Commento al Vangelo di domenica 12 novembre 2017 – mons. Valentino Vecchi

53

AMMETTERE O NEGARE IL FUTURO DOPO LA MORTE CAMBIA L’INTERO PROGETTO DI VITA

Siamo  alla  fine   dell’anno   liturgico    e  la  meditazione   riguarda   il  discorso escatologico, che è di importanza fondamentale: senza, non si capisce il Messaggio.

È  l’attesa  del  ritorno  del  Signore.  Ma  quando  ritornerà?  Quando  Lo incontrerò?  I  primi  cristiani  avevano fretta;  e  fu  una  grande  conversione culturale quella di accettare i tempi lunghi. La delusione non scosse la fede nè rallentò lo  slancio.

Ammettere o negare il futuro dopo la morte cambia l’intero progetto di vita. Il discorso del dopo-morte oggi si è fatto difficile. In passato era abbastanza facile e pacifico,  ma oggi c’è troppa incertezza nei credenti.

Quale risposta riguardo al tempo? Davanti a Dio i numeri contano poco.

Contano gli aneliti, le intuizioni, le speranze che si agitano nel profondo.        Larivelazione assicura che quanto l’uomo aveva intuito corrisponde a realtà: con la morte non finisce tutto, c’è la nuova vita. Non fanno problema i non credenti e gli atei:  lo sono meno  di noi!

La Parabola delle Vergini racconta di una festa di nozze. Egli è lo sposo. Ma alla festa è ammesso solo chi è pronto ed è pronto solo chi è saggio. Lo specifico della parabola è presentare le disposizioni all’incontro con Cristo in termini di

saggezza. Chi non si prepara    è stolto.

VERGINI PRUDENTI SONO QUELLE CHE SANNO SPERARE

È prudente colui che sa aspettare e perseverare: Egli verrà. È prudente chi ha una speranza radicata nella fede, alimentata da pazienza e fedeltà. Vergini prudenti sono quelle che sanno sperare; senza alienarsi dagli impegni della vita, senza perdersi  in un vago ottimismo.

Quale posto occupa il futuro nella tua vita? Questa è la grande domanda da porsi. Nella vita tutti attendono e cercano: la natura cerca la felicità; l’uomo cerca la salvezza. Il male sta nello sbagliare obiettivo; sentirsi troppo sicuri di noi stessi e  quindi  ciecamente  attaccati  alle  cose,  al  punto  da  allontanarsi  da  Dio e rifiutarLo.

La storia della salvezza — Egli verrà — è la storia di questa speranza, che fa presagire un mondo migliore. Senza fedeltà non c’è salvezza; con la fedeltà non hanno vittoria nè la sofferenza nè la morte.

L’unica speranza che non delude è l’attesa del Cristo, della «parusìa», del giorno del Signore: ma verrà come un ladro ed esige che si vegli con forza, con pazienza incrollabile e gioiosa.

Ancorata al mondo futuro, questa attesa anima tutto il presente; stimola nel lavoro, costruisce nel tempo l’eterno attraverso le opere buone.

La  parabola delle  Vergini  dice  poco  nel  nostro  tempo,  ma  è  chiaro  il significato: siamo in  attesa.                                     

LA VITA È   UN  CAMMINO VERSO UNA     GRAN  FESTA

Il discorso escatologico rappresenta un invito pressante alla vigilanza e alla perseveranza.

Una chiave  di lettura:   «Vegliate perché non sapete    giorno  e ora…».  Le nozze sono un’allegoria del rapporto di Cristo con la Chiesa: fatta di saggi e di stolti, di buoni e cattivi, come le dieci vergini. Il tema della vigilanza è costante: è il frutto e la condizione della fede e della fedeltà. È tanto più necessaria se c’è un fatto nuovo e rivoluzionario:    Gesù di Nazareth…   passa!

Gesù è sempre vigilante: Cerca la volontà del Padre; interpreta i segni dei tempi;  confronta il  disegno-progetto di Dio   e la risposta dell’uomo.

Ci siamo aggiornati in molte cose ma non nella vita spirituale. La civilizzazione è accelerata, è in fermento. ]] continuo rinnovamento, dovuto all’abbandono delle Vecchie abitudini, richiede una nuova vigilanza di fronte alle nuove scelte da compiere. È l’atteggiamento del cristiano, che va verso cieli nuovi e terre nuove,

pur  aspettando «Qualcuno». La vita  è un cammino verso una gran festa,     un’attesa operosa, “una lotta contro il male. Occorre saper discernere le visite del Signore; andarGli incontro; riconoscerLo quando passa vicino negli avvenimenti e nella storia;      accorgersi della sfida del mondo.

I cristiani sono il lievito che lavora nella notte, la lucerna, il fermento, la vera febbre del bene e dell’amore.

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 12 Novembre 2017 anche qui.

XXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 25, 1-13
Dal Vangelo secondo  Matteo

1Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. 2Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; 3le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; 4le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. 5Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. 6A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. 7Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. 8Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. 9Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. 10Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. 11Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. 12Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. 13Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 12 Novembre  – 18 Novembre 2017
  • Tempo Ordinario XXXII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.