Commento alle letture di domenica 28 Marzo 2021 – Carlo Miglietta

253

Commentare la Passione e Morte di Gesù secondo Marco comporterebbe  una lunghissima meditazione. Più che soffermarmi su alcuni temi generali, ho preferito riportare tanti spunti esegetico-spirituali per i singoli brani, per lasciare che ciascuno nella Settimana Santa contempli la “Parola della Croce” (1 Cor 1,18) nella preghiera individuale o comunitaria.

Sommario: 14,1-2

La decisione di uccidere Gesù, l’unzione di Betania e il tradimento di Giuda vengono posti da Marco a due giorni dalla Pasqua: l’Ultima Cena avverrebbe così di giovedì e Gesù sarebbe crocifisso di venerdì, primo giorno di Pasqua. Ma è improbabile che in tale giorno avvenga un’esecuzione, perciò tale calendario non sembra avere valenza storiche, quanto liturgiche: ma forse  Marco vuole dirci che Gesù è la Nuova Pasqua.

LA PASSIONE E MORTE: 14-15

Il Vangelo di Marco è “il Vangelo della Croce”: pertanto Marco dedica ben 140 versetti su 678 al racconto della Passione e Morte del Signore. E’ nel mistero della Passione che Dio si rivela (14,40.62), è alla sua Morte che Gesù è riconosciuto come Figlio di Dio (15,39).

L’unzione a Betania: 14,3-9

Per Marco è una donna che scopre a Betania, la “casa del povero”, che Gesù è l’afflitto, il sofferente per eccellenza, e che dà per lui “tutto ciò che poteva” (14,8). Ci sono vari riferimenti ecclesiologici:

a) siamo “in casa”, cioè nella Chiesa, dove troviamo un ex-lebbroso e una prostituta: la Chiesa luogo dei poveri, dei peccatori;

b) Gesù è il Sacerdote, che vive in comunità (Sl 133);

c) Gesù è lo Sposo del Cantico, che viene profumato dalla Sposa, la Chiesa (Ct 1,3; 5,5);

d) la Chiesa proclama la regalità di Cristo;

e) Gesù Re deve essere servito nei sofferenti (9,36).

Il tradimento di Giuda: 14,10.17-20

Il tradimento di Giuda viene da Gesù annunciato con il Sl 41: “Beato l’uomo che ha cura del debole”: Giuda non accetta la debolezza della croce. Ogni discepolo potrebbe essere lui il traditore (14,19). 

La preparazione della Pasqua: 14,12-16

a) Probabilmente l’uomo che porta la brocca è un Esseno: mai un ebreo avrebbe fatto questo servizio tipicamente femminile: forse Gesù celebra la Pasqua secondo il calendario di Qumram, al martedì sera (il che permetterebbe poi di collocare meglio tutti gli altri eventi della Passione);

b) nell’acqua dell’uomo che li porterà alla sala del banchetto taluni vedono il simbolo del battesimo, che introduce all’Eucarestia;

c) parallelismo con Mc 11,1-6: la “stanza” di Dio non è più il Tempio, ma l’Eucarestia.

Istituzione dell’Eucarestia: 14,22-25

a) Durante la cena pasquale, Gesù compie un “mimo”: egli si dona ai suoi per essere “mangiato” come il pane e il vino;

b) egli offre il suo “corpo”- basar e il suo “sangue”- wadam: in ebraico basar-wadam indica le due parti del sacrificio di alleanza: è la nuova Alleanza profetizzata da Ger 31,31-34;

c) l’Ultima Cena è figura del banchetto messianico (14,25);

d) il vino del Sabato senza fine è anche quello dei due innamorati che nel Cantico celebrano la loro unione (Ct 5,1; 7,10-13; 8,2).

Predizione del rinnegamento di Pietro: 14,26-31

a) L’istituzione dell’Eucarestia è posta tra l’annuncio del tradimento di Giuda e la profezia del rinnegamento di Pietro;

b) Gesù canta l’inno, il Grande Hallel (Sl 136), che loda Dio, di cui eterna è la misericordia, che percuote le nazioni per Israele; e cita Zc 13,7: è per amore che Dio percuote il suo Messia.

Al Getsemani: 14,32-42

a) Ai discepoli che Gesù ha voluto con sé alla Trasfigurazione e alla resurrezione della figlia di Giairo, Gesù chiede solidarietà nell’ora suprema;

b) Gesù sperimenta fino in fondo l’umana finitudine, il fallimento completo, e li esprime citando i Sl 42 e 43;

c) Gesù fa una preghiera che riecheggia il “Padre nostro”, da Marco non riportato: la vera richiesta del credente è sempre solo di fare la volontà di Dio;

d) la volontà di Dio è il superamento del limite creaturale che egli stesso prende su di sé, nella Persona del Figlio, fino alla morte;

e) il credente sperimenta spesso il silenzio di Dio;

f) nella lotta con Dio Giacobbe ottiene un nome nuovo, Israele (Gen 32); qui Gesù proclama Dio con un Nome che solo qui risuona nei Vangeli: “Abbà”, cioè “Papalino”, “Papi” (cfr Rm 8,15; Gal 4,6).

L’arresto di Gesù: 14,43-52:

a) Gesù è “consegnato” da Giuda, che gli dà il bacio tipico del discepolo al Rabbi;

b) Marco non ci motiva il tradimento di Gesù: è per lui esperienza frequente nella vita del singolo e della comunità;

c) Marco non nomina che abbia reciso l’orecchio del servo del Sommo Sacerdote; Gesù interviene solo per affermare che egli ormai è considerato alla stregua di un brigante, e che così si compiono le Scritture;

d) un giovane fugge nudo: è Marco? O c’è un riferimento ad Am 2,15, che afferma che nel “Giorno di IHWH” “il più coraggioso tra i prodi fuggirà nudo”? O alla divinità di Cristo definitivamente “deposta”, e ripresa alla resurrezione, quando riappare “un giovane, vestito di una veste bianca” (Mc 16,5)?

Gesù confessa la sua divinità: 14,53-65

a) Il Sommo Sacerdote è Giuseppe detto Kayepha, l’Inquisitore, Sadduceo in carica fino al 36 d. C., genero di Anna, che lo precedette come Sommo Sacerdote;

b) il vero fuoco (14,54) è Cristo, che è al contempo olocausto;

c) i falsi testimoni adempiono il Sl 27,12; l’accusa di distruggere il tempio ritorna in 15,29 e At 6,14: i testimoni sono falsi perché non vedono in Gesù il nuovo tempio spirituale;

d) Gesù tace come il Servo Sofferente di Is 53,7 (Sl 39);

e) Gesù si proclama Dio: “Io sono!” (14,62); ora, che è stato “consegnato”, può venire meno il segreto messianico;

f) il Sommo Sacerdote si straccia le vesti, contravvenendo a Lv 21,10; è la fine del Sacerdozio antico: Gesù, con la sua tunica integra, è il nuovo Sommo Sacerdote (Eb 7-10);

g) Gesù è oltraggiato come il Servo Sofferente di Is 50,6-11.

Pietro rinnega il Signore: 14,66-72

a) Pietro, la roccia, rinnega il Cristo per ben tre volte;

b) si scalda a un fuocherello, e non alla fiamma viva del Cristo;

c) Gesù si è appena rivelato come Dio e Signore, Pietro subito lo misconosce;

d) Pietro però fa memoria della Parola del Signore, e il suo pianto è conversione (Lam 3,17-23; 5,15-17).

Gesù consegnato a Pilato: 15,1-15

a) Il verbo “consegnare” ricorre 10 volte nei capitoli 14 e 15: qui Gesù è consegnato ai pagani;

b) l’accusa è di essere un rivoluzionario, un Re dei Giudei: ma Gesù intende questo titolo in modo diverso da quello di Pilato (Gv 18,33);

c) però preferisce tacere: è “l’agnello afono” davanti a cui i pagani si stupiscono (Is 52,15; 53,7);

d) Bar Abba, cioè “figlio del padre”, cioè “di n.n.”: la scelta è tra un figlio di nessuno e il Figlio del Padre, di Dio: ma il Figlio del Padre riscatta tutti noi, figli di nessuno, l’innocente salva i peccatori, il pacifico i violenti.

Gesù è il Re incoronato: 15,16-20

Marco si dilunga sull’incoronazione di spine:

a) in Israele solo Dio è il Re (cfr Sl regali);

b) i soldati, nella loro parodia, proclamano la grande verità della regalità di Cristo;

c) come Mosè si era inginocchiato davanti al roveto ardente, così i soldati si prostrano dinanzi al coronato di spine.

La crocifissione: 15,21-27

a) Gesù è condotto exo, fuori, per essere crocifisso, per morire fuori di Gerusalemme come i profeti (Mc 12,8);

b) Simone di Cirene, che diventerà un conosciuto cristiano (Rm 16,3), è il tipo del discepolo, chiamato a portare la croce dietro al suo Signore (Mc 8,34; Lc 23,26);

c) Simone il Papa non c’è, ma c’è Simone di Cirene, un ebreo della diaspora, che vive in Libia;

d) il potere fa portare la croce a uno straniero, a un poveraccio;

e) anche per Gesù portare la croce è grave fatica, è tortura;

f) coloro che portano la croce sono immagine e sostituzione di Cristo stesso;

g) Gesù viene sepolto al “luogo del cranio”, dove la tradizione voleva fosse stato sepolto Adamo: la croce è il nuovo albero della vita, che determinerà una nuova creazione;

h) Gesù rifiuta l’anestetico offertogli (Pr 31,6): egli è il Pastore di Israele che non si addormenta (Sl 121,4-5), il Messia che deve bere il calice della salvezza del mondo (Sl 69; 75);

i) le vesti vengono sorteggiate, come profetizzato nel Sl 22,19: Gesù resta nudo, come Adamo dopo il peccato (Gen 3,10);

l) l’ora terza è quella della preghiera del mattino;

m) l’iscrizione sulla croce proclama la Regalità di Cristo;

n) Gesù è crocifisso tra due briganti, adempiendo Is 53,12, Sl 22,17, Zc 13,6.

Gesù crocifisso deriso: 15,29-32

a) Gesù è il Servo schernito, di fronte a cui si scuote il capo (Is 53,3-5; Sl 22,7-8; 109,25; Sap 2,18-20);

b) è beffeggiato come profeta che ha annunciato la distruzione del Tempio (14,65; 15,29), in realtà sulla croce si realizza proprio la distruzione del Tempio del suo corpo;

c) è vilipeso come Sommo Sacerdote che deve salvare gli altri (14,63; 15,31), in realtà sulla croce sta salvando il mondo;

d) è deriso come Re (15,17-18.32), in realtà è IHWH che regna dal legno (Sl 96,10);

e) il credente è colui che accetta il suo Signore in croce, il non credente è colui che rifiuta un Dio che si fa uccidere.

La morte di Gesù: 15,32-40

a) La morte di Gesù avviene in una cornice apocalittica (Am 8,9-10); le tenebre ricordano la prima creazione (Is 43,19), e il grido di Gesù squarcia il silenzio primordiale e inizia una nuova Genesi; la sua preghiera, il Sl 22, viene scambiata per un’invocazione ad Elia, che era atteso per inaugurare il Regno di Dio (Ml 3,23);

b) Gesù viene dissetato con aceto, realizzando il Sl 69,22 e il Sl 22,16: l’uomo risponde con vino vecchio al vino nuovo dell’Alleanza;

c) Gesù muore solo, abbandonato da tutti (Sl 38);

d) “Gesù, dando un forte grido, spirò”: è il grido che proclama la definitiva sconfitta del male (9,26), che annuncia la liberazione di Gerusalemme (Is 40,2-9), è il grido della nuova creazione (Gen 1,1-2);

e) il velo del tempio si squarcia dall’alto in basso, cioè per opera di Dio: la carne di Cristo squarciata è il velo attraverso il quale abbiamo accesso al Santo (Eb 10,19-20);

f) “vistolo spirare in quel modo”, il centurione proclama Gesù Figlio di Dio: la Croce è la massima rivelazione di Dio, del suo essere Amore;

g) per l’ebreo credente l’uomo non può vedere Dio e restare in vita (Es 33,20): le donne perciò contemplano “da lontano”;

h) le pie donne sono tipo del discepolo, che sta con Gesù anche al momento della Croce;

i) solo alcune donne rimangono fedeli: Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i sapienti (1 Cor 1,27-29);

l) le donne sono il resto d’Israele, il resto fedele (Zc 12,10; Ger 23,23).

La sepoltura: 15,42-47

a) Il condannato doveva essere sepolto il giorno stesso dell’esecuzione (Dt 21,22-23);

b) Giuseppe d’Arimatea è anch’egli tipo dell’Israele fedele e del discepolo (15,43);

c) Abramo, della terra promessagli da Dio, possederà solo un sepolcro (Gen 23,4): così Gesù possiede solo un sepolcro;

d) i giusti hanno un sepolcro (1 Re 14,13; At 2,29…), gli empi no (2 Re 9; Dt 28; Ger 16; 25; Sl 79);

e) ma colui che è posto nella tomba come un oggetto, resusciterà il terzo giorno, nel Sabato eterno.


Articolo precedenteLettera apostolica di Papa Francesco “Candor lucis aeternae” in occasione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo di domenica 28 Marzo 2021