Commento al Vangelo di domenica 25 Luglio 2021 – don Mauro Manzoni

102

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, 25 luglio 2021.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Ne avanzarono dodici ceste … Alla fine, se facciamo i conti, dopo aver donato tutto, ci rimane più di quello che avevamo: mistero della fede, mistero dell’amore, soprattutto mistero del dono.

Nell’incontro con Gesù, scrive Benedetto XVI nel suo libro “Gesù di Nazareth”, ci nutriamo dello stesso Dio vivente, mangiamo davvero il pane del cielo, un cibo, che non si può guadagnare con il lavoro umano, mediante le proprie prestazioni. Può venire a noi soltanto come dono di Dio ed è un dono da riciclare.

Forse, proprio questa è la lettura della frase del vangelo dategli voi stessi da mangiare: noi essere dono gli uni per gli altri. Quando ho fame Signore, dice Madre Teresa, quando ho fame manda sulla mia strada qualcuno da sfamare, quando ho bisogno, manda qualcuno che ha più bisogno di me. Condividere, spartire, distribuire, per creare unità e comunione.

Come quel pezzo di pane, formato da tanti piccoli chicchi di grano, macinati e impastati insieme diventano Corpo di Cristo, come quegli acini di uva, macerati e spremuti insieme diventano Sangue di Cristo.

Lasciamoci anche noi impastare e spremere insieme, per diventare in lui una unità perfetta, che è la sua chiesa.

Link al video
Articolo precedentedon Roberto Rossi – Commento al Vangelo di domenica 25 Luglio 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 25 Luglio 2021 – S.E. Mons. Mario Russotto