Commento al Vangelo di domenica 20 agosto 2017 – don Mauro Manzoni

87

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima,  20 agosto 2017.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Siamo tutti stranieri di fronte a Dio. Siamo tutti extracomunitari ed emigrati. Tutti esuli, profughi e senza patria, e viviamo la condizione di pellegrini e viandanti verso il Suo Regno.

Il nostro Dio è il Dio di tutti, senza alcuna discriminazione nè privilegio. E se ci fosse qualche predilezione da parte del Signore, questa è per i più deboli, più poveri e bisognosi, o meglio, predilezione per coloro che sentono la necessità e il bisogno della salvezza.
Inquadriamolo qui, su questa linea, l’incontro di Cristo con la donna cananea del Vangelo di questa domenica. Il comportamento di questa mamma e la sua forza di convincimento sta proprio nella consapevolezza del suo bisogno e nella certezza che Gesù può rispondere alla sua richiesta, anche se è consapevole che lei non ne avrebbe diritto perchè fuori dal popolo eletto.

Ma non è la razza o l’appartenenza che salva la vita alla figlia della donna, ma solo la fede di una mamma. La fede, una fede grande, dice Gesù.
Una fede che accoglie tutti. Una esperienza, oggi, che mette a dura prova questa nostra fede: è l’accoglienza del volto di Cristo che non ha colore. E’ il volto dell’esule e del profugo, dell’esiliato e del rifugiato.

Aiutaci a non rinnovare la solitudine dell’orto degli ulivi, scappando da vili e vigliacchi, facendo finta di non riconoscerti, Signore.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 20 agosto 2017 anche qui.

XX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

  • Colore liturgico: Verde
  • Is 56, 1.6-7; Sal.66; Rm 11, 13-15.29-32; Mt 15, 21-28

Mt 15, 21-28
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 20 – 26 Agosto 2017
  • Tempo Ordinario XX, Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo A | Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO