Commento alla prima lettura di domenica 10 Aprile 2022 – mons. Francesco Alfano

55

- Pubblicità -

Prima Lettura

Non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi, sapendo di non restare confuso. (Terzo canto del Servo del Signore)

Dal libro del profeta Isaìa
Is 50,4-7

Il Signore Dio mi ha dato una lingua da discepolo,
perché io sappia indirizzare
una parola allo sfiduciato.
Ogni mattina fa attento il mio orecchio
perché io ascolti come i discepoli.
Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio
e io non ho opposto resistenza,
non mi sono tirato indietro.
Ho presentato il mio dorso ai flagellatori,
le mie guance a coloro che mi strappavano la barba;
non ho sottratto la faccia
agli insulti e agli sputi.
Il Signore Dio mi assiste,
per questo non resto svergognato,
per questo rendo la mia faccia dura come pietra,
sapendo di non restare confuso.

Parola di Dio.

Link al video

Articolo precedenteMons. Adriano Cevolotto – Commento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022
Articolo successivop. Alessandro Cortesi op – Commento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022