Commento al Vangelo di domenica 4 Agosto 2019 – Clarisse Borgo Valsugana

34

Il commento al Vangelo di domenica 4 Agosto 2019 è curato dalle sorelle Clarisse di Borgo Valsugana, Trento.

Il Signore è mia parte di eredità

 

A che cosa lego la mia vita? È la domanda con cui proviamo ad accostarci questa domenica ai testi sacri. Il desiderio e il possesso dei beni (eredità) sembrano placare e riempire l’esistenza e, in quanto «eredità», non richiedono alcuna fatica, se non la pretesa del «mi sono dovuti». Sembra che essi contengano una certa sicurezza e offrano tranquillità, serenità e felicità. Anche Dio, in qualche modo, rientra in questa logica quando lo interpelliamo per avere «ciò che mi spetta». Dio allora diventa colui che sta sopra («chi mi ha costituito giudice sopra di voi?») e quindi posso reclamare i miei diritti. Ma la vita non è un diritto da reclamare contenuta nei beni, siano essi salute, età, conoscenza, intelligenza, denaro, abilità o altro. La vita è un dono che posso solo ricevere con gratitudine dalle mani di colui che mi sta davanti: «arricchirsi presso Dio»! Che cosa può significare questo per noi? Forse riconoscere di possedere, in fondo, solo il nostro peccato e imparare a donare ciò che abbiamo ricevuto. È un’illusione trattenere la vita chiudendo le mani sui beni e legarla a essi con l’accumulo e la conservazione. Trattenere beni presso di me non può mettere al sicuro la mia vita, perché non mi appartiene e i beni che ho non me la garantiscono. Infatti, la prima lettura mi ricorda che «dovrò lasciare i miei beni». Anche san Paolo nella lettera ai Colossesi ci propone di alzare lo sguardo: «Cercate le cose di lassù… pensate alle cose di lassù». Siamo invitati a distogliere lo sguardo dalle false sicurezze terrene per accorgerci che ogni bene è un dono ed è occasione di incontro con colui che ce lo offre, perché dono di lui e della sua bontà che ci sta davanti. È Dio che ci arricchisce con il suo amore gratuito. In lui riconosciamo che rimaniamo in vita grazie all’amore che tanti ci offrono gratuitamente, perché l’amore viene solo da Dio.

Signore, non lasciare che il mio cuore sia legato dai beni e dal loro luccicore. Quando mi lascio prendere miserevolmente dai beni, tu correggimi paternamente e liberami misericordiosamente. Apri i miei occhi e io veda quanto è preziosa ai tuoi occhi la mia vita.

prima lettura   Dovrà lasciare i suoi beni

Coinvolgersi con la vita, lavorarvi con passione e fatica sembra destinato allo spreco, alla vanità: è questo lo sguardo che ho sulla vita? A che cosa mi lego?

seconda lettura   Cercate… pensate alle cose di lassù

Pensare alle cose di lassù interroga costantemente la nostra libertà ad aderire al bene, finché Cristo sia tutto in tutti. La libertà deve essere sempre di nuovo conquistata a partire dalla custodia del cuore.

vangelo   Arricchirsi presso Dio

Dalla folla una persona si espone a Gesù con una domanda. Dice di essere fratello di uno che non vuol condividere con lui l’eredità e chiede a Gesù di intervenire. La domanda diventa così un primo passo di un dialogo. A cui Gesù risponde chiamandolo: «Uomo»! Gli rimanda la sua alta dignità e responsabilità di essere, anzitutto, uomo e non il servo di un «giudice sopra» le parti, cioè distante. Ciò che veramente vale – Dio – è posto lontano, «sopra», sostituito da ciò che non vale – molti beni e molti anni –. Che coscienza ha questo uomo – e io con lui – della sua anima? di se stesso? «Riposarsi, mangiare, bere e divertirsi» sono le sue aspirazioni, ma esse nutrono solo illusioni di felicità. L’anima si è come fermata, chiusa nel godimento di un sé privo di vita, immobilizzata nel cammino verso il di più della vita, tanto da vantare diritti su un’eredità che non può garantire a nessuno vita e prosperità. Gesù con la parabola e le parole ti sarà chiesta la vita, apre l’uomo verso un’invisibile che non è più in grado di vedere: la vita è il bene più prezioso che hai fra le mani. Come se gli dicesse: tu chiedi a Dio l’eredità, i beni, mentre Dio ti chiederà la vita, il bene che ti ha donato per arricchire presso lui e i fratelli; tu chiedi al fratello l’eredità di un padre morto, mentre Dio – Padre vivente – ti ha fatto il grande dono della vita, sei suo figlio. Nella vita abita il divenire della grazia che sempre può operare in noi. Le ricchezze, tutt’al più, occupano e preoccupano mente e cuore e lasciano morire in noi la Vita, perché cerchiamo di ottenere tutto dalla vita presente. Essere possessori di beni – materiali o spirituali, temporali o eterni – può soddisfare il piacere, lo «star bene», ma il diventare uomo nasce e si sviluppa da una relazione col Padre. Affidiamoci a lui con le parole del Salmo 15: «Il Signore è mia parte di eredità e mio calice, nelle tue mani è la mia vita. Per me la sorte è caduta su luoghi deliziosi, la mia eredità è stupenda».

Messale festivo 2019 delle Edizioni Messaggero Padova
Il Messale delle domeniche e feste 2019 è pensato per aiutare a partecipare attivamente alla liturgia, servendosi anche delle accurate introduzioni alle singole feste. Contiene tutti i testi liturgici del Messale e del Lezionario delle domeniche e feste, dal primo gennaio fino all’ultima domenica di dicembre 2019, con un ampio approfondimento liturgico-pastorale per chi vuole preparare o continuare a casa la riflessione sulla Parola.
Introduzioni alle celebrazioni, presentazioni e commenti alle letture del Vangelo sono curate delle suore clarisse del Monastero San Damiano di Borgo Valsugana (TN) * preghiere dei fedeli a cura della Comunità di Bose

ACQUISTA IL MESSALE SU

Acquista su Libreria del Santo Acquista su Amazon Acquista su Ibs

Letture della
XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

Prima Lettura

Quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica.

Dal libro del Qoèlet
Qo 1,2; 2,21-23

 
Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
vanità delle vanità: tutto è vanità.
 
Chi ha lavorato con sapienza, con scienza e con successo dovrà poi lasciare la sua parte a un altro che non vi ha per nulla faticato. Anche questo è vanità e un grande male.
 
Infatti, quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica e dalle preoccupazioni del suo cuore, con cui si affanna sotto il sole? Tutti i suoi giorni non sono che dolori e fastidi penosi; neppure di notte il suo cuore riposa. Anche questo è vanità!
Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Salmo 89 (90)
R. Signore, sei stato per noi un rifugio di generazione in generazione.

Tu fai ritornare l’uomo in polvere,
quando dici: «Ritornate, figli dell’uomo».
Mille anni, ai tuoi occhi,
sono come il giorno di ieri che è passato,
come un turno di veglia nella notte. R.
 
Tu li sommergi:
sono come un sogno al mattino,
come l’erba che germoglia;
al mattino fiorisce e germoglia,
alla sera è falciata e secca. R.
 
Insegnaci a contare i nostri giorni
e acquisteremo un cuore saggio.
Ritorna, Signore: fino a quando?
Abbi pietà dei tuoi servi! R.
 
Saziaci al mattino con il tuo amore:
esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni.
Sia su di noi la dolcezza del Signore, nostro Dio:
rendi salda per noi l’opera delle nostre mani,
l’opera delle nostre mani rendi salda. R.

Seconda Lettura

Cercate le cose di lassù, dove è Cristo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési
Col 3,1-5.9-11

 
Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.
 
Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria.
 
Fate morire dunque ciò che appartiene alla terra: impurità, immoralità, passioni, desideri cattivi e quella cupidigia che è idolatria.
 
Non dite menzogne gli uni agli altri: vi siete svestiti dell’uomo vecchio con le sue azioni e avete rivestito il nuovo, che si rinnova per una piena conoscenza, ad immagine di Colui che lo ha creato.
 
Qui non vi è Greco o Giudeo, circoncisione o incirconcisione, barbaro, Scita, schiavo, libero, ma Cristo è tutto e in tutti.

Parola di Dio

Vangelo

Quello che hai preparato, di chi sarà?

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 13-21

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».
E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede».
Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

Parola di Dio

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 4 Agosto 2019 – Don Luciano Condina
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 4 Agosto 2019 – Lorenzo Galliani