Commento al Vangelo – Domenica 30 gennaio 2011 – Bellanotizia

40

Questa è una rielaborazione audio/video sulle letture della Messa di: DOMENICA 30 gennaio 2011 – IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (Anno A) a cura di Antonio Di Lieto.

Il titolo della Messa, che unifica tutte le letture, secondo l’autore è: Beati gli umili !

[powerpress]

Commento alle Letture

PRIMA LETTURA (dal libro del profeta Sofonìa 2,3 ; 3,12-13)
Questa lettura è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca del profeta Sofonìa – ci dice: “Voi tutti UMILI della terra, affidatevi a Me! Se vuoi veramente servirmi, cerca sempre la giustizia e l’UMILTA’: e nel giorno in cui verrò a punire i malvagi, Io ti salverò. Te lo prometto: «Quel giorno risparmierò la gente povera ed UMILE!». E così quelli che avranno confidato in Me, saranno finalmente BEATI. Non ci saranno più nè malvagità né menzogne: nessuno potrà più utilizzare la lingua per ingannare. Io vi prometto che quel giorno gli UMILI non saranno più calpestati. Anzi finalmente potranno saziarsi e riposare: completamente BEATI !”.

SALMO RESPONSORIALE (Salmo 145,6-10)
Questo salmo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “BEATI GLI UMILI: perché Io sarò il loro alleato fedele. Se sei oppresso infatti, Io ti difendo. Se hai fame, ti sazio: e se sei prigioniero, ti libero. Se sei cieco ti apro gli occhi, se cadi ti rialzo, se sei forestiero ti proteggo: se sei giusto, ti amo. Io infatti sostengo i deboli, le vedove, gli orfani: sconvolgendo completamente i piani dei malvagi. Perché Io sono il Signore Dio: e regno nel mondo ora e sempre, di generazione in generazione !”.

SECONDA LETTURA (prima lettera di Paolo ai cristiani di Corinto 1,26-31)
Questa lettera è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Ama gli altri come fratelli. E poi osserva bene la tua comunità cristiana: chi sono le persone che ho chiamato? Ci sono forse grandi sapienti, uomini potenti o personaggi illustri? No! Io ho scelto le persone più UMILI: per dare una lezione a chi sente grande. Ho scelto le persone più deboli: per dare una lezione a chi si sente forte. Ho scelto quelli che non sono ‘nessuno’: per dare una lezione a chi si crede ‘chissà chi’. Affinchè la smettiate di vantarvi sempre! Se sei pieno di sapienza e giustizia, ricorda che non è merito tuo: devi ringraziare Mio Figlio Gesù, che ti ha santificato e redento. Fai cioè come dice la Bibbia: «Se vuoi vantarti, vantati solo di quello che Dio ha operato in te». Restando sempre UMILE !”.

VANGELO (Mattèo 5,1-12a)

Questo vangelo è Parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: “Vedendo le folle che venivano a Me sfiduciate, un giorno salii su una montagna e sedutomi dissi con autorità:

«BEATI voi UMILI: perchè sarete i proprietari del cielo. BEATI voi afflitti: perché sarete consolati da Dio. BEATI voi miti: perché erediterete il mondo. BEATI voi che subite ingiustizie: perchè riceverete giustizia. BEATI voi che sapete perdonare gli altri: perchè sarete perdonati da Dio.

BEATI voi che avete il cuore buono: perchè vedrete il Signore. BEATI voi che cercate di costruire pace: perchè siete veramente figli di Dio. BEATI voi che siete perseguitati ingiustamente: perchè possiederete il regno dei cieli.

BEATI voi, quando vi calunnieranno: e solo perché siete miei discepoli, mentiranno e diranno cose false contro di voi. Quel giorno voi dovete rallegrarvi ed esultare: perchè la vostra ricompensa sarà grandissima. Perchè Io vi garantisco che tutti gli UMILI della terra, un giorno saranno BEATI !”.

Sul sito http://www.bellanotizia.it puoi scaricare tante altre “bellenotizie”, anche in forma di registrazione-audio e presentazione-video, oltre a diversi miei articoli, scritti, corrispondenze-mail ed ipotesi innovative.

Note: L’autore precisa che, anche se la lettura di queste bellenotizie aiuta a comprendere la prima parte della Messa (Liturgia della Parola), non potrà mai sostituire la seconda parte (Liturgia eucaristica), in cui ci viene data la possibilità di “abbracciare” veramente il Corpo di Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 30 gennaio 2011 – don Fabio Rosini
Articolo successivoRiflessione sul Vangelo: IV domenica del T. O. (anno A) – 30 gennaio 2011