Pubblicità
Home / Vangelo della Domenica / Commento alle letture di domenica 11 Novembre 2018 – Missionari della Via

Commento alle letture di domenica 11 Novembre 2018 – Missionari della Via

Il commento alle letture di domenica 11 Novembre 2018 a cura dei Missionari della Via.

Gesù è seduto nel Tempio davanti alla sala del tesoro, dove c’erano tre cassette nelle quali i fedeli depositavano le loro offerte. Gesù osservava come gettavano le offerte. Da una parte abbiamo gli scribi, i maestri della Scrittura, che amano passeggiare in lunghe vesti, essere salutati nelle piazze, avere primi posti, amano cioè essere ammirati; sono dunque persone schiave dell’immagine, della riconoscenza degli altri, unicamente interessati alla gloria passeggera del mondo.

Sono persone “religiose”, che però sfruttano persino la religione per mettersi in mostra: che scandalo diamo quando usiamo persino Dio per i nostri interessi! E i ricchi gettavano nel tesoro il superfluo, ma facendolo in modo vistoso, così da farsi notare; dunque non davano per carità, ma per interesse egoista.

Dall’altra abbiamo una povera vedova: ha solo due monetine di rame che insieme fanno un quadrante, la più piccola moneta romana; potrebbe condividerle o mettersele da parte, dato che sono tutto quello che ha per vivere. E invece lei le dona tutte, cioè si gioca tutta la sua vita con Dio, scommette che Dio provvederà a lei e lo farà meglio di quei due spiccioli che aveva. Per gli uomini non ha fatto niente di che, ma agli occhi di Dio sì: ha dato tutto. Gesù è il solo che se n’è accorto, Lui che guarda i segreti del cuore, chiama i suoi discepoli per istruirli e se per caso i discepoli si sono meravigliati per quanto davano i ricchi, ora devono ricredersi: c’è una radicale opposizione tra quello che loro avanzava e il tutto della vedova.

A Gesù non interessa il dono in sè, ma chi lo dà e soprattutto come lo dà; è la persona che dà valore al dono. Quella povera vedova ha voluto che il suo poco fosse donato tutto a Dio per condividerlo con gli altri, dando tutto ciò che poteva essere una sua piccola sicurezza per il domani. Essa ci insegna davvero cosa significhi aver fiducia in Dio e amare il prossimo! Questa povera vedova ci fa commuovere tutti. Gesù ce la propone come immagine del vero credente: in un mondo dove ci si preoccupa solo di trattenere per sé, o dove al massimo si condivide il superfluo, ecco una donna che in un momento di estremo bisogno, scommette tutto su Dio, affidandogli completamente la sua vita.

E noi? Fino a quando va tutto bene nella vita, possiamo dire di fidarci sul serio di Dio? Fin quando diamo il superfluo, possiamo dire di amare sul serio? Quando affrontiamo una situazione difficile, ecco che siamo chiamati a tuffarci tra le braccia di nostro Padre; è quando sappiamo affidargli la nostra vita che cresciamo davvero. Le difficoltà, gli imprevisti, le situazioni limite davanti alla quali spesso ci scoraggiamo e ci lamentiamo, in realtà sono occasioni che abbiamo per far esperienza dell’amore di Dio in noi, per imparare a fidarci di Lui e vedere all’opera la potenza di Dio in noi! Questa vedova è meravigliosa: accende in noi la gioia di chi sa fidarsi, di chi sa donare senza riserve.

Noi a chi somigliamo? Agli scribi, che cercano solo di mettersi in mostra, un po’ schiavi del giudizio degli altri, che usano persino Dio come sgabello del proprio io? O alla vedova, che scommette tutto sul Signore, donando senza calcoli? Quando il Signore ci chiede qualcosina in più, cosa gli rispondiamo? Forse tanti ci criticano come cristiani non tanto perché siamo cristiani, ma perché non siamo veri cristiani, perché non vedono l’amore di Dio in noi; non perché siamo la Chiesa, ma perché a volte siamo una Chiesa mondana, fatta di gente preoccupata dell’immagine, del posto, dei propri interessi piuttosto che di Dio e del prossimo!

Ma quando ci giochiamo sul serio per il Vangelo si accendono i cuori: prendiamo dunque esempio da questa povera vedova!

Preghiamo la Parola

Signore, aiutaci a diventare fiduciosi e generosi come questa vedova: aiutaci a fuggire l’apparenza, l’interesse, l’ipocrisia per essere tuoi veri discepoli e testimoni dell’amore!

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

A Dio diamo solo gli spiccioli del nostro tempo?
Nei momenti gioiosi come in quelli difficili, stiamo imparando a consegnarci con fiducia a Lui, o ci lamentiamo e perdiamo la pace per ogni difficoltà?

CARITA’: Testimonianza di vita

Che peso (schiavizzante) ha il giudizio degli altri nella mia vita? Faccio le cose per amore, disinteressatamente, o cerco (prima o dopo) il mio tornaconto?

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 11 Novembre 2018 anche qui.

Questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.

Mc 12, 38-44

In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
 
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo.
 
Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 11 – 17 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Check Also

Lectio Divina di domenica 16 Dicembre 2018 – Comunità di Pulsano

Lectio Divina di domenica 16 dicembre 2018 a cura della Comunità monastica di Pulsano. DOMENICA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.