Commento al Vangelo di domenica 29 Marzo 2020 – don Mauro Manzoni

201

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, 23 febbraio 2020.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Incomprensibile un Dio che piange e soffre davanti alla morte dell’uomo. Incomprensibile il dolore di un Dio di fronte a qualcosa che Lui stesso potrebbe evitare. Misterioso il suo silenzio e inspiegabile la sua assenza nella casa del dolore umano.

Sembra proprio così ai nostri occhi umani, come sembrò così alle sorelle di Lazzaro: “se tu fossi stato qui, non sarebbe morto”. Questo grido che all’apparenza ha il sapore del rimprovero, in realtà è profonda fede. Dallo specchietto della macchina penzolava un Crocifisso e dalla plancia sorrideva la faccia di San Cristoforo…eppure…La scienza e la ricerca medica fanno passi importanti…eppure…

Ci hai chiamato, come hai fatto con Lazzaro, ci hai chiamato amici ma sembra che Tu resti indifferente ai grandi eccidi di morte e di dolore: “se Tu fossi stato qui”. Ma dal buio silenzioso della tristezza e dello smarrimento echeggia una parola: Io sono la resurrezione e la vita.

E’ Lui il nostro futuro, Lui, l’unico e definitivo vincitore della morte che trasforma il sepolcro di una morte in una culla di nascita. Alla vista di quello che aveva compiuto, molti Giudei credettero in Lui: forse, forse il vero risorto non è Lazzaro.

Link al video

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.