Commento al Vangelo di Domenica 6 Marzo 2022 – don Mauro Manzoni

148

- Pubblicità -

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica 6 marzo 2022.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

- Pubblicità -

Essere cristiani non è un diritto di nascita nè un diritto di cittadinanza o un ius soli: cristiani si diventa. E’ una conquista quotidiana, un traguardo con su scritto: partenza. Una scelta che si rinnova ogni istante della nostra vita e che si rinnova e che coinvolge tutto il nostro essere uomini e donne.

Ed è proprio sul valore di queste scelte che il Vangelo di questa 1 domenica di quaresima ci invita a riflettere e confrontare. Cristo rifiuta la tentazione delle cose, snobba la gloria e il consenso, rigetta atteggiamenti clamorosi e sensazionali. Proposte allettanti e stuzzicanti quelle del demonio, arrivando addirittura a citare la Bibbia, pur di risultare con-vincente e persuasivo.

Ma Cristo non ci sta. Per essere cristiani non basta conoscere la Bibbia, sono solo le nostre scelte che ci avvici-nano a Gesù o ci lasciano assetati e inariditi sulle dune del deserto insieme al peccato. Scelte libere, consapevoli e leali. Possiamo metterci delle maschere per gli altri, ma non per noi stessi e il Signore. Ci conosciamo e non possiamo na-sconderci agli occhi della nostra coscienza e a quelli di Dio.

Prepariamo allora la libertà della Pasqua, non ascoltando le lusinghe del mondo, le attrazioni e le seduzioni del peccato.

- Pubblicità -

Link al video
Articolo precedentep. Ermes Ronchi – Commento al Vangelo di domenica 6 Marzo 2022
Articolo successivoAngèle Bilegue – Commento al Vangelo del 6 Marzo 2022