Commento al Vangelo di domenica 6 maggio 2018 per bambini/ragazzi – Sr. Mariangela Tassielli

48

Se dopo aver letto il Vangelo di questa sesta domenica dovessi riferire un aggettivo a Gesù lo descriverei «preoccupato». Di cosa? Della nostra gioia. Proprio cosi!

Ascolto la sua parola e mi sento raggiunta dalla sua preoccupazione per la mia gioia, per la mia felicità, per la pienezza della mia vita. No, lui non è preoccupato della mia obbedienza, del mio osservare regole e comandamenti, del mio essere sempre sull’attenti a ogni respiro di Dio.
Lui non mi vuole soldatino fedele, ma figlia felice. 

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Osservare la sua Parola è ascoltare, è fidarsi, è credere che la sua via porti alla vita vera.
Osservare i suoi comandamenti è ricordare a noi stessi, ogni giorno, in ogni istante, che l’unica vera legge a cui obbedire è l’amore. Il nuovo e rivoluzionario comandamento è: amare… e amare all’altezza di Dio.

È questo che ci permetterà di percorrere vie nuove, diverse, non convenzionali, sicuramente scomode, ma comunque vie che ci condurranno alla gioia. Perché ci insegneranno a scrutare orizzonti nuovi, ci permetteranno di vedere il mondo a partire da prospettive nuove, ci insegneranno a scoprire una nuova fame e a gustare nuovi sapori. Quali?

Il limite, la non perfezione, la fragilità. Gusti che non vorremmo mai sperimentare ma che in realtà sono i soli che ci permettono di riabilitare e di aprirci all’alterità, alla condivisione, alla compassione, che è possibilità di sentire con l’altro, all’unisono, con un solo cuore.
A questo siamo chiamati.

Perché solo così la nostra gioia sarà piena.
Perché solo così obbediremo non alle regole, ma all’amore.
Perché solo così resteremo nell’amore, avvolti dall’amore.

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO   

Chiamati amici

Ci hai chiamato amici, Signore,
e vorremmo esserlo veramente, fino in fondo.
Vorremmo poter amare con il tuo cuore,
come tu hai amato.
Vorremmo poter obbedire all’amore,
senza misura né timore.
Vorremmo poter seguire le tue vie
per diventare capaci di portare frutti di gioia,
a tutti… Sempre!

Insegnaci a farlo, Signore.
Prendici per mano e conducici sulle tue vie.
Guidaci con la tua Parola.
Libera i nostri gesti per essere amore.
Amen.

Altre immagini di Sr. Mariangela, sul sito cantalavita.com

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
V DOMENICA DI PASQUA – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 29 Aprile 2018 anche qui.

Gv 15, 1-8
Dal Vangelo secondo Giovanni

1«Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. 2Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. 3Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. 4Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. 5Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 6Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. 7Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. 8In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 29 Aprile – 05 Maggio 2018
  • Tempo di Pasqua V
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 6 Maggio 2018 per bambini – don Marino Gobbin
Articolo successivoCommento al Vangelo del 6 maggio 2018 – Piccole Suore della Sacra Famiglia