Commento al Vangelo di domenica 4 Luglio 2021 – don Mauro Manzoni

80

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, 4 luglio 2021.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Ognuno di noi sa, o ha sperimentato, quanto è triste il rifiuto e l’opposizione, soprattutto quando questo avviene da coloro che credevamo amici o vicini. Quanto fa male essere ignorati o sottovalutati, se non addirittura rifiutati. Il Vangelo ci dice chiaramente che anche a Cristo è successo questo, anzi di più: “e si scandalizzavano di lui”, annota l’evangelista. Gesù è messo in angolo dai suoi compaesani, invidiosi, ottusi e indignati.

Non è forse il figlio del falegname? Cosa pretende di insegnarci? La prima lettura appena proclamata, definisce minuziosamente questa gente: popolo di ribelli, che si sono rivoltati contro Dio, figli testardi e dal cuore indurito. Il peccato è proprio questo: rifiutare Cristo, respingere la sua parola, rigettare la sua persona.

Siamo sempre tentati di far tacere il Cristo perché ci disturba e ci infastidisce, provocandoci a fare delle scelte ben diverse da quelle che abbiamo acquisite, è segno di contraddizione perché la sua parola potrebbe comprometterci, oppure lo ignoriamo completamente riponendo la fiducia solo in noi stessi e nella capacità di salvarsi da soli. Ma a chi accoglie la sua persona e ascolta la sua parola – dice l’evangelista Giovanni – ha dato il potere di diventare figli di Dio.

Link al video
Articolo precedentedon Gianmario Pagano – Commento al Vangelo del 4 Luglio 2021
Articolo successivodon Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 4 Luglio 2021