Commento al Vangelo di domenica 25 Novembre 2018 – don Fabio Rosini

347

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 25 Novembre 2018 – trentaquattresima domenica del Tempo Ordinario – Anno B, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

UN RE CHE RENDE LIBERI DAL POTERE DEL MONDO

Per chiudere l’anno liturgico siamo chiamati a celebrare Cristo Re dell’universo. Cosa è la Sua regalità? A cosa ci serve? Nel dialogo fra Gesù e Pilato che la liturgia propone, si parla di un Regno che non è di questo mondo. Ma noi siamo in questo mondo, e sembra che il suo regno non riguardi veramente le nostre povere cose, se non come un’ipotesi futura che riguarda il domani.

In effetti Egli non appare come un re ma solo come un imputato che verrà condannato, e appare niente altro che come un perdente.

Pensiamoci: per quel che conta su questa terra Costui non ha assolutamente nulla di regale. Egli è irrilevante rispetto ai giochi di forza del mondo. Il potere lo può schiacciare come un moscerino, e lo farà. Allora è un re di niente, è un fattore inutile della storia.

Eppure… Eppure nella stessa storia non c’è uomo più famoso di costui. Pilato, che lo giudica, entrerà nella memoria umana solo perché si è incrociato con lui. L’umanità impatterà contro questo trentenne fallito e morto ammazzato, e molti – che non lo cercavano né lo volevano – dovranno fare i conti con Lui. La cultura umana si inchinerà a questo oscuro galileo che non ha scritto niente e non ha lasciato opere architettoniche o artistiche dietro di sé. L’enorme maggioranza dei potenti della storia non ha neanche scalfito la poderosa presenza di Gesù di Nazaret nella vita dei popoli.

Perché questa influenza? «Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

COS’È LA VERITÀ? La verità, se entra nel cuore dell’uomo, ha la sua voce. Quella verità che gli uomini tanto cercano, in realtà non è di questo mondo. Questa verità non è il successo o il potere o il possesso, e questo uomo ne è completamente scevro. Altrove Lui ha detto che questa verità rende liberi. E quando un uomo è reso libero dalla verità di cui Lui dà testimonianza, ogni potere di questo mondo diventa una sciocchezza. Tanti uomini e donne sono stati liberi da questo mondo perché ascoltavano e seguivano Costui. Molti si millantano per suoi seguaci ma mostrano di non esserlo perché falliscono patentemente sulla prova della libertà, essendo ricattabili, asserviti, conniventi con i poteri di questo mondo, poteri da quattro soldi che minacciano quelli che non hanno la verità nel cuore.

Infatti chiunque sia partecipe del potere di questo mondo è in realtà uno schiavo: non possiede ma è posseduto, non governa ma è governato.

L’imbarazzante piccolezza di questo Uomo è la sua regalità. A Lui il mondo non fa alcuna paura. Per Lui il mondo è una cosa molto piccola. Ha da dire qualcosa al mondo, non ha da chiedergli proprio niente.

Ah! Entrasse questa verità nel nostro cuore! Avessimo questa indipendenza dalle cose! Potessero i giovani crescere con questa solidità! Fossero gli anziani saggi secondo questa sapienza! Un popolo di ingannati, di schiavi, di rammolliti e di stolti – che siamo noi – ha disperato bisogno di questo Re. Venga il suo Regno!

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B
NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO RE DELL’UNIVERSO – Solennità

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 Novembre 2018 anche qui.

Tu lo dici: io sono re.

Gv 18, 33-37
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».
Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 Novembre – 01 Dicembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXIV
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.