Commento al Vangelo di domenica 25 ottobre 2015 – don Mauro Manzoni

71

La Parola di Dio“, canale YouTube del prolifico Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, 25 ottobre 2015.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

La fede ha le sue radici e nasce dall’ascolto e, nonostante nella società di oggi l’egemonia sia dell’immagine e del vedere, la Bibbia ha da sempre privilegiato l’udito più che la vista. Il vero credente è colui che si apre all’ascolto della Parola di Dio. Il Vangelo di questa domenica ci presenta un cieco che non vede, ma sente.
“Bartimeo – dice il testo – cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Costui, al sentire che c’era Gesù, cominciò a gridare”. Si fida ciecamente (essendo un cieco, sembra una battuta, ma non lo è) si fida ciecamente di quella voce che sente, sa che quel Gesù può guarirlo, può toglierlo dalla strada dell’accattonaggio per una nuova e dignitosa vita. Sì, perché Gesù non fa riacquistare a Bartimeo solo la vista, ma soprattutto la dignità umana e il rispetto.
Desidera e vuole a tutti i costi l’incontro col Maestro, nonostante la folla lo rimproveri e respinga indietro. Siamo alle solite, quella folla senza nome e senza identità, elargisce discriminazione ed emarginazione per più deboli e indigenti, ignora e non vuol vedere, cercando di impedire l’incontro con Gesù.
In mezzo a quella folla, qualche volta, ci siamo anche noi, quando siamo incapaci di vedere la povertà, la miseria intorno a noi, indifferenti a situazioni di disagio e difficoltà, insensibili al grido di tanti nostri fratelli. Folla, dicevo prima, senza nome e identità. Anche noi abbiamo bisogno di essere guariti dalla cecità, sanati dalla mano di Cristo e trasformati da folla anonima in comunità di amore e di amicizia.

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Dal Vangelo secondo Marco

[ads2] In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 – 31 ottobre 2015
  • Tempo Ordinario XXX, Colore verde
  • Lezionario: Ciclo B | Anno I, Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

Articolo precedenteAttualizzazione del Vangelo del 25 ottobre 2015 a cura di don Domenico Luciani
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 25 ottobre 2015 – don Fabio Rosini