Commento alle letture di domenica 21 Ottobre 2018 per bambini – ElleDiCi

91

Spunti di riflessione dedicati ai catechisti o ai sacerdoti per impostare l’omelia per la messa con i bambini.

XXIX Domenica del Tempo Ordinario

Anche quando ci viene affidato il comando, dobbiamo restare al servizio degli altri. Come Gesù. Egli ha sempre voluto essere «servo».

Giacomo e Giovanni dissero a Gesù:
«Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla
tua destra e uno alla tua sinistra».

Dal libro del profeta Isaia (Is 53,2a.3a.10-11)

500 anni prima di Cristo, Isaia parlava già di un misterioso servo di Dio. I cristiani riconoscono in Gesù questo servo fedele.

Al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori.
Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione,
vedrà una discendenza, vivrà a lungo,
si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.

Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce
e si sazierà della sua conoscenza;
il giusto mio servo giustificherà molti,
egli si addosserà le loro iniquità.

Capire le parole

  • Sacrificio di riparazione. È un sacrificio offerto a Dio per chiedere il perdono per il male commesso.
  • Discendenza. I discendenti di qualcuno: i suoi figli, i suoi nipoti, i suoi pronipoti, ecc.
  • Sazio. Colmo, strapieno, soddisfatto, felice.
  • Giustificare. Rendere giusto, mettere sul cammino di Dio.

Di più

Servire
Quando annoti i compiti per un compagno malato, rendi un servizio. Quando ti occupi del tuo fratellino o della tua sorellina, rendi un servizio. Servire ed essere servo come dice la Bibbia, non è la stessa cosa. Il
servo è colui che mette la sua vita nelle mani del suo padrone. Usa tutta la sua energia per fare ciò che il padrone chiede. Gesù Cristo è il servo del Padre. E ha voluto mostrarci quanto il Padre ci ama: a prezzo della
sua vita.

Dalla lettera agli Ebrei (Eb 4, 14-16)

Questa lettera si rivolge agli ebrei diventati cristiani. Insegna che Gesù è il solo sommo sacerdote che può veramente guidare verso Dio.

Fratelli, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, che è passato attraverso i cieli, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della fede.
Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato.
Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.

Capire le parole

  • Sommo sacerdote. Era il capo dei sacerdoti del Tempio, il solo che poteva entrare una volta all’anno nel Santo dei Santi: la parte più interna del Tempio, vuota. Essa poneva in evidenza la presenza misteriosa di Dio nel cuore del mondo. Per l’autore della lettera, Gesù è diventato il solo vero sommo sacerdote perché ha
    dimostrato che Dio è al centro della vita degli uomini.
  • Ricevere misericordia. Essere perdonati da qualcuno.

Dal vangelo secondo Marco (Mc 10, 35-45)

Giacomo e Giovanni avevano sperato nel loro cuore che Gesù stesse per diventare un grande re. E anche loro sognavano di diventare potenti. Ma Gesù ricorda la sua vera missione e quella dei discepoli.

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».

Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».

Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Capire le parole

  • Fare per noi. Esaudire, rispondere favorevolmente a…
  • Battesimo. Non si tratta del battesimo di Gesù ricevuto da Giovanni Battista nell’acqua del Giordano. Qui
    Gesù parla della sua immersione nelle acque della morte e della risurrezione.
  • Nazioni. Così gli Ebrei indicavano i popoli che non professavano la loro stessa fede.

Di più

Super eroe!
Conosci gli eroi dei cartoni animati. Hanno molti poteri, ed utilizzano la loro forza per compiere il ma anche il
male. Tutti li rispettano perché mostrano la loro superiorità e che nessuno è come loro. Ma per chi vuole essere un eroe seguendo Gesù, è diverso! Egli chiede di diventare servi di tutti. Perché per lui il vero potere è questo: amare gli altri senza cercare di essere al primo posto.

Fonte

Scarica e colora la vignetta di RobiHood

L’ULTIMO

[amazon_link asins=’8801058411,8801063113,8801056419,8801059892′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1e41c6f1-c47e-11e7-9974-417047202061′]

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 21 Ottobre 2018 anche qui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.