Commento al Vangelo di martedì 1 Gennaio 2019 – don Fabio Rosini

88

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di martedì 1 Gennaio 2019 – Anno C, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

C’È LUCE SUFFICIENTE PER CHI VUOL VEDERE

La festa della maternità di Maria coincide con il primo giorno dell’anno solare. E il volgere del tempo fa scivolare il nostro cuore verso bilanci, ricordi e aspettative. Il mondo ha strane modalità e si scatena in un’esplosione quasi orgiastica nel momento del Capodanno: bisogna esagerare, fare veglioni e intontirsi, sparare, esplodere, stappare, mangiare… Una serie di scaramanzie ridicole circondano un momento di temporanea euforia. Perché? Che bisogno c’è di vivere un momento di esagerazione?

Come mai si fanno strane cose come i fuochi d’artificio? Si dice che servano a scacciare l’anno vecchio. E che c’è da scacciare? C’è molto: tutto l’irrisolto della vita, tutte le amarezze, tutta l’impotenza che proviamo di fronte al ruvido della realtà. Per vivere l’illusione di un momento, quella di buttare via le sconfitte e le insoddisfazioni che ci si porta addosso. E aspettare l’anno che verrà, come diceva Lucio Dalla, come una grande fuga dall’incompletezza della vita e dai suoi grigiori. Il Capodanno umano, alla fin fine, celebra l’incapacità di vivere, e lo fa con il rituale quasi liturgico di una grande fuga dal reale.

Noi cristiani abbiamo altro da fare. Nella liturgia di questa festa vediamo la fecondità di Maria, che è segno della fecondità dell’umanità nel bene per la potenza di Dio, e possiamo notare i pastori, i primi testimoni, che tornano «glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto».

Hanno qualcosa per cui glorificare e lodare Dio. Si chiama gratitudine. Questo è quel che noi abbiamo da celebrare nel volgere dell’anno. Siamo noi questi pastori che, terminato un altro anno di Grazia, abbiamo tanto di bello da ricordare. La gratitudine è tipica di un cuore visitato dallo Spirito Santo. Nessuno si può illudere di avere qualcosa di veramente spirituale nel cuore se coltiva l’ingratitudine.

I DONI RICEVUTI. Un cuore riconoscente è l’unico cuore che si può avere se abbiamo fissato lo sguardo nel segreto della storia, se abbiamo preso coscienza della pazienza di Dio, se abbiamo provato a contare tutti i doni che abbiamo ricevuto, quanta provvidenza abbiamo sperimentato. E come siamo stati consolati, perdonati, corretti, sorretti, mai abbandonati. Amati.

Ma sono molti i cristiani che vanno nella linea della “alienazione da Capodanno”. Perché sono scontenti esattamente come gli altri. Infatti la gratitudine non è un sentimento di default. È un’opzione profonda del cuore. La prima lettura di questa liturgia parla di benedizione. Alla benedizione ci si apre, ed è necessario disobbedire alla maledizione. C’è un luogo in noi dove siamo al bivio: aprirci alla luce o amare la tenebra.

Lamentarsi è piacevole, la gente ama rimestare nella tristezza. La serenità e la fiducia sono atteggiamenti adulti e spirituali e aprono gli occhi; parafrasando Pascal: nel mondo c’è luce sufficiente per chi vuol vedere e c’è buio sufficiente per chi non vuol vedere.

Se ti vuoi lamentare, avrai sempre un motivo. Ma se vuoi benedire, pure. Vedi un po’ cosa è meglio.

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

2 Commenti

  1. A me piaci tanto cosi come sei!!!!!! Dolce! Bravo tanto!!!!!! Un sacerdote, musicale, chiaro, sereno, bello cosi’ ci piaci!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.