Commento alle letture di domenica 29 Aprile 2018 per bambini – ElleDiCi

125

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

Da duemila anni milioni di persone sono diventate cristiane. Perché? Perché hanno scoperto che Gesù era essenziale per loro come la linfa per la vite.

Gesù disse:
«lo sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore.
Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia»

Capire le parole” per far cogliere o per chiarire il significato di espressioni chiave del testo.
Di più…” con qualche esempio tratto dalla vita o rivolto ad essa.
Per riassumere…” una domanda o una affermazione finale da lasciare alla giovane assemblea.
Dagli Atti degli Apostoli – At 9, 26-31

Paolo era nemico dei cristiani, ma incontrò Gesù risorto e divenne suo discepolo. Come lo hanno accolto gli altri discepoli?

Capire le parole

  • Fratelli. I primi cristiani tra loro si chiamavano “fratelli” per il Battesimo che li aveva resi fratelli e
    sorelle di Gesù e figli di uno stesso Padr.
  • Timore del Signore. Espressione efficace per dire l’insieme di paura, di rispetto e di meraviglia degli uomini davanti a Dio.
  • Conversione. Atto di convertirsi, di “volgersi verso”. Qui, si tratta di volgersi verso Dio.

Di più

  • Paolo totalmente capovolto!
    Incredibile. Paolo, nemico accanito dei primi cristiani, diventa san Paolo, apostolo di Cristo! La sua conversione è repentina. Sulla strada di Damasco, mentre andava ad arrestare i cristiani, incontra Gesù, che gli chiede: “Perché mi perseguiti?”. Paolo è sconvolto e per tre giorni perde la vista. Dopo riceve il battesimo e la sua vita cambia radicalmente.
Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo – 1 Gv 3, 18-24

È semplice essere uniti a Dio: basta credere in Gesù Cristo e amare gli altri.

Capire le parole

  • Verità. Amare in verità non è amare a parole o avere dei buoni sentimenti. E servire, ascoltare, aiutare, condividere per davvero, come ha fatto Gesù.
  • Credere. È avere fede, è confidare totalmente qualunque cosa accada. Dio non ci abbandonerà mai.

Dal Vangelo secondo Giovanni – Gv 15, 1-8

Gesù lascia un messaggio a chi lo vuol seguire: restare uniti a lui come i tralci alla vite, nutrendosi di linfa e portando più frutto!

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Capire le parole

  • Tralcio. E un ramo della vite.
  • Frutto. Gesù consiglia a chi lo vuol seguire di restare unito  lui, come i tralci alla vite. Si riceve la linfa e un  giorno si darà frutto. Anche noi possiamo dare frutto, non certo uva, ma tutto ciò che facciamo di bello e di  buono per gli altri: un gesto gentile

Di più

Strofinare la lampada.
Esprimi un desiderio, strofina la lampada ed hop un castello! Bum, una corona! Oh, che bellezza! 0 una moto, una villa con piscina, o un principe affascinante… Le cose che desideriamo ci rendono felici a lungo? In realtà non sappiamo ciò che ci rende veramente felici.
Dio solo lo sa. Se lo invitiamo nel nostro cuore, diventiamo capaci di domandare i veri tesori. Questi ce li dona volentieri, anche al di là delle nostre attese…

Fonte – ElleDiCi

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

LA VITE, I TRALCI E I FRUTTI

[amazon_link asins=’8801058411,8801063113,8801056419,8801059892′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1e41c6f1-c47e-11e7-9974-417047202061′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
V DOMENICA DI PASQUA – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 29 Aprile 2018 anche qui.

Gv 15, 1-8
Dal Vangelo secondo Giovanni

1«Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. 2Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. 3Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. 4Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. 5Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 6Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. 7Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. 8In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 29 Aprile – 05 Maggio 2018
  • Tempo di Pasqua V
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.