Commento al Vangelo di domenica 4 marzo 2018 per bambini/ragazzi – Sr. Mariangela Tassielli

1050

Quando entri in casa tua cosa fai?
E quando entri in un supermercato?

Cosa cambia in te? Le aspettative? Le pretese? L’intimità.
In un supermercato sai di dover pagare tutto ciò che prendi. Sai di poter pretendere che le cose siano buone. Sai di non dover costruire relazioni particolari. Non ti aspetti nulla che sia gratis.
In casa è davvero tutto diverso… opposto. La casa ha il sapore della famiglia, dell’amore, dell’intimità. Sai di poter essere te stesso, sempre. Sai di non dover mettere da parte soldi per pagare prestazioni. Sai che quello c’è è per tutti, è di tutti. Hai la chiavi di casa, entri ed esci… E la casa resta per sempre casa. Ci torni volentieri e sai che per te ci sarà sempre un posto e un piatto caldo. 

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Ora, guardiamoci dentro.
Come viviamo la Chiesa… Quella con la C maiuscola?
Ognuno lo chieda a se stesso: «È casa o supermercato?».

La Chiesa, il nostro essere Corpo mistico di Gesù, è la casa del Padre. Attraverso ogni singolo membro, in comunione con tutti gli altri, il Padre accoglie, ama, perdona, dona vita nuova, rialza, libera.
Per questo Gesù ha dato la vita.
Per questo noi non possiamo fare della casa di Dio un supermercato, vendendo a caro prezzo ciò che Dio ha donato gratuitamente.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Ricostruiscici, Signore

Ricostruisci il tempio, Signore!
Non ti chiediamo segni,
non ne abbiamo bisogno:
la tua vita donata per amore
è più di quanto avremmo mai potuto sperare.
Vivi in noi, Signore, vivi tra noi, tua Chiesa, tuo corpo,
perché possiamo essere in questo momento storico
casa di Dio, in cui non si accoglie misurando,
non si accolgono solo i giusti e meritevoli, ma tutti.
Casa in cui il dono è senza condizioni
e le porte sono sempre aperte.
Ricostruiscici Signore, rendici nuovi,
trasformaci in casa di Dio.
Amen.

Sr. Mariangela, dal sito cantalavita.com

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della Terza Domenica di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 4 Marzo 2018 anche qui.

Gv 2, 13-25
Dal Vangelo secondo Giovanni
13Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. 14Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. 15Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori dal tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, 16e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». 17I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divorerà. 18Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». 19Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». 20Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». 21Ma egli parlava del tempio del suo corpo. 22Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù. 23Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. 24Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti 25e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 04 – 10 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima III
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO