Home / Vangelo della Domenica / Commento al Vangelo per il 10 Febbraio 2019 – don Bruno Maggioni

Commento al Vangelo per il 10 Febbraio 2019 – don Bruno Maggioni

Il successo della missione del discepolo sta tutto nella forza della parola di Gesù. Se il discepolo si affida a se stesso la pesca è fallimentare, se invece si fida della parola di Gesù la pesca è abbondante.

La risposta di Pietro all’ordine di Gesù: «Sulla tua parola getterò le reti» esprime certamente una grande obbedienza, ma anche una grande fiducia. Pietro si fida della parola di Gesù, nonostante le verifiche che potevano giustificare il contrario.

Il discepolo non ignora il proprio peccato e la propria debolezza, i propri limiti, anzi ne ha una lucida consapevolezza. Tuttavia, chi si pone alla sequela di Gesù sa anche che la potenza di Dio può trionfare sul suo peccato e sulla sua debolezza: come Pietro che si decide per il Maestro dopo aver preso coscienza di essere peccatore. Si fida del Signore che dice: «Non temere». La debolezza è superata dalla potenza di Dio. Da qui Pietro può intraprendere un’esistenza missionaria e diventare: «Pescatore di uomini».

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

QUINTA SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 10 Febbraio 2019 anche qui.

Lc 5,1-11 Lasciarono tutto e lo seguirono.

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.

Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare.Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini».E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

C: Parola del Signore. A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: La Sacra Bibbia

ALTRI COMMENTI

VEDI ANCHE

Commento alle letture di domenica 28 Aprile 2019 – Missionari della Via

Il commento alle letture di domenica 28 Aprile 2019 a cura dei Missionari della Via. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.