Commento al Vangelo – Domenica 27 febbraio 2011 – Bellanotizia

9

Questa è una rielaborazione audio/video sulle letture della Messa di: DOMENICA 27 febbraio 2011 – VIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (Anno A) a cura di Antonio Di Lieto.

Il titolo della Messa, che unifica tutte le letture, secondo l’autore è: Dio non si dimentica di te !

[powerpress]

Commento alle Letture

DALLA PRIMA LETTURA (libro del profeta Isaìa 49,14-15)
Questa lettura è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca del profeta Isaia – ci dice: “Non fare come la gente di Gerusalemme, che diceva sempre: «DIO SI E’ DIMENTICATO DI ME! Dio mi ha abbandonato!». Può forse una donna abbandonare il suo bambino? E una mamma DIMENTICARE il figlio delle sue viscere? Anche se ci fossero mamme che si scordano dei loro bambini, Io sono Dio: e non lo farò mai. NON MI DIMENTICHERÒ MAI DI TE !”.

DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 61,2-3.6-9a)
Questo salmo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Io sono il tuo Signore: e solo con Me il tuo cuore ritrova la calma. Io sono la tua salvezza, la tua difesa, la tua roccia: appoggiati a Me e non vacillerai. Io sono il tuo Dio: solo con Me, il tuo cuore ritrova la calma. Io sono la tua speranza, la tua difesa, la tua roccia: appoggiati a Me e non vacillerai. Io sono la tua salvezza e la tua gioia: il tuo rifugio e il tuo riparo sicuro. Tu che appartieni al Mio popolo, in ogni situazione confida in Me: spalancami il tuo cuore. Perchè Io sono sempre al tuo fianco: e NON MI DIMENTICO MAI DI TE!”.

DALLA SECONDA LETTURA (1^ lettera di Paolo ai cristiani di Corinto 4,1-5)
Questa lettera è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Ama gli altri come fratelli: e stai attento a non montarti la testa. Consìderati semplicemente un umile servo di Cristo: semplice amministratore dei Suoi magnifici misteri. Ora, ciò che si chiede ad un servitore, è di essere fedele soprattutto al Suo Padrone. A te quindi deve importare assai poco del giudizio che – della tua fedeltà – danno gli altri. Anzi, non conta nemmeno il giudizio che ne dai tu: perchè anche se la tua coscienza non dovesse rimproverarti nulla, questo non basterebbe ad assolverti. Quello che conta infatti, è il giudizio di Dio: sono Io che devo giudicare. Perciò, ti raccomando di non giudicare nessuno prima del tempo: aspetta che venga Io a farlo. Perchè quando verrò, porterò alla luce ciò che è nascosto in ogni cuore. E stai certo che quel giorno NON MI DIMENTICHERÒ di quelli che Mi hanno veramente servito: ti loderò e ti premierò, portandoti nel Mio magnifico regno di gioia !”.
DAL VANGELO (Matteo 6,24-34)

Questo vangelo è Parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: “Non puoi servire due padroni: contemporaneamente Dio e il danaro. Se hai scelto di servire Dio, non puoi vivere al servizio dei soldi. E se veneri veramente il Signore, non puoi venerare anche le ricchezze. Perciò ti raccomando: non preoccuparti troppo di come mangiare, bere e vestirti. Perché la tua vita, non dipende solo da queste cose. Cos’è più importante infatti: quello che mangi o la tua vita? Tu o il tuo vestito?

Guarda gli uccelli: non sèminano, non mietono e non fanno provviste. Eppure il Padre che è in cielo, li nutre ogni giorno. Ora, tu non vali agli occhi di Dio, più degli uccelli? Se nutre i volatili, come potrebbe DIMENTICARSI di nutrire te, che sei Suo figlio? E chi di voi per quanto abbia accumulato danaro e cibo in quantità, può allungarsi la vita anche di un solo secondo?

Ed anche per i vestiti da mettere, non preoccuparti più di tanto! Guarda come vivono i gigli nei campi: non hanno soldi e non comprano vestiti. Eppure nemmeno il re Salomone, con tutta la sua ricchezza, ha mai avuto un vestito più bello del loro! Ora, se Dio veste così bene persino i fiori di campo, che oggi ci sono e domani saranno appassiti, a maggior ragione NON SI DIMENTICHERÀ di vestire te, che sei suo figlio. Uomo di poca fede!

Allora non stare sempre a preoccuparti dicendo: “Chissà se in futuro avrò i soldi per mangiare! Chissà se in futuro avrò i soldi per vestirmi!”. Sono gli altri, quelli che non conoscono Dio, che si lasciano tormentare da queste preoccupazioni. Tu invece pensa alle cose più importanti: ad amare Dio ed essere giusto con gli uomini. E vedrai che tuo Padre – che sa perfettamente che hai bisogno anche di cibo e vestiti – ti darà anche quelli: in aggiunta.

Insomma non preoccuparti troppo per il domani: perché del domani, dovrai già occupartene quando arriverà. Affronta i problemi un giorno alla volta: mettendo il tuo futuro nelle mani di Dio. Lui infatti è un Papà che ti ama, si occupa dei suoi figli: e NON SI DIMENTICA MAI DI TE !”

Sul sito http://www.bellanotizia.it puoi scaricare tante altre “bellenotizie”, anche in forma di registrazione-audio e presentazione-video, oltre a diversi miei articoli, scritti, corrispondenze-mail ed ipotesi innovative.

Note: L’autore precisa che, anche se la lettura di queste bellenotizie aiuta a comprendere la prima parte della Messa (Liturgia della Parola), non potrà mai sostituire la seconda parte (Liturgia eucaristica), in cui ci viene data la possibilità di “abbracciare” veramente il Corpo di Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 27 febbraio 2011 – don Domenico Luciani
Articolo successivoRiflessione sul Vangelo: VIII domenica del T. O. (anno A) – 27 febbraio 2011