Commento al Vangelo di mercoledì 2 novembre 2016 – don Mauro Manzoni

43

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di mercoledì 2 novembre 2016.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

[ads2]”Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Io vado a prepararvi un posto e quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io”La celebrazione del ricordo di tutti i fedeli defunti acquista, per noi cristiani, una connotazione che va al di là del semplice ricordo delle persone care scomparse. E la connotazione si chiama fede, che proprio nella morte ci fa riscoprire prepotentemente quanto vale la vita, quanto importanti siano le situazioni che questa vita ci chiama a vivere.

Il nostro Dio è il Dio dei vivi, non dei morti. E quando ci chiama, non toglie la vita, ma la trasforma per il suo regno. Siamo venuti sulla terra per un dono, dono sono gli anni vissuti, come dono è il Regno dopo la morte. Vita e morte, tempo ed eternità fanno parte integrante del nostro essere di Dio, ed un Dio che è padre non abbandona mai i suoi figli. E’ la nostra speranza di oggi, che è diventata certezza nei nostri cari defunti.

I nostri morti sono i Santi di cui celebriamo la festa il 1 novembre. Persone che hanno vissuto la quotidianità della vita, nell’impegno delle cose normali ed ordinarie e che ora hanno il premio. Noi cristiani non crediamo ad una vita futura, ma ad una vita eterna e basta poco a capire che, se è eterna, questa vita è già cominciata.
E’ questo uno dei grandi insegnamenti della commemorazione dei nostri cari fedeli defunti.

Vangelo

Gv 6, 37-40
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla:
«Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.
E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno.
Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteVangelo di martedì 1 novembre 2016 – don Roberto Farruggio
Articolo successivoIl Vangelo del Giorno, 31 ottobre 2016, Lc 14, 12-14