Commento alle letture di domenica 17 Giugno 2018 – don Enzo Pacini

16

Il commento alle letture di domenica 17 Giugno 2018 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

Il regno di Dio riguarda la vita di ogni giorno

don Enzo Pacini

Nella doppia parabola del seme che ascoltiamo nel Vangelo di oggi (Mc 4,26-34), siamo invitati a una contemplazione, per così dire, sapienziale di questa vicenda. Rimane in ombra il «come» possa svilupparsi dal seme la spiga e poi il chicco, e un grande albero dal piccolo seme, ma ciò che conta è che invece tutto questo accade. Il contadino è perfettamente in grado di gestire il suo campo pur non conoscendo nei dettagli tutte le singole fasi del processo.

Così, come narrato in altre parabole, la donna sarà capace di impastare la farina e il lievito (cf. Lc 13,21), il fattore potrà prendersi cura del fico stentato concimandone le radici (cf. Lc 13,8-9), il pescatore riconoscerà i pesci buoni e cattivi forte della sue esperienza anche senza una laurea in zoologia (cf. Mt 13,48). Questo discorso non per banalizzare le importanti conquiste della scienza e della tecnologia e l’evoluzione del pensiero umano, ma per ricordarci che nessuna conoscenza che si atomizza in particelle sempre più piccole e che finisce col perdere il contatto con la realtà ha davvero significato. Oggi forse siamo in grado di capire meglio quali pericoli si possono nascondere dietro questa perdita di contatto con la realtà, vivendo in una società dove i rapporti, le relazioni con gli altri, la conoscenza sono sempre più virtuali, mediati dalle nuove tecnologie che forniscono possibilità impensabili fino a ieri, l’accesso a contenuti sterminati, al punto che si parla di realtà aumentata, ma con il rischio che sia proprio quest’ultima ad essere fagocitata e distorta. Il regno di Dio, invece, mantiene una certa indisponibilità, i suoi codici non si possono clonare né riprodurre, non per una gelosia di Dio nei nostri confronti ma perché ne sia preservata tutta la sua originalità e freschezza.

Questo potrebbe dare adito, da parte nostra, a una risposta stizzita, come nella celebre favola della volpe e dell’uva: il regno non ci interessa, abbiamo altro a cui pensare, sono discorsi e basta, o annoiata, come gli ateniesi a Paolo: «ti ascolteremo un’altra volta!» (cf. At 17,32). Il fatto è che l’annuncio del regno che viene non è esattamente uguale a credere che tutto finirà bene e sboccerà in questo mondo come luce del mattino. Esso si inserisce nella storia e in tutti i suoi rivolgimenti e contraddizioni: se leggiamo l’intero capitolo di Ezechiele che contiene il brano della prima lettura di oggi (Ez 27,22-24) vedremo che l’annuncio che vi troviamo, il ramoscello che diviene albero, luogo di vita e riposo, il piccolo resto che diviene seme di un popolo nuovo, si interseca con le scelte compiute nella vita di ogni giorno, le alleanze e gli scontri, i progetti e i fallimenti dei singoli e delle società. Anche in questo caso il contatto con la realtà è determinante, non è questione di ottimismo o pessimismo, meno che mai essere maneggioni o fatalisti. La tessitura di impegno personale e progettualità come ordito di una trama fatta di affidamento e fiducia radicale in Dio rende davvero unica l’esperienza di vita cristiana, quell’atteggiamento sapienziale di cui sopra che è capace di unire realtà in apparenza contrastanti. È quanto esprimeva chiaramente e in maniera assai efficace S. Ignazio nel suo suggerimento: «agisci come se tutto dipendesse da te, sapendo poi che in realtà tutto dipende da Dio», esercizio sempre utile per evitare scorciatoie rassicuranti, luoghi comuni elevati a principi assoluti , e vivere con la pazienza e la tenacità del contadino fedele alla terra e ai suoi ritmi, anche quelli più nascosti e silenti.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 Giugno 2018 anche qui.

Mc 4, 26-34
Dal Vangelo secondo Marco

26Diceva: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; 27dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. 28Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; 29e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
30Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? 31È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; 32ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
33Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. 34Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Giugno 2018
  • Tempo Ordinario XI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.