Commento al Vangelo per il 16 Giugno 2019 – don Bruno Maggioni

114

La Trinità è la profondità del mistero di Dio, che rimane imperscrutabile anche dopo che Dio stesso ce ne ha parlato. All’uomo è richiesto il silenzio e nello stesso tempo lo stupore e la gioia, perché la Trinità è una realtà luminosa, da cui l’uomo è completamente rischiarato.

Dire che Dio è Trinità significa affermare che Dio è amore. Il cristiano è fatto per la comunione, è continuamente alla ricerca di rapporti comunitari. Siamo fatti a immagine di Dio Trinità e la nostra fuga dalla solitudine per ritrovarci con gli altri è segno di grandezza, non di povertà, è ricerca di Dio, non allontanamento da Dio.

Un secondo tratto della Trinità, oltre a quello della comunione, è la gratuità. L’amore gratuito, che trova la sua origine nel Padre, viene dai primi cristiani ritrovato nel Figlio, che non tiene nulla per sé e, facendosi uomo, muore per noi; e viene poi ritrovato nello Spirito, il cui compito è quello di comunicare l’amore del Padre e del Figlio e di aiutarci ad accoglierlo.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Lo Spirito della verità vi guiderà a tutta la verità.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 16, 12-15

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.

Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.