Commento al Vengelo del 4 ottobre 2015 – mons. Roberto Brunelli

106

 

brunelli

Oggi comincia il Sinodo sulla famiglia

Oggi comincia in Vaticano l’annunciato e molto atteso Sinodo sulla famiglia, chiamato dal papa a riflettere sulle presenti condizioni di un’istituzione che è alla base della vita sociale. Per una singolare coincidenza, il vangelo di questa domenica (Marco 10,2-16) riguarda proprio la famiglia, e in particolare il grave problema del divorzio.

[ads2]In proposito, sollecitato da alcuni farisei nell’intento di metterlo in imbarazzo, Gesù non esita a schierarsi addirittura contro Mosè, considerato dagli ebrei come la fonte delle loro norme di vita. Egli, dice, ha ammesso che il marito possa ripudiare la moglie; ma c’è un’autorità ben al di sopra dell’autorità di Mosè, e quella è da osservare, ripristinando le sue disposizioni. Come si legge nella Scrittura, ricorda il divino Maestro, “dall’inizio della creazione Dio li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto”. E aggiunge poco dopo: “Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio”.

Divorzio e successive nozze con altri non rientrano dunque nel progetto che Dio, nel suo amore paterno, ha previsto per l’uomo. Di fronte a così esplicite parole c’è poco da discutere; ci si può chiedere però come marito e moglie possano evitare la rottura del loro legame, e in proposito non sarà inutile richiamare le linee essenziali di quel progetto. Dio ha dotato l’uomo (si intende l’essere umano, maschio e femmina) della dimensione sessuale, ovviamente perché la viva “da uomo”, vale a dire, nella sua forma più alta. Il sesso, in sé preso, è solo un cieco istinto animale volto ad assicurare la continuità della specie; l’uomo, solo l’uomo, sa ammantare il sesso di erotismo, cioè sa coglierne il fascino e viverlo con tutta la carica dei suoi sentimenti: col rischio tuttavia che essi si venino di egoismo e considerino il partner come una cosa, un semplice strumento per conseguire la propria soddisfazione. Molti si fermano lì, con la conseguenza che quando lo strumento non appare più funzionale, o ne trovano uno più soddisfacente, lo abbandonano. Ma Dio ha dotato l’uomo anche della capacità di salire un gradino più su: trasfigurare l’istinto e il sentimento in dono di sé, in comunione irreversibile con la persona amata, e accogliendone con piena consapevolezza le conseguenze (in primo luogo, i figli). Così Dio si comporta con noi; così ci invita a intendere la realtà meravigliosa dell’amore, e allo scopo ci offre tutto l’aiuto occorrente: la guida della sua Parola, la forza dei suoi sacramenti (e non soltanto quello specifico del matrimonio), la solidarietà degli altri componenti la comunità cristiana.

Due cristiani dovrebbero contrarre matrimonio solo se consapevoli di questo e pronti a intraprendere il percorso previsto da Dio. Ciò malgrado potrà accadere che uno dei due, o entrambi, smarriscano per via i sani propositi e rompano il legame, magari creandosene poi un altro: in tal caso vengono a trovarsi in una posizione irregolare davanti a Dio, il quale tuttavia non smette per questo di amarli. La Chiesa non è autorizzata a ignorare la loro posizione, ma non li abbandona, anzi li esorta a partecipare come possono alla sua vita, proprio perché li sa ancora, sempre, comunque, oggetto dell’amore paterno di Dio.

Il Sinodo che comincia oggi, composto da vescovi religiosi e laici provenienti da tutto il mondo e dunque in grado di portare sulla vita coniugale le più varie esperienze, è chiamato a riflettere sulle forme concrete in cui, quando un matrimonio cristiano è in crisi o si è spezzato, gli interessati possano meglio corrispondere al paterno amore con cui Dio continua a guardarli.

mons. Roberto Brunelli | Qumran

XXVII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».
Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione [Dio] li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 04 – 10 ottobre 2015
  • Tempo Ordinario XXVII, Colore verde
  • Lezionario: Ciclo B | Anno I, Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

Roberto Brunelli (Piubega, 30 marzo 1938) è uno scrittore italiano. Sacerdote, critico d’arte e direttore del Museo diocesano di arte sacra Francesco Gonzaga di Mantova, è autore di testi di argomento religioso, di storia dell’arte e di narrativa. Negli anni ’80 ha collaborato con Mondadori come curatore e traduttore di alcuni titoli della popolare collana enciclopedica per ragazzi I grandi libri e come autore del Grande libro della Bibbia (1983). Fra le sue opere più recenti, si segnalano la ricostruzione storica di Giallo a corte (2012), dedicata ad alcuni delitti irrisolti di epoca gonzaghesca, e il racconto Papa a sorpresa (2013), dove l’autore, prima della diffusione della notizia delle dimissioni di Benedetto XVI, ipotizzava che cosa sarebbe potuto accadere con le dimissioni di un pontefice.