Pubblicità
Home / Vangelo della Domenica / Commento alle letture di domenica 14 Ottobre 2018 – Missionari della Via

Commento alle letture di domenica 14 Ottobre 2018 – Missionari della Via

Il commento alle letture di domenica 14 Ottobre 2018 a cura dei Missionari della Via.

Gesù è in cammino e un tale gli si fa incontro. È uno che crede in Dio e nella risurrezione futura e ha un desiderio grande: ereditare la vita eterna, la comunione piena con Dio. Ma ha un problema: è ricco di se stesso e attaccato alle ricchezze.

Gesù, che ben conosce il suo cuore, lo rimanda all’osservanza dei comandamenti che riguardano le relazioni col prossimo; è qui infatti un concreto banco di prova per capire se amiamo Dio: «Come puoi dire di amare Dio che non vedi, se non ami il tuo fratello che vedi?» (1Gv 4,20). Questo tale dice che li ha osservati sin dalla giovinezza, ma sente che gli manca qualcosa. Gesù ne ammira la buona intenzione e «fissatolo lo amò»; l’amore di Dio è la chiave per capire e vivere la proposta di Gesù: «Se vuoi essere perfetto va’, vendi quello che hai, dallo ai poveri, poi vieni e seguimi».

Gesù gli indica la via più alta, la via della perfezione, la via dell’amore; dare tutto e donarsi fino in fondo. Non basta non rubare, ma dare del proprio; non basta non tradire, ma donarsi sempre più nella fedeltà… Questa parola è per tutti; certo, nella sua radicalità è per quelli chiamati alla vita consacrata, ma di fondo è per tutti. È la chiamata a fidarci fino in fondo del Signore, del suo progetto d’amore; a vivere rapporti veri, ad amare sul serio, che significa darsi totalmente e questo vale sia con Dio sia con gli altri. Chi mai sposerebbe qualcuno non disposto a condividere tutto e a stare insieme per sempre?

Quell’uomo purtroppo disse di no a Gesù e se ne andò triste; aveva troppe ricchezze, portava addosso un “macigno” che gli impediva di vivere una vita libera e gioiosa; porta il peso della ricchezza, dell’essere pieno di se stesso, dei suoi progetti.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”0″][/better-ads]

Quante volte pensiamo di aver un cuore libero, ma in realtà è imprigionato, legato ai beni; beni che possono essere sia beni materiali come l’attaccamento ai soldi o al benessere, che ci impediscono di donare un po’ di più per paura di “perderli”; ma anche amicizie soffocanti, progetti personali che assolutizziamo, ruoli che ricopriamo, ambizioni sbagliate che ci impediscono di corrispondere alla volontà di Dio.

Quando ci blocca la paura di “perdere qualcosa” per amore di Dio o degli altri, è perché quel qualcosa ci possiede, ci sta schiavizzando. Come faccio a capire se son schiavo di qualcosa? Se non posso farne a meno o se quando me lo toccano salto in aria! Solo lo Spirito Santo ci rende capaci di donarci fino in fondo; ma per averlo in noi, bisogna aprirsi a Cristo, mettendolo al centro, affidandogli la guida della nostra vita, coltivando la relazione con lui.

Perché se la vita non la chiediamo a lui (che è Dio e ci dà la vita eterna), la chiederemo a qualcos’altro: ai soldi, al successo, al giudizio altrui… e finiremo infelicemente schiavi! Quanti ad esempio vengono sedotti dal “dio denaro”? Dietro tanti mali nella società (corruzione, droga, sequestri di persona, fabbricazione di armi, prostituzione, sfruttamento degli immigrati, guerre) c’è sempre il denaro! Ma o si ama Dio, o la ricchezza.

Spesso «il ricco è prontissimo ad accogliere Dio, finché questi gli viene presentato come il garante dell’ordine stabilito, del diritto di proprietà, un Dio che è contro la violenza. Quello che non accetta del regno di Dio predicato da Gesù è che esige la condivisione totale con gli altri, che non si lasci Lazzaro a morire fuori dalla porta. Il giovane ricco è inorridito all’idea di dover condividere le sue ricchezze con i poveri» (R. Cantalamessa). La buona notizia è che quel che è impossibile agli uomini, è possibile a Dio! A tutti è possibile salvarsi, esser liberati dall’egoismo, dalle proprie schiavitù e diventar capaci di amare fino in fondo. Come? Accettando Gesù come Signore e vivendo la sua Parola, sperimentando la vera libertà. Lui ci mette in condizione di dirgli sì: noi possiamo dirgli sì.

Se avremo il coraggio di seguirlo, avremo già il centuplo in questa vita: ci ritroveremo in una famiglia allargata, la famiglia di Dio che è la Chiesa e avremo in noi la vita eterna, la vita divina e immortale che niente e nessuno ci potrà mai levare!

Preghiamo la Parola

Signore, libera il nostro cuore, spesso schiavo dell’egoismo, perché possiamo imparare a guardare con i tuoi occhi e ad amare con il tuo cuore.

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Questo tale nel Vangelo aveva molte ricchezze a cui era attaccato che lo hanno distolto dal seguire Gesù; secondo te quali possono essere delle “ricchezze” che ci distolgono da Dio? Quali sono le tue “ricchezze” che hai difficoltà ad abbandonare?

CARITA’: Testimonianza di vita

Spesso si ritiene che a essere cristiani ci sia solo da perdere: tu che ne pensi? Come risponderesti o rispondi ai tuoi amici che magari ti prendono in giro per il tuo cammino di fede?

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 14 Ottobre 2018 anche qui.

Vendi quello che hai e seguimi.

Mc 10, 17-30
Dal Vangelo secondo Marco

17Mentre andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». 18Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. 19Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre». 20Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». 21Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». 22Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
23Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». 24I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! 25È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». 26Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». 27Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».
28Pietro allora prese a dirgli: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». 29Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, 30che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 14 – 20 Ottobre 2018
  • Tempo Ordinario XXVIII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Check Also

Commento al Vangelo di domenica 16 Dicembre 2018 – Alberto Maggi

Padre Alberto Maggi commenta il Vangelo di domenica prossima, 16 Dicembre 2018, terza domenica di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.