Commento al Vangelo di lunedì 25 dicembre 2017 – don Fabio Rosini

275

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di lunedì 25 dicembre 2017 – Natale del Signore – Anno B.

LA PARTE MIGRANTE DEL NOSTRO CUORE

Maria dà alla luce il suo primogenito, lo avvolge in fasce e lo pone in una mangiatoia, perché non c’è posto per loro nell’alloggio; e gli angeli annunziano ai pastori che questo è il segno del Messia.

Maria è costretta a una soluzione di fortuna, ma la fede viaggia così: quel che sembra incidente si svela provvidenza. Capiamo il segno: avvolto Gesù in fasce, e posto in una mangiatoia. Al di là di tutto, vediamo che Maria ha uno strumento di protezione, le fasce per accoglierlo: è organizzata.

Anche per noi è vitale avvolgere in fasce i doni di Dio, accudirli, proteggerli. La fede si custodisce, se non la fasciamo, la fede svilisce. Il nostro rapporto con Dio richiede cura.

Ma una volta coperto, lo “adagia” in una mangiatoia. Il verbo greco indica la posizione di chi mangia. Si mangiava sdraiati, i romani mangiavano su triclini, ma Gesù bambino è adagiato nella greppia degli animali. Una feroce contraddizione: il bambino è accudito, ma viene posto in luogo improprio. Una greppia non è luogo per neonati, è un ricettacolo di insetti, bave di animali, sporcizia. Il bambino è curato ma anche bistrattato, perché non c’è alternativa. La sua vita sarà tutta così: il Cielo canterà per Lui ma un re lo perseguiterà, un giorno sarà acclamato e subito dopo condannato dalla stessa folla, sarà dichiarato re e poi messo in croce. La nostra fede ha sempre questi due aspetti insieme: il rifiuto e la gloria, la morte e la risurrezione, l’intimità con Dio e l’estraneità al mondo. La cura di Maria opera in contesto ostile.

Coloro che arriveranno hanno queste strane indicazioni: è curato, ma pur se adagiato come chi mangia, sta al posto del cibo.

La prima necessità di un neonato è di essere cresciuto e nutrito: questo bimbo invece è al posto dell’alimento. Infatti sarà celebrato come pane: «Fate questo in memoria di me»; «il mio corpo è vero cibo».

L’uomo, spesso schiavo dei suoi appetiti, ha bisogno di essere redento dal ritenersi una bocca da sfamare allo scoprirsi padre che sfama, fratello che cura, accoglie, disseta. Questo bimbo porta una vita nuova che è la redenzione dall’appetito disordinato di Adamo. Da mangiatori compulsivi a pane che si dona.

GLI ELETTI DI DIO. Maria – emarginata dai coinquilini – è cercata dai pastori. Questi sono stati eletti: non padroni di greggi – va ricordato – ma poveri guardiani assoldati per vegliare di notte le pecore, una memoria di nomadismo. Nelle Scritture i principali eletti di Dio sono pastori: Abramo, Mosè, Davide. Tutti di indole nomadica. E Colui che da neonato non aveva posto, dirà da adulto: «Il fi‘glio dell’uomo non ha dove posare il capo».

I guardiani sono la parte migrante del nostro cuore, quella inquieta, che veglia, che cerca qualcosa, aspetta Qualcuno, il Salvatore. L’uomo è il pastore delle sue povere cose, e quando crede di arrivare in questo mondo in un luogo defi‘nitivo, si sbaglia sempre. Perché è un nomade.

È venuto il ‘figlio dell’Uomo per svelarci la nostra duplice chiamata a diventare cibo e a stare in movimento. Verso il cielo.

Fonte

Qui tutti i commenti di don Fabio Rosini

[amazon_link asins=’8821599825′ template=’ProductAd’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’263040e7-464a-11e7-9234-45ad979a06cd’]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 dicembre 2017 anche qui.

Santo Natale – Anno B

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Lc 2, 1-14
Dal Vangelo secondo Luca

1In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. 2Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. 3Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. 4Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. 5Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. 6Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. 8C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. 9Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, 10ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: 11oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. 12Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». 13E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: 14«Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 24 – 30 Dicembre 2017
  • Tempo di Avvento IV
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.