Commento al Vangelo di domenica 25 Luglio 2021 – Comunità di Pulsano

135
Comunità di Pulsano
Comunità di Pulsano

DOMENICA « DELLA MOLTIPLICAZIONE DEI PANI E DEI PESCI»

Una grande folla si accalca intorno a Gesù; la gente accorre da tutte le parti, non tanto per lui, quanto per i miracoli che egli compie guarendo i malati. È l’irresistibile attrattiva che il meraviglioso esercita sul cuore umano. Tuttavia Gesù non rifiuta questo approccio iniziale, per quanto ambiguo possa essere. Con la domanda posta a Filippo, cerca di saggiare la perspicacia della sua fede, e non rinuncia ad affinarla. Ma quando la gente vuole approfittare dei suoi miracoli per impadronirsi di lui, fugge. Ogni volta che un uomo o un’istituzione pretendono di manipolare Gesù e di servirsene per i propri fini, egli diventa inafferrabile.

Due persone intervengono nei preparativi del pranzo: Andrea segnala la presenza di un ragazzino e quest’ultimo mette in comune quel poco che ha. L’avvenimento è straordinario, ma rispetta l’ordine delle cose: la moltiplicazione dei pani non si produce a partire da niente, ma dalla prima, modesta condivisione di ciò che un bambino aveva nella sua bisaccia. Chi vuole essere una benedizione per gli altri, deve portare a Gesù ciò che possiede. Il Maestro non ci chiede quello che non abbiamo; ma ci fa vedere che se ciascuno offre quello che ha, può compiersi il miracolo della condivisione, che basta a saziare tutti. Per quanto sovrabbondante, non per questo il dono di Dio è meno prezioso: nulla deve essere sprecato. Non solo del pane eucaristico, ma anche del dono che noi rappresentiamo gli uni per gli altri: i figli per i genitori, il fratello per il fratello, lo sposo per la sposa, l’amico per l’amico. Nulla deve andare perduto del dono di Dio. Tutto deve essere raccolto perché, attraverso la condivisione, continui a moltiplicarsi.

Dall’eucologia:

Antifona d’Ingresso Sal 67,6-7.36

Dio sta nella sua santa dimora;
ai derelitti fa abitare una casa,
e dà forza e vigore al suo popolo

Nell’antifona d’ingresso, Sal 67,6b-7a.36bc, AGC, oggi la Chiesa, la Sposa, celebra il suo Signore che concede la forza (28,11) e la potenza di vivere la vita del Regno. Come per il salmista, il Signore regna e guida dal suo santuario, dove abita nella sua invisibile e imperscrutabile Presenza (v. 6b), e da dove raduna il suo popolo, altrimenti disperso, affinché dimori compatto nella sua Casa (v. 7a), oggi la Chiesa riceve e possiede il suo Tesoro, la Sapienza divina, poiché [la Sapienza] per gli uomini è il Tesoro inesauribile e quanti la usano diventano amici di Dio (Sap 7,14).

Canto all’Evangelo Lc 7,16b

Alleluia, alleluia.
Un grande profeta è sorto tra noi,
e Dio ha visitato il suo popolo.
Alleluia.

Luca 7,16 è la reazione della folla di Naim, colpita dal grande miracolo della guarigione del figlio della vedova, è anzitutto, con il timore reverenziale, la glorificazione del Signore che permette così grandi prodigi e poi è l’acclamazione rivolta a Cristo Signore come il Profeta grande promesso dal Signore (Dt 18,15.18 «Il Signore tuo Dio susciterà per te, in mezzo a te, fra i tuoi fratelli, un profeta pari a me; a lui darete ascolto…. io susciterò loro un profeta in mezzo ai loro fratelli e gli porrò in bocca le mie parole ed egli dirà loro quanto io gli comanderò.), adesso venuto, mediante il quale il Signore opera la “visita” del popolo suo.

Da questa Domenica sino alla Dom. 21 del Tempo Ordinario, la liturgia della Parola interrompe la lettura di Marco e inserisce il c. 6 di Giovanni. Questo capitolo comprende 4 episodi:

  1. Gesù moltiplica i pani e i pesci (Gv 6,1-15; Domenica XVII);
  2. Gesù cammina sulle acque; però purtroppo questo episodio si omette (Gv 6,16-21);
  3. Gesù pronuncia il «discorso eucaristico» (Gv 6,22-59; Domeniche XVIII – XX:);
  4. restano con Lui solo i discepoli fedeli (Gv 6,60-69; Domenica XXI).

Va detto con un certo rammarico che le 5 Domeniche in cui si proclama Gv 6 cadono in genere nel tempo delle ferie, quando anche «la catechesi va in vacanza» e quindi si perde la concentrazione per il popolo.

Oggi si assiste a una delle opere della carità del Regno, la vittoria sull’indigenza e sulla povertà, sulla fame, superando anche l’abbandono generale delle folle, questi fattori negativi, tra tanti, con cui satana tiene prigionieri nel male gli uomini. Così un episodio evangelico riporta sempre che il Signore proclama l’Evangelo e procede al suo insegnamento, opera la carità del Regno con cui strappa il regno del male a satana, riporta al culto immacolato al Padre, va verso la Croce per acquisirsi la Sposa diletta.

I motivi addotti per la sostituzione tra i due evangeli sono i seguenti:

  1. versione breve detta anche della necessità pastorale: nella lettura dell’evangelo dì Marco siamo arrivati alla «sezione dei pani», poiché ai cc. 6 e 8 egli racconta due moltiplicazioni dei pani; gli avvenimenti sostanzialmente coincidono con il racconto di Giovanni il quale col successivo discorso di Gesù approfondisce e aiuta le prime comunità cristiane e anche noi a comprendere il significato simbolico del segno.
  2. versione lunga: la causa risale al progetto di lavoro per la composizione del nuovo Lezionario. In quella sede si erano avanzate diverse proposte, da un Ciclo unico, a 2 Cicli, a 3 Cicli, a 4 Cicli. Scartate la prima, seconda e quarta proposta, si era deciso di procedere su 3 Cicli, ma restava il problema dell’evangelo di Giovanni, che è e resta di eccezionale importanza. Così si decideva di ridistribuire Giovanni anzitutto in alcuni momenti importanti dell’Anno liturgico, come a Natale, in Quaresima, nel Tempo pasquale, a Pentecoste. Poi di aprire un varco nel corso dell’evangelo più breve, Marco, per introdurre appunto il lungo e importante cap. 6 di Giovanni.

Ecco perché, a detta di alcuni, conviene e si deve seguire il quarto evangelo in questa sezione dell’evangelista Marco.

In questa domenica la liturgia ci propone soltanto il fatto in sé straordinario della moltiplicazione dei cinque pani e due pesci, episodio di partenza dal quale si svilupperà poi un’articolata catechesi cristologia ed eucaristica. Ci viene altresì ricordato che in misura più modesta una moltiplicazione di pani d’orzo e di farro venne fatta dal profeta Eliseo (I lett); ma è sempre lo stesso Dio Padre di tutti che agisce per mezzo di tutti (v. 6 II lett.).  Andrea dice al Signore di avere notato un ragazzo che si era provvisto di 5 pani d’orzo e di ben 2 pesci (vv. 8-9). Annotavano i Padri che una madre affettuosa aveva assecondato il figlio, che a tutti i costi voleva seguire Gesù dovunque andasse e sapendo che Gesù aveva itinerari imprevedibili per spazio e per tempo, gli aveva preparato una provvista almeno per 2 giorni, arrostendogli 2 pesci di lago (se non erano salati) e cuocendogli 5 pani di farina d’orzo. Ora, è probabile che si trattasse dell’orzo, che nel clima palestinese è il primissimo raccolto primaverile, la cui prima gerba si doveva offrire al Signore nel santuario (Lv 23,9-14; Dt 26,1-11). Fin qui l’episodio richiama quello analogo di Eliseo, che in momento di fame da uno che aveva 2 pani dell’orzo delle primizie e alcune spighe di grano, aveva fatto distribuire queste poche provviste al centinaio di persone presenti, motivando che, secondo la Parola profetica, «Mangeranno, e ne avanzerà» e allora tutti avevano mangiato e tutti furono saziati (2 Re 4,42-44).

Il Salmo responsoriale: 144,10-11.15-16.17-18, I (Inno di lode)

Il Versetto responsorio: «Apri la tua mano, Signore, e sazia ogni vivente» (cf. v. 16), canta l’apertura della Mano divina benedetta e la generosità con cui sazia le sue creature.

Il Signore è celebrato da questo Salmo, che è un Inno di lode, come il Sovrano universale dal Nome adorabile (vv. 1-2). Adesso l’Orante di fronte allo spettacolo grande della creazione, chiama tutte le creature a celebrare il Signore (come Sal 102,22; 18,2; e il cantico di Dan 3,57) e si augura davanti a Lui che i suoi “santi”, i fedeli pii e timorati di Dio (Sal 139,6.16), Lo benedicano (v. 10). Essi debbono parlare a tutti, spiegare ed esaltare la gloria del Regno divino, e fare altrettanto della Potenza divina operante di continuo (v. 11). Come si è introdotto sopra, tutti guardano sempre con speranza verso il Signore e verso la sua benefica generosità (Sal 103,27; 122,2), poiché Egli nutre tutte le sue creature con amore e sapienza, al tempo opportuno (Sal 103,27; 110,5; 135,25; 146,9; vedi anche Mt 6,31-33; At 14,15-16) e sanno che allora aprirà la sua Mano provvidente e riempirà tutti i viventi del nutrimento, che è il frutto abbondante e inesauribile della sua divina benedizione (vv. 15-16).

Qui, come sempre e come dovunque, in ogni suo comportamento (le “vie”) il Signore è Giusto (Dt 32,4). Il termine indica sempre il costante pensiero divino di misericordia che interviene a riparare ogni condizione contraria agli uomini (v. 17a). E in questo il Signore dimostra la sua Santità, che per sé è la sua trascendenza e totale trasparenza, ma insieme è totale Carità che si manifesta agli uomini (v. 17b) e tutti gli uomini chiama con insistenza alla medesima giustizia (Gen 18,19) e alla medesima Santità (Lv 19,2). Il v. 17 è la ripetizione del precedente v. 13cd. E così il Signore si manifesta sempre vicino a quanti Lo invocano (Sal 29,3; 33,19; 118,151; Dt 4,7; Sir 2,12; At 17,27), con sollecitudine che li previene, li accompagna e li segue. Tuttavia, occorre che Egli sia invocato nella fedeltà, termine che rimanda all’alleanza divina, alla quale il Signore resta rigorosamente fedele, nonostante tutto e nonostante tutti e alla quale chiama però tutti i suoi fedeli (v. 18; vedi Gv 4,23-24).

Evangelo

Da tutti, gli evangelisti viene riportata la moltiplicazione dei pani operata da Gesù; questo dice già come essa sia importante nella predicazione dell’evangelo.

Nei sinottici la moltiplicazione dei pani è chiamata «miracolo», nel IV evangelo invece è uno dei segni operati da Gesù. L’inizio dei segni (sèméia) per Giovanni avvenne a Cana di Galilea e fu il segno del vino; quello dei pani occupa il posto centrale, per il fatto che l’evangelista secondo la «teologia simbolica» ne ha scelti solo sette, quale prefigurazione del massimo «segno» dell’evangelo: la Resurrezione del Crocifisso.

Nel caso della moltiplicazione dei pani e dei pesci, non è solo il fatto in sé prodigioso a costituire il «segno» ma ancora l’insieme dei particolari ambientali e temporali che colloca l’avvenimento centrale in un contesto di nuovo Esodo in cui Dio continua a compiere opere meravigliose. Giovanni ci propone Gesù, nuovo Mosé, che attraversa il mare di Galilea, seguito da una grande folla, sale sul monte, mentre si avvicina il tempo della Pasqua, sorge il problema di dare da mangiare a tanta gente. Con questa ridda di particolari sembra quasi d’intravedere sullo sfondo il racconto del libro dell’Esodo, quando il popolo della manna attraversava il deserto. L’episodio della moltiplicazione dei pani, non c’è dubbio, ha un chiaro significato pasquale e va compreso alla luce della Resurrezione di Cristo.

La narrazione giovannea del segno dei pani ha maggiori punti di contatto con la prima moltiplicazione riportata dai sinottici, anche se per qualche dettaglio è più vicina alla seconda, per esempio, per quanto riguarda l’uso del termine «eucharistéō», che si trova in Mc 8,6 e non in Mc 6,41. Confrontando la redazione di Giovanni con quella dei sinottici, possiamo constatare come la versione di Giovanni sia diversa, anche se le narrazioni sostanzialmente coincidono e quindi si riferiscono al medesimo evento. Ecco alcuni particolari:

  1. mentre per Giovanni il prodigio avviene su una montagna (v. 3), nei sinottici ci troviamo in un deserto (Mc 6,32 e par.);
  2. in Giovanni si parla della prossimità della festa giudaica della pasqua (Gv 6,4);
  3. presso i sinottici sono i discepoli a consigliare il maestro di congedare la folla, affinché si procurino il cibo (Mc 6,35 e par.), mentre in Giovanni è Gesù a prendere l’iniziativa e a interrogare Filippo (Gv 6,5s).
  4. la risposta di Filippo e l’intervento di Andrea sono delle particolarità giovannee;
  5. solo Giovanni parla di Gesù che mette alla prova i discepoli (v. 6); ecc.

Il racconto della moltiplicazione dei pani ha una struttura lineare:

  1. introduzione storico-geografica (vv. 1-4),
  2. dialogo preparatorio (vv. 5-10),
  3. il pasto sovrabbondante (vv. 11-13),
  4. la reazione della folla e di Gesù (vv. 14-15).

Esaminiamo il brano

1- «all’altra riva del mare di Galilea»: è incerta l’ubicazione dell’episodio, che Luca (9,10) indica verso «Betsaida» al di là del Giordano.

«di Tiberiade»: può essere un’aggiunta del redattore alla tradizione precedente, che aveva solo «mare di Galilea». Questa specificazione la troviamo solo qui e in 21,1. Il nome «mare di Tiberiade» diventò comune dopo che Erode Antipa ebbe costruito la città di Tiberiade (20 d.C.) dai giudei però considerata pagana.

2 – «perché vedevano i segni che faceva sui malati»: un giudizio estremamente critico dell’evangelista sul motivo che spingeva la folla a seguire Gesù (cfr. 2,23-25). I segni sono quelli narrati precedentemente,

3 – «Gesù salì sulla montagna»: è difficile l’identificazione di questa montagna; anche nella tradizione sinottica viene ricordato «il monte» senza un nome preciso (cfr. Mt 5,1; Mc 3,13). Per molti autori sembra evidente un’allusione al monte Sinai, nel confronto di Gesù con Mosé, che apparirà nel discorso sul pane di vita e la manna.

4 – «Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei»: questo particolare cronologico corrisponde al particolare primaverile dell’erba (Mt 14,19) verde (Mc 6,39) È la seconda Pasqua nominata (dell’anno 29 ?). Durante la prima (anno 28 ?) aveva scacciato i profanatori dal tempio di Gerusalemme, preludendo con quel gesto profetico all’istituzione del nuovo culto in Spirito e verità (2,13-25). Nella seconda Pasqua, con la moltiplicazione dei pani dà inizio al nuovo esodo, sfamando la folla con un pane prodigioso, simbolo della nuova manna, il vero pane di vita.

La Pasqua dei Giudei sarà sostituita dal vero banchetto pasquale, consistente nel dono di Cristo, il vero Agnello pasquale. Il ricordo esplicito della Pasqua orienta perciò a comprendere tutto quello che segue.

5 – «Filippo ed Andrea»: i due discepoli hanno un ruolo particolare nel IV evangelo, sono infatti abbinati in altri episodi (cfr. 1,40-44 prime vocazioni e 12,21-22 i greci che vogliono incontrare Gesù).

6 – È una nota redazionale che mira ad evitare l’impressione che dalla domanda del v. 5 si deduca l’ignoranza di Gesù.

7 – «Duecento denari»: Il denaro era la paga giornaliera di un operaio (Mt 20,13); si tratta dello stipendio di più di 6 mesi di lavoro. In Mc 6,37, dove ricorre questo stesso particolare, i 200 denari di pane sembrano sufficienti per sfamare la gente. Qui invece la difficoltà è ingrandita per mettere maggiormente in evidenza la grandiosità del segno.

9 – Anche la domanda retorica di Andrea sottolinea la grandezza del segno.

«pani d’orzo»: è un particolare proprio di Giovanni che ricorda l’episodio analogo di Eliseo (1 lett) e orienta il particolare verso un senso simbolico. Altri lo ritengono solo un particolare storico: il pane d’orzo, che costava poco, era il pane usato comunemente dai poveri.

«un ragazzo»: i sinottici parlano dei 5 pani e dei 2 pesci, ma li presentano come provvista dei discepoli e non del ragazzo (cfr. Mt 14,17 e par.).

11 – È Gesù stesso che distribuisce i pani e i pesci. Nei suoi gesti («prese… rese grazie… distribuì») non si può affermare né negare un richiamo alla Cena eucaristica. Un confronto con Mc 6,41 («prese.,, guardò in alto al cielo… benedisse… spezzò… dava ai discepoli») farebbe protendere verso un giudizio negativo, in quanto nel racconto giovanneo vengono saltati dei particolari che sono propri del racconto eucaristico. Nel racconto giovanneo si sottolinea l’abbondanza del pane messianico offerto «finché ne vollero», fino ad avere dei pezzi avanzati. Il risultato è dunque una bella e sana e gioiosa e inaspettata e gratuita sazietà (Gv 6,12a; e vedi anche il v. 26). Secondo la profezia:

Mangeranno i poveri e saranno saziati,
e loderanno il Signore quelli che lo cercano,
vivranno i loro cuori nei secoli dei secoli (Sal 21,27);
e ancora:
Tutti da Te attendono che Tu doni ad essi il cibo a suo tempo,
quando Tu lo doni, lo raccolgono,
quando Tu apri la Mano, tutti sono riempiti di bontà (Sal 103,27-28);
e ancora
Tutti gli occhi in Te sperano, Signore,
e Tu doni ad essi cibo a suo tempo,
Tu apri la Mano tua e riempi ogni vivente di benedizione (Sal 144,15-15 il Salmo responsoriale).

Il Signore ha promesso la sazietà finale: E così, il dissetamento (Gv 4,15) a chi ha la sete vera e va a Lui e vuole bere nella fede l’Acqua della Vita che è lo Spirito Santo della Resurrezione (7,37-39). E ha promesso insieme la sazietà dalla sete e dalla fame, ma allora occorre accettarlo come il Pane della Vita (6,35), quello donato dal Padre e sigillato dallo Spirito Santo.

12 – «perché niente vada perduto»: la preoccupazione di Gesù affinchè nulla vada perduto è un’altra caratteristica giovannea. Al v. 27 vi sarà il confronto tra «il pane che perisce» ed il «pane che rimane».

13 – «dodici canestri»: Gesù distribuisce; ai discepoli spetta il compito di raccogliere i pezzi avanzati in 12 canestri. Il numero 12 indica la pienezza; il pane che sazia è destinato a soddisfare la fame di tutte le generazioni future (ricorda che dai 12 figli di Giacobbe nasce il popolo d’Israele; dai 12 apostoli “nascerà” il nuovo Israele).

14-15 – «Questi è davvero il profeta che deve venire nel mondo»: la reazione entusiastica della folla dinanzi al segno è un’altra caratteristica del racconto giovanneo che non compare nei sinottici. Il riferimento è al profeta escatologico «come Mosè» di Dt 18,15-18. Con una fiammata improvvisa di entusiasmo popolare vengono a prenderlo per farlo re. Gesù non può accogliere tale pretesa, perché la sua regalità presuppone la salita sulla croce. Il suo messianismo, sulla linea del Servo sofferente, esclude ogni trionfalismo e grandezza mondana, in contrasto con la mentalità generale del tempo di allora come ancora di oggi!

La preghiera di colletta ci riassume l’impegno del nostro battesimo: vivere con Cristo Risorto e nel servizio di Carità ai fratelli.

II Colletta

O Padre, che nella Pasqua domenicale

ci chiami a condividere il pane vivo disceso dal cielo,

aiutaci a spezzare nella carità di Cristo

anche il pane terreno,

perché sia saziata ogni fame del corpo e dello spirito.

Per il nostro Signore…

Fonte: Abbazia di Santa Maria a Pulsano

Articolo precedenteEsegesi e meditazione alle letture di domenica 25 Luglio 2021 – don Jesús GARCÍA Manuel
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021