Commento al Vangelo di Domenica 3 Aprile 2022 – don Mauro Manzoni

109

- Pubblicità -

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica 5 aprile 2022.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

- Pubblicità -

Da qualche parte San Girolamo dice “che Gesù scriveva in terra col dito i peccati dei presenti”, e dalle loro mani cadevano su quella scritta tante pietre. Pietre raccolte per uccidere e sopprimere, ora cadute davanti all’amore ed alla vita.

Sì, la vita, perché Dio vuole che ognuno di noi viva, al di là del perdono o della condanna. “Va, e d’ora in poi non peccare più”. E nella acclamazione al Vangelo di oggi, abbiamo tutti ripetuto: io non voglio la morte del peccatore, ma che si converta e viva.

Quelle pietre nelle nostre mani, facili da scagliare, ci fanno dimenticare chi siamo noi. Quelle pietre nelle nostre mani, comode da scagliare, ci scaricano dalla nostra responsabilità. Quelle pietre nelle nostre mani da scagliare contro gli altri, ci svuotano del nostro senso di colpa.

In realtà quella pietra è un’accusa, ma contro noi stessi, ogni volta che giudichiamo, rifiutiamo o allontaniamo chi dalla vita ha avuto solo situazioni umilianti e mortificanti e che paga i propri errori nella gelida solitudine ed emarginazione. “Va, e non peccare ai più”, cioè sei libero e nuovo.

- Pubblicità -

Link al video
Articolo precedenteAlex Cailotto: Commento al Vangelo del 3 Aprile 2022 – Diocesi di Vicenza
Articolo successivomons. Giuseppe Zenti – Commento al Vangelo di domenica 3 Aprile 2022