Commento alle letture di domenica 23 Settembre 2018 – don Enzo Pacini

21

Il commento alle letture di domenica 23 settembre 2018 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

Il mistero della morte, l’accoglienza dei «piccoli»

don Enzo Pacini

La liturgia di questa domenica ci conduce, attraverso il rinnovato annuncio della passione che incontriamo nel Vangelo (Mc 9,30-37), adombrato in qualche modo già nel brano della prima lettura (Sap 2,12-20), a toccare da vicino il mistero dell’iniquità, della malvagità umana che nella vicenda di Cristo ha il suo culmine e la manifestazione della sua pervasività, come la punta di un iceberg poggia su una massa sommersa immensamente più grande.

Se nell’ottica cristiana la croce di Cristo è circonfusa di luce, della gloria che da essa promana per il mistero della redenzione che veicola e manifesta, non può però essere utilizzata come svalutazione, tantomeno giustificazione, del dramma universale sul quale è piantata. Certo, la morte è colpita nella sua signoria proprio dalla morte di Cristo, ciò non toglie che le modalità riproduttive, i suoi tentativi di ribaltare una sorte ormai segnata dalla vittoria dell’Agnello, siano costantemente all’opera.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”0″][/better-ads]

Nel complotto degli empi di cui parla Sapienza possiamo facilmente riconoscere strategie tuttora utilizzate: bersagliare il mite con l’arma dell’ironia, dello scherno, il bullismo del branco con la loro funebre allegria, il risolino sommesso dei pavidi che si accodano ai vari leader, le minacce gridate sui social comodamente al riparo dell’anonimato. Vi è perfino un riferimento a Dio, cooptato nella complicità: ci penserà Lui a correggere eventuali errori di valutazione. La morte si dà una parvenza di rispettabilità: per un bene maggiore, la sicurezza, l’ordine, si può imprigionare, torturare, imbavagliare i dissidenti, farli sparire, rapirne i figli, chiudere i giornali, l’importante è che cresca il PIL. La morte continua ad operare dissimulando, travestendosi da vita, illudendo di essere a servizio di essa.

La vicenda della reazione dei discepoli all’annuncio di Cristo su chi sia il più grande dà il senso di questo equivoco: non so dire se questo fosse provocato dallo scatenarsi di una lotta per la successione dopo la dipartita del Maestro o più semplicemente perché essi neppure lo hanno ascoltato, presi da tutt’altri pensieri. La chiarificazione di Cristo è essenziale: siccome Egli verrà ucciso e risusciterà, allora per incontrarlo bisognerà accogliere il più piccolo, come il fanciullo in mezzo a loro. Vi è una consequenzialità, non sono due capitoli separati; vi è una nuova ottica per giudicare la realtà, una presa di distanza da modelli consolidati e apparentemente vincenti. La centralità del debole nella comunità è il termometro da osservare, il resto è paccottiglia. Tutto questo potrebbe sembrare scontato, quante volte abbiamo letto e ascoltato della centralità del piccolo nella comunità cristiana, eppure anche questo elemento basilare può entrare in crisi. Non solo perché continuano ad emergere storie di abusi nella Chiesa compiuti proprio su coloro che dovrebbero essere al cuore della sua sollecitudine, ma anche perché proprio l’idea della centralità del piccolo, di un suo «magistero» viene messa in questione.

Anche nei confronti dei piccoli affamati, feriti, profughi è facile distogliere lo sguardo. L’idea di un’ attenzione privilegiata che renda «figli di tutti» coloro che spesso vivono come «figli di nessuno» viene liquidata come un residuato di ideologie sorpassate e un po’ ridicole. Ragazzi naufraghi nel mediterraneo o in internet, conservano comunque il segreto per comprendere il Cristo, il suo pensiero, il suo cammino, la sua identità, parola da ascoltare per non perdersi definitivamente.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 23 Settembre 2018 anche qui.

Il Figlio dell’uomo viene consegnato…

Mc 9, 30-37
Dal Vangelo secondo Marco

30Partiti di là, attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. 31Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». 32Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo. 33Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». 34Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. 35Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti». 36E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: 37«Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 23 – 29 Settembre 2018
  • Tempo Ordinario XXV
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.