuore ad altri presunti “signori” che ci dominano e schiavizzano. Quante volte assolutizziamo ciò che ci dà piacere, ciò che è alla moda. Quante volte ci disperdiamo in spiritualità astratte, cercando qui e lì dove fondare la vita. Il nostro Dio è l’unico. Dunque lo amerai con tutto il cuore, con tutta l’anima, con tutta la mente. Gesù esprime le caratteristiche dell’amore per Dio, che deve coinvolgere tutta la persona e tutto il suo impegno.

Vuol dire orientare a lui pensieri, affetto, volontà, cercandolo in ogni cosa, cercando di amarlo in ogni cosa, facendo con tutto il cuore ciò che qui e ora ci chiede. Risuona per tre volte: con tutto… Quante volte diamo tutto il nostro cuore, rimanendo delusi e magari traditi, a persone, progetti, lavoro, carriera… possiamo dire di amare Dio con tutto noi stessi? Chissà come cambierebbe la nostra vita se provassimo a farlo! A questo comandamento, Gesù associa un comandamento che già c’era nell’AT in Lv 19,18, che è quello di amare il prossimo come se stessi.

«Solo nella misura in cui ognuno sperimenta un sano amore per sé, come creatura nata dall’amore di Dio, fatta a sua immagine e somiglianza, è capace di amare gli altri con un amore autentico» (Sergio Briglia).

Gesù così ci mostra che i due comandamenti seguono un certo ordine, ma ne formano uno solo, perché l’amore è un’unica realtà che abbraccia Dio e gli altri: non è a compartimenti stagni o escludente (uno lo amo l’altro no), ma è inclusivo.

San Giovanni nella sua lettera dice che nessuno può amare Dio che non vede, se non ama il fratello che vede. Lo scriba gioisce per la risposta di Gesù e ne coglie il cuore: amare val più di tutti gli olocausti e i sacrifici, frase che riprende Os 6,6 dove Dio aveva detto:

«voglio l’amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio più di tutti gli olocausti».

Spesso Dio tramite i profeti aveva rimproverato un culto vuoto, senza amore, ridotto a un ritualismo sterile. L’autenticità del nostro rapporto con Dio e del nostro amore per lui la si vede nell’amore che abbiamo verso gli altri.

Possiamo pregare 10 ore al giorno per sentirci a posto, ma se quella preghiera non ci porta a cambiare nei nostri modi di fare, serve a ben poco… Ecco il cuore della nostra fede: amare Dio con tutto noi stessi e il nostro prossimo come noi stessi, anzi, Gesù dirà, come io vi ho amati, cioè nella misura della croce, dando la vita per gli altri. L’amore potremmo dire che è il termometro della fede ed è l’anima della stessa.

Che il Signore ci aiuti a fare della nostra vita un capolavoro d’amore.

Preghiamo la Parola

Signore, aiutaci ad amare come tu ci ami.

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Analizza la tua anima: Dio è davvero al primo posto nella tua vita? Cerchi di amarlo con tutto te stesso/a?
Cosa significa per te amare Dio?

CARITA’: Testimonianza di vita

Cerco di amare il mio prossimo (almeno) come me stesso? Ho un cuore libero verso tutti? Dove mi rendo conto che potrei donarmi di più?

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 4 novembre 2018 anche qui.

Vendi quello che hai e seguimi.

Mc 12, 28-34
Dal Vangelo secondo Marco

28Allora si avvicinò a lui uno degli scribi che li aveva uditi discutere e, visto come aveva ben risposto a loro, gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 29Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; 30amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. 31Il secondo è questo: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 32Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; 33amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». 34Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 04 – 10 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]