Commento alle letture di domenica 24 Novembre 2019 per bambini – ElleDiCi

3

Commento alle letture di domenica e spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

PRIMA LETTURA (2 Samuele 5,1-3)

Davide ha unificato Giuda e Israele, facendone un solo regno. Dopo Salomone, la restaurazione del regno di Davide resterà un sogno. La sua realizzazione sarà affidata al Messia. Gesù realizzerà un Regno ben diverso.

Capire le parole

  • Noi siamo tue ossa e tua carne. Questa espressione indica il più stretto senso di appartenenza dei sudditi al loro re David e la loro totale sottomissione.
  • Ebron. Era una città della regione montuosa di Giuda. Si trova circa 30 km a SSO di Gerusalemme e a un’altitudine di oltre 900 metri sul livello del mare. Vanta la caratteristica di essere una delle più antiche località del Medio Oriente ancora abitate.

SECONDA LETTURA (Colossesi 1,12-20)

Si era diffuso nelle comunità cristiane il timore che esistessero degli spiriti che, sfuggendo al potere di Cristo, potevano condizionare in negativo la vita dei credenti. Paolo, in catene, reagisce con forza e innalza questo inno per celebrare la potenza divina del Signore Gesù, che domina su tutte le creature e che salva l’umanità intera.

Capire le parole

  • Potere delle tenebre. È il male che si esprime nel peccato dell’uomo, ed è associato all’idea del buio.
  • Tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui. Gesù è riconosciuto come l’architetto che è alla base della creazione e come il modello a cui guardare, come il progetto da seguire, come la finalità ultima da raggiungere.

VANGELO (Luca 23,35-43)

Il popolo guarda Gesù in croce senza capire, i capi lo insultano e i soldati li imitano, il primo ladrone cerca di strumentalizzarlo, il secondo lo dichiara innocente e si affida a lui. In questo brano Luca presenta la regalità autentica di Gesù e le reazioni che gli uomini possono avere nei suoi confronti.

Capire le parole

  • Costui è il re dei Giudei. Questa frase scritta su legno al di sopra del capo di Gesù aveva un evidente intento di scherno (dissero poi a Pilato: non scrivere che Lui è…, ma che lui dice di essere…), ma finì per diventare involontariamente un riconoscimento della regalità di Gesù.

PER RIASSUMERE…

È un po’ difficile che noi usiamo queste parole nella preghiera, perché sappiamo che il Signore non può dimenticarsi di noi. Ma per il buon ladrone, che le dice mentre condivide la croce con Gesù, è un bell’atto di fede. Possiamo usarle anche noi nella celebrazione eucaristica, quando vogliamo esprimere il nostro pentimento per esserci noi dimenticati di lui, e il nostro desiderio di sentirlo vicino a noi.

Fonte (e molto altro materiale) sul sito elledici.org