Commento al Vangelo di domenica 3 maggio 2015 – padre Giuseppe De Nardi

57

Con il Vangelo in mano sul lago di Tiberiade – il commento al Vangelo di padre Giuseppe De Nardi, parroco di Tiberiade.

V Domenica del Tempo di Pasqua

[ads2] Colore liturgico: bianco

Gv 15, 1-8
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteSpiegazione del Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica – #9 – Mons. Giuseppe Zenti
Articolo successivoIl sito web del Giubileo della Misericordia