Commento alle letture di domenica 3 Giugno 2018 per bambini – ElleDiCi

Pubblicità

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

Festa del Corpo e del Sangue di Cristo

Nella Messa, Gesù Cristo ci offre il suo corpo e il suo sangue. Egli viene tra noi. E il mistero che oggi festeggiamo in modo particolare.

Gesù celebra la cena pasquale con i suoi discepoli.

Capire le parole” per far cogliere o per chiarire il significato di espressioni chiave del testo.
Di più…” con qualche esempio tratto dalla vita o rivolto ad essa.
Per riassumere…” una domanda o una affermazione finale da lasciare alla giovane assemblea.
Dal libro dell’ Esodo – Es 24, 3-8

Nel deserto, gli Ebrei offrivano a Dio dei sacrifici. Celebravano l’Alleanza che Dio aveva concluso con loro.

Capire le parole

  • Olocausto. Sacrificio in cui gli animali vengono interamente bruciati.
  • Sacrificio. Indica il dono che gli Ebrei facevano a Dio. Uccidevano degli animali, ne mangiavano la carne ma non il sangue. Non lo toccavano perché il sangue era segno della vita che appartiene solo a Dio.

Di più

Forza della linfa.
Un albero, per crescere, ha bisogno di linfa. La attinge dalla terra e circola dalle sue radici fino alla foglia più alta. Allo stesso modo il sangue circola nel nostro corpo per mantenerlo in vita. Quando diciamo che il sangue di Cristo ci dona la vita, significa che Cristo, il Figlio di Dio, ci fa vivere come Dio desidera.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Ebrei – Eb 9, 11-15

Anche Gesù offre un sacrificio a Dio: dona se stesso. Cosi noi siamo più vicini a Dio, spiega san Paolo al termine di questa lettura.

Capire le parole

  • Mediatore. Colui che aiuta due persone a trovare un accordo.
  • Alleanza. È il patto di amicizia tra Dio e il popolo d’Israele. Il segno di questa amicizia è la legge che Dio ha
    dato al suo popolo. Seguendola, il popolo resta amico di Dio. Gesù è venuto a concludere una nuova Alleanza dove Dio offre la sua amicizia a tutti gli uomini.

Di più

Ricaricare le pile
Quando le pile sono esaurite, un giocattolo non funziona più: non suona più, la spia è spenta… Non ha più energia! Anche noi abbiamo bisogno di energia: per essere gioiosi, per pregare, per amare. Ogni domenica i cristiani ricevono questa energia. Si ritrovano insieme, ascoltano la Parola di Dio, comunicano al corpo di Cristo e sono inviati ai loro fratelli. Come per un giocattolo, per noi è importante verificare se le nostre pile funzionano!

Dal Vangelo secondo Marco – Mc 14, 12-16. 22-26

Domani Gesu morirà. Per l’ultima volta cena con i suoi amici. Come ora dona loro il pane e il vino, domani offrirà il suo corpo e il suo sangue.

Capire le parole

  • La Pasqua. In questo giorno gli Ebrei ricordano la liberazione dei loro antenati schiavi in Egitto. Essi mangiano la stessa pietanza: focacce di pane ed erbe amare. Perché Dio continui ad aiutarli come fece con i loro
    antenati.

Fonte – ElleDiCi

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

GESÙ C’È

[amazon_link asins=’8801058411,8801063113,8801056419,8801059892′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1e41c6f1-c47e-11e7-9974-417047202061′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

DOMENICA del CORPUS DOMINI

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 3 Giugno 2018 anche qui.

Mc 14, 12-16. 22-26
Dal Vangelo secondo Marco

Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?».
Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”. Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi».
I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua.
Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio».
Dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 03 – 09 Giugno 2018
  • Tempo Ordinario IX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Potrebbe piacerti anche