Commento al Vangelo di domenica 8 ottobre 2017 – mons. Giuseppe Mani

84

La più grande felicità per un vignaiolo è parlare della propria vigna e far visitare la propria cantina. Ascoltarlo “raccontare” la propria vigna con gli anni buoni e gli anni cattivi, vederlo sollevare i tralci, palpare le foglie, sollevare i grappoli è un vero piacere. Ama la propria vigna che gli rende bene fino al giorno in cui col diminuire delle forze non può più occuparsi direttamente e deve “affidarla ad altri”. Ricordo l’ultima visita fatta con lui. L’ho rivista da poco, lasciata in abbandono, invasa da erbacce e con piccoli grappoli. Per capire la parabola della vigna nel libro di Isaia e nel Vangelo bisogna percepire l’attaccamento “sentimentale” di colui che la coltiva.

E’ l’effetto di interventi ripetuti e permanenti, di protezione vigilante contro le malattie. La vigna non lascia mai il viticultore inattivo. “La vigna del Signore onnipotente è la casa d’Israele”ci dice Isaia. E’ la coscienza che il Popolo eletto aveva di essere amato dal Signore. Quando Gesù nel Vangelo di Giovanni ci dice “Io sono la vera vite” ci dice che è la Nuova Vigna amata dal Padre Vignaiolo e risponde a quest’amore del Padre e lo diffonde tra i suoi discepoli attaccati a Lui come i tralci alla vite. “Come il Padre ha amato me così ho amato voi. Rimanete nel mio amore”. Il proprio dell’amore è di donare e di donarsi e tanto Isaia che Gesù parlano dei numerosi investimenti fatti sulla vigna senza dimenticare niente “Potevo fare per la mia vigna più di quanto ho fatto?”.

Dio si riconosce in questa generosità. Noi ci riconosciamo in questa vigna ricolma di doni e di attenzioni. “Tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia”. L’atto di fede più autentico non è affermare che Dio esiste ma che Dio mi ama. Impariamo da Dio Vignaiolo cosa vuol dire amare veramente. Tutti abbiamo una vigna o delle vigne da coltivare, una famiglia, una missione nella chiesa, delle persone che ci sono state affidate, delle responsabilità da assumere. Possiamo dire che facciamo il massimo per la nostra vigna? Leggendo Isaia si rimane sorpresi della violenza con cui il padrone tratta la sua proprietà. Ne fa un deserto. Riconoscevano in questo la presa di Gerusalemme e l’esilio, considerati come una punizione per l’infedeltà. Ma si sa che che questa situazione è stata provvisoria perché Dio non ha mai abbandonato il suo popolo.

Delle immagini ci traducono la “passione di Dio”. Dio non è impassibile! Ce lo ha mostrato in Gesù Cristo. Il padrone della Vigna evangelica non reagisce meno violentemente dinanzi al tradimento degli operai. Questa reazione ha due tratti significativi: – Il ripetere dell’invio dei servi e soprattutto l’invio del Figlio esprime luminosamente la pazienza di Dio attraverso tutta la storia biblica. Con la successione dei profeti fino a mandare Gesù, crocifisso “fuori della vigna” sul Golgota, fuori delle mura di Gerusalemme-. – Il trasferimento della vigna ad altri. Il testo di Matteo la dice lunga sul dibattito esistente al momento della redazione del vangelo di Matteo tra le comunità giudaiche che si ritenevano “proprietà di Dio” e i cristiani che si ritenevano i nuovi depositari della fiducia di Dio. Alla luce della storia i cristiani hanno sempre prodotto i frutti attesi? Hanno sempre portato al Padrone i frutti della vigna? La questione è da porsi all’inizio del terzo millennio.

Guardandosi indietro ai duemila anni di cristianesimo insieme alle favolose “raccolte di santità” e di evangelizzazione del mondo dobbiamo anche costatare dei frutti amari di divisioni e di spettacoli di violenze. Qual è l’attuale situazione? L’affievolimento della fede e dei valori cristiani della vitalità missionaria ci interpella. Dio “che non abbandona mai” non potrà affidare “La sua vigna ad altri”? Non siamo forse l’oggetto della pazienza di Dio?

Commento a cura di mons. Giuseppe Mani dal sito www.lamiavocazione.it

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 8 ottobre 2017 anche qui.

XXVI Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 21, 33-43
Dal Vangelo secondo Matteo

33Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. 34Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. 35Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. 36Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. 37Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. 38Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. 39Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. 40Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?». 41Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo». 42E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo; questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi? 43Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 08 – 14 Ottobre 2017
  • Tempo Ordinario XXVII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 8 ottobre 2017 – fr. Janvier Ague OFM.Cap
Articolo successivoCommento al Vangelo del 8 ottobre 2017 – don Mario Filippa