Commento alle letture di domenica 2 Dicembre 2018 – Missionari della Via

65

Il commento alle letture di domenica 2 Dicembre 2018 a cura dei Missionari della Via.

Eccoci nel tempo dell’Avvento, tempo che ci vuol svegliare dal torpore, ridestando in noi l’attesa per il Signore che viene. Sì, c’è il Signore in arrivo, pieno di grazie da non perdere: ci vuole perciò un atteggiamento vigilante nella preghiera e operoso nella carità. A Natale festeggiamo la prima venuta di Gesù nell’umiltà: ora lo attendiamo nella gloria, come Lui ci ha promesso, e noi vogliamo essere pronti a questo incontro; anche perché ogni giorno il Signore ci viene incontro in tanti modi misteriosi (dai sacramenti all’incontro con i poveri) e noi non vogliamo perdere i nostri appuntamenti con Lui! Il Vangelo di oggi è composto da due parti: nella prima Gesù ci parla delle cose ultime e della sua venuta nella gloria; nella seconda di come vivere nell’attesa dell’incontro con Lui, che non sappiamo quando sarà (compresa sorella morte). La prima parte ci apre alla speranza: in mezzo alla distruzione viene  il Signore a salvarci; così sarà alla fine dei tempi, così è stato quando si è incarnato (venendoci a salvare dal peccato) e così è nel nostro oggi, anche quando tutto sembra umanamente crollare alzate il capo perché la vostra liberazione è vicina! Alzate il capo, sollevatevi, cioè: non restate chini su voi stessi, tristi, senza speranza, qualcuno viene a salvarci dal peccato e dalla morte dandoci dignità e amore!

Come fare per esser pronti? Gesù ce lo spiega nella seconda parte del testo. Anzitutto ci dice: state attenti che il vostro cuore non sia appesantito. Una mongolfiera per volare deve essere slegata e senza troppi pesi; e il nostro cuore com’è? Abbiamo delle zavorre che ci tengono inchiodati “alla terra”, che ci impediscono di pregare, di servire, di amare? Poi Gesù ci mette in guardia soprattutto da tre cose: dalle dissipazioni, dalle ubriachezze e dagli affanni della vita. Dissipazioni: il termine dissipare ci fa venire in mente lo sprecare. In greco il termine usato è kraipàle e riguarda l’uso e il consumo sregolato dei beni.

Come a dire: c’è chi spreca la  sua vita perdendosi dietro  ai beni materiali e a tante cose inutili, cercando sempre di più, consumando sempre di più, chiudendo il cuore ai bisogni degli altri, unicamente preso da se stesso. Nello sport, uno che fa tiro al bersaglio, se vuole fare centro deve concentrarsi sull’ob1iettivo eliminando le distrazioni; così noi, nel cammino spirituale, dobbiamo tener conto che la nostra “carne”, con le sue voglie non sempre ordinate, il mondo con i suoi piaceri e il diavolo con le sue lusinghe vogliono distoglierci dal tener fisso il mirino sulla santità… che invece dobbiamo tenere ben presente!

Come in natura una pianta per portare buoni frutti deve essere potata, così noi dobbiamo eliminare quelle cose e attività che sono di troppo nella nostra vita, per non correre il rischio di perderci dietro 1000 cose inutili, trovandoci un giorno senza niente! Ubriachezze: oltre al vizio del bere, possiamo vedere nell’ubriachezza la ricerca di appagamento immediato dei propri piaceri, di chi non vuole farsi mancare niente, di chi ha il cuore legato a qualcosa o qualcuno che lo rende “dipendente, stordito”. Affanni della vita: è chi vive senza confidare nella Provvidenza del Padre, come se tutto fosse solo sulle sue spalle, nevroticamente intento a crearsi sicurezze materiali, ansioso per il domani, affannato dal possesso… sempre di corsa per nuovi obiettivi, ma alla fine, verso dove si corre?

Perciò dobbiamo essere pronti; se no come un laccio quel giorno si abbatterà su chi abita sulla faccia della terra, su chi vive attaccato a questa terra, come se dovesse starci per sempre; la nostra vita è preparaci a incontrare il Signore, se viviamo così saremo pronti a partire. Ma se viviamo solo per questo mondo e per noi stessi, quando il Signore arriverà non vorremo incontrarlo. Dunque vegliate pregando, cioè vivete rivolti verso Dio, rivolgendovi a lui pregando, così da ricevere da lui la forza di sfuggire all’angoscia del futuro e alla paura della morte, vivendo la gioia della laboriosa attesa.

Che bella la vita di chi è pronto a partire, aperto alla novità, proiettato verso l’eternità!

Preghiamo la Parola

Vieni Signore Gesù! Nella mia vita, nel mio cuore, nella mia storia. Illumina i miei passi e guidami sulla via della santità per essere pronto all’incontro definitivo con Te che mi attendi con gioia e amore, da sempre e per sempre. Amen.

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Guardiamoci nel cuore: che cosa c’è che lo appesantisce? C’è qualcosa che mi tiene un po’ prigioniero? Sono troppo affannato per qualcosa? Mi sto perdendo dietro cose inutili?

CARITA’: Testimonianza di vita

Cerco di vivere in pienezza le mie giornate? O mi lascio andare facilmente alla pigrizia, al rimandare le cose, alle perdite di tempo?

Quale   proposito   vorrei   prendere   per   vivere   bene   il   tempo dell’Avvento?

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

I DOMENICA DI AVVENTO – ANNO C

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 dicembre 2018 anche qui.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,25-28.34-36
 
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento I,
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteCommento alle letture di domenica 2 Dicembre 2018 per ragazzi e bambini – Missio Ragazzi
Articolo successivoLe prime cinque cose da sapere su Twitter – Tutorial WeCa