Commento al Vangelo di domenica 31 dicembre 2017 – don Fabio Rosini

155

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 31 dicembre 2017 – domenica della Santa Famiglia – Anno B, dai microfoni di Radio Vaticana.


PLAYER AUDIO

Attraverso il testo della Presentazione al Tempio, ci troviamo dentro l’arcaica sapienza dei riti ebraici che celebravano la signorìa di Dio sulla vita. I figli erano riconosciuti come suo dono; e il figlio primogenito veniva consacrato a lui. Si praticava la purificazione in occasione degli snodi vitali, la vita, la morte, il mondo della fecondità maschile e femminile. Questi riti dicevano all’uomo: la vita non è tua.

Una coppia doveva presentare un’offerta per dire: questo bimbo non è nostra proprietà. Perché questo è importante? Perché l’amore e il possesso non vanno d’accordo. E se da una parte l’amore materno oggi può diventare in alcuni casi un’illimitata invasione di campo, uno strabordare in una maternità onnivora, per contro l’amore paterno, oggigiorno, può scadere nei minimi dell’assolvimento del dovuto.

La proclamazione dell’autorità di Dio sulla vita è luce sulla responsabilità: si risponde a Dio dei propri figli, non si gioca con la paternità e con la maternità. E nemmeno con la sponsalità.

Abbiamo una deriva di mentalità che è radice di molti disastri familiari. Dal momento in cui percepisco che la mia mascolinità-femminilità e paternità-maternità sono semplici estensioni di sistema del mio ego, sprofondo nella mia inconsistenza, divento vorace e, a seconda delle mie condizioni, rivendico il dominio del figlio, impossessandomene, o il dominio del mio tempo e dei miei ritmi – e un figlio lo faccio solo se e quando me la sarò spassata. E magari finisce che vado in crisi perché non posso più andare al calcetto quando mi gira. La vita è mia, non si può vivere così, debbo riprendermi i miei spazi.

UNIVERSALITÀ. Maria e Giuseppe invece consegnano a Dio il loro bimbo e, attraverso ciò, sé stessi. E in questo contesto compare Simeone, che squarcia le prospettive dei presenti: questo bimbo non vivrà un’esistenza individualista, privata, ma la sua vita ha una portata universale. È per tutto il mondo.

Ma è vero solo di Lui? No. Se – come dice il Concilio – «Cristo svela pienamente l’uomo a sé stesso» (Gaudium et spes, 22) questa portata è di tutti. Purificare la propria maternità e paternità e consacrare a Dio i propri figli sono atti che proclamano lo spessore della nostra vita: siamo di Dio, e siamo secondo la sua grandezza. Anche noi nasciamo per essere luce, canale di salvezza: la nostra vita è molto più grande di una prospettiva privata e mediocre.

Molti uomini e donne fanno soffrire le proprie famiglie perché hanno dimenticato la loro propria grandezza. Ogni uomo che tradisce, o abusa, o abbandona, o trascura, ha obliato la sua bellezza. Nato per essere luce, diviene buco nero che divora sé stesso e gli altri.

Questa è la contraddizione in cui siamo come costretti da Cristo: lui è il segno della nostra importanza, svela la gloria di cui siamo dotati, incompatibile con la nostra mediocrità. Lasciamo che Cristo ci contraddica, che smonti le nostre menzogne, per poter essere condotti alla meraviglia che siamo.

Fonte

Qui tutti i commenti di don Fabio Rosini

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 31 dicembre 2017 anche qui.

Domenica della Santa Famiglia, Gesù, Maria e Giuseppe – Anno B

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Lc 2, 22-40
Dal Vangelo secondo Luca

 22Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosé, portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore – 23come è scritto nella legge del Signore: Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore – 24e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore. 25Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. 26Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. 27Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, 28anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: 29«Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, 30perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, 31preparata da te davanti a tutti i popoli: 32luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele». 33Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. 34Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione 35– e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori». 36C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuele, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, 37era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. 38Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. 39Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. 40Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 31 Dicembre 2017 – 06 Gennaio 2018
  • Tempo di Natale I
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.