Commento alle letture di domenica 1 Luglio 2018 – don Enzo Pacini

16

Il commento alle letture di domenica 1 Luglio 2018 a cura di don Enzo Pacini cappellano del carcere «La Dogaia» di Prato.

L’esperienza della morte e la forza che guarisce

don Enzo Pacini

La liturgia di questa domenica ci mette di fronte all’esperienza più drammatica per ogni essere umano, quella della propria mortalità. Da una parte essa segna la vita umana quasi come un marchio: sappiamo tutti di essere limitati, la finitezza è la caratteristica di ogni cosa sotto il cielo; dall’altra sperimentiamo un’attesa che nasce dal profondo, che ci dice che la vita umana non può essere solo un prodotto di reazioni chimiche aleatorie.

È il problema che l’uomo da sempre si è posto dando risposte diverse e contraddittorie, dall’esaltazione della dimensione terrestre di ogni realtà, alla sua svalutazione rispetto ai valori dello spirito. Il brano di Sapienza nella prima lettura (Sap 1,13-15; 2,23-24) annuncia con forza la bontà della creazione anche se vede in essa profonde crepe e incrinature nella quali si insinua la morte, frutto di un’azione ben precisa, quella del maligno (riprendendo e attualizzando la dottrina classica del peccato originale). Il problema rimane allora che fare adesso, visto che ormai la situazione di fatto è questa, fare buon viso a cattivo gioco, attendere se e quando un intervento radicale di Dio porrà rimedio a questa situazione? Sì e no.

In Cristo vi è stato un intervento radicale ma con diversi «capitoli» rimasti aperti. Se veramente la morte è collegata con l’ invidia, con un sentimento malvagio e distruttivo, forse non c’è bisogno solo di un intervento cosmico. La morte è molto più di un errore nell’algoritmo dell’universo, vi è la sensazione di un’ingiustizia che può alimentare le rimostranze contro Dio: non si contesta tanto il fatto che l’essere umano prima o poi muoia, ma le morti che sembrano innanzitutto ingiuste, i giovani, i bambini, come nel caso narrato nel vangelo di oggi (Mc 5,21-43). Però altre morti, quelle più lontane, fuori del proprio orizzonte personale, sono molto più tollerate, anzi rendere male per male, occhio per occhio, conserva il suo fascino (anche se nella Bibbia questa è una norma regolativa per non scadere in eccessi), perché in questa visione il male comune (che per il proverbio è mezzo gaudio) prevale sulla ricerca del bene comune (che spesso fa sbuffare come un compito ingrato), fino a tentare di addomesticare la morte per realizzare la propria idea di giustizia.

L’azione di Cristo che fa venire allo scoperto la donna che lo tocca ha anche questo scopo: condurre a dare un nome alla forza che guarisce, come pure alle forze distruttive, per non essere spettatori ma protagonisti del dramma della vita e delle diverse scelte, compresa la decisione della fede, assumendosene la responsabilità. E anche l’invito della seconda lettura (2Cor 8,7-15) a farsi carico dei bisogni altrui spinge in questa direzione: se mi sento in credito sempre e comunque con tutti, compreso Dio, se metto sempre me stesso, la mia famiglia, il mio clan, in prima fila, sarà difficile uscire da questa spirale mortifera. L’idea di uguaglianza è molto bella, ma forse non così tanto se mi trovo su un gradino superiore: significa che debbo scendere, che debbo perdere qualcosa. Ciò non vuol dire che sia un’esperienza totalmente a rimessa, l’altro potrà darmi qualcosa in umanità, in apertura, in impegno comune contro ciò che mortifica l’uomo, può arricchirmi, come Cristo, con la sua povertà, e questo per la Bibbia non è uno scambio fallimentare. La lotta del Cristo contro la morte cerca alleati, collaboratori, non spettatori neutrali che cercano soltanto il rimborso del biglietto.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 1 Luglio 2018 anche qui.

Mc 5, 21-432
Dal Vangelo secondo Marco

21Essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. 22E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi 23e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». 24Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
25Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni 26e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, 27udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. 28Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». 29E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
30E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». 31I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». 32Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. 33E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. 34Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».
35Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». 36Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». 37E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo. 38Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. 39Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». 40E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. 41Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». 42E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. 43E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Giugno 2018
  • Tempo Ordinario XI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.