Commento al Vangelo di domenica 24 Novembre 2019 – Alberto Maggi

708

Padre Alberto Maggi commenta il Vangelo di domenica prossima, 24 Novembre 2019 – XXXIV domenica del Tempo Ordinario.

Link al video

L’episodio delle tentazioni nel deserto si erano concluse con queste parole: “e il diavolo si allontanò da Lui [Gesù] per ritornare al tempo fissato”; ed ecco il momento fissato: il momento di massima debolezza di Gesù. Gesù è crocefisso, è già agonizzante, sulla croce, e nel momento di massima debolezza, di nuovo si presentano le tentazioni di forza, le tentazioni di potere.

Leggiamo quello che ci scrive Luca, l’evangelista al cap. 23 nei versetti 35-43; Gesù, che ha avuto come unica missione quella di portare vita, di salvare le persone, ha pronunciato già le parole rivolte al Padre, una preghiera di perdono “Padre perdonali perché non sanno quello che fanno”; e, scrive l’evangelista, “il popolo stava a vedere”.

Questo popolo che lo ha seguito, queste folle che erano incantate dal suo messaggio ora sono sottomesse alle decisioni dei capi, non prendono nessuna iniziativa, stanno a vedere.

“I capi invece lo deridevano”; ecco senza un minimo di umanità, senza un po’ di compassione. In fondo Gesù, anche se ai loro occhi è un colpevole, è un uomo agonizzante sulla croce, questa tortura terribile, ebbene loro sono spietati, lo deridono dicendo: ha salvato gli altri, e qui c’è un’eco di quello che Gesù disse nell’episodio della Sinagoga di Nazareth quando disse: medico cura te stesso: ha salvato gli altri salvi sé stesso se è Lui il Cristo di Dio, l’eletto; ecco ritornano le tentazioni.

Questa espressione: “se è Lui il Cristo di Dio”, ritornerà tre volte e noi sappiamo che il numero tre nella simbolica numerica ebraica significa quello che è completo, quindi il diavolo ritorna con forza, con le sue tentazioni nel momento di massima debolezza di Gesù. Quindi i capi lo deridono, non hanno un minimo di compassione e dicono se ha salvato gli altri provi a salvare se stesso, se è Lui il Cristo di Dio, l’eletto. L’eletto che viene abbandonato. Una delle prove che Gesù non è stato il Messia, il Cristo d’Israele, è che il Messia non poteva morire.

Anche i soldati, sono i soldati romani, lo deridevano, letteralmente “lo schernivano”, si prendono gioco di Lui, una burla, gli si accostavano per porgergli dell’aceto. Mentre il vino è l’immagine dell’amore, il suo contrario, l’aceto, è l’immagine dell’odio. C’è un salmo, il salmo 69 versetto 22 che dice: “quando avevo sete mi hanno dato l’aceto”, e dicevano “se tu sei il re dei giudei”, ecco che di nuovo ritorna questa tentazione, “salva te stesso”.

Ma Gesù è venuto a salvare chi è perduto, Gesù non è venuto a salvare se stesso, ma a salvare gli altri, e l’evangelista commenta “sopra di Lui c’era anche una scritta: Costui è il Re dei giudei”, letteralmente “Il Re dei giudei è questo”. È una scritta molto derisoria, ed è l’unica scritta conosciuta di Gesù nella sua vita ed è per prenderlo in giro. “Questo è il Re dei giudei”, quindi è un’espressione che indica il massimo disprezzo, verso questo popolo che i romani sottomettevano; ma ecco dove l’evangelista ci vuol portare “Uno dei malfattori”, la croce era uno strumento di tortura riservato alla feccia della società, ai criminali più feroci, quindi finire sulla croce significava aver combinato veramente qualcosa di tremendo, “Uno dei malfattori appesi” – si intende alla croce – “lo insultava: Non sei tu il Cristo? Salva te stesso”. Ecco per la terza volta c’è la tentazione “salva te stesso”: è la tentazione del diavolo, di usare il potere per se stesso.

Ma Gesù la forza del suo amore non la usa per sé, ma la usa per gli altri. “salva te steso e noi. L’altro invece lo rimproverava dicendo: Non hai alcun timore di Dio tu che sei condannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni”. Quindi questo individuo crocefisso con Gesù è un criminale, è un delinquente. “Egli invece non ha fatto nulla di male”. Ecco, riconosce, questo bandito, questo criminale crocefisso con Gesù, riconosce la realtà di Gesù, quella realtà che, negli Atti degli Apostoli, per parola di Pietro: “Gesù di Nazareth che passo beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo perché Dio era con lui”.

Quindi questo delinquente riconosce che Gesù è innocente, e si rivolge a Gesù e gli chiede: “Gesù ricordati”, questo verbo ricordare fa parte del linguaggio della preghiera ebraica. Ricordare significa chiedere a Dio di posare uno sguardo di bontà, intervenire a favore di colui che prega, quindi è una richiesta, “ricordati di me quando entrerai nel tuo Regno” – o meglio, secondo una variante di questo versetto – “quando verrai nel tuo Regno”, cioè quando verrai come Re ricordati di me.

Ebbene, la risposta di Gesù spiazza tutti. Spiazza ascoltatori, lettori del tempo e spiazza anche noi, perché, ripeto, non è come poi la storia cercherà di annacquare questo episodio in “il buon ladrone”. Questo è un delinquente, un criminale, che, come dice lui, ha giustamente meritato questa tremenda pena. Ebbene la risposta di Gesù “in verità” – quindi è un’affermazione solenne – “io ti dico oggi con me sarai nel paradiso”. Mentre il bandito aveva chiesto “ricordati quando entrerai nel tuo Regno”, quindi non immediatamente, la risposta di Gesù è immediata, oggi stesso. Quindi non un domani, non nel tempo, ma oggi stesso, immediatamente, “sarai con me nel paradiso”. È l’unica volta che nel vangelo di Luca appare il termine “paradiso”; Gesù, quando deve parlare della vita che continua oltre la morte, parla di vita eterna, di vita indistruttibile, ma non usa mai questo termine “paradiso”. “Paradiso” è un termine persiano, che significa semplicemente “giardino”; era quel luogo intermedio dove le anime stavano in attesa della resurrezione.

Perché Gesù parla proprio di paradiso? L’evangelista vuol contrapporre l’azione di Gesù con quella descritta nel libro della Genesi. Nel libro della Genesi, Dio caccia dal paradiso l’uomo peccatore; con Gesù il primo ad entrare con Lui in paradiso è proprio l’uomo peccatore. Quello che l’evangelista vuol dire è quello che ha seguito per tutto il filone del suo vangelo: l’amore di Dio non è rivolto alle persone per i loro meriti, ma per i loro bisogni.

Che merito ha questo bandito, per entrare in paradiso? Non ne ha nessuno merito, ma ha bisogno, l’amore di Dio guarda i bisogni delle persone. Non esistono per Gesù, per la forza del suo amore, non esistono casi impossibili che l’amore di Dio, l’amore di Gesù, non possa vincere.

Di seguito, il video della diretta streaming del giovedì:

Letture della
XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – NOSTRO SIGNORE GESÚ CRISTO RE DELL’UNIVERSO – ANNO C – Solennità

Prima Lettura

Unsero Davide re d’Israele.Dal secondo libro di Samuèle

2 Sam 5,1-3

In quei giorni. vennero tutte le tribù d’Israele da Davide a Ebron, e gli dissero: «Ecco noi siamo tue ossa e tua carne. Già prima, quando regnava Saul su di noi, tu conducevi e riconducevi Israele. Il Signore ti ha detto: “Tu pascerai il mio popolo Israele, tu sarai capo d’Israele”».

Vennero dunque tutti gli anziani d’Israele dal re a Ebron, il re Davide concluse con loro un’alleanza a Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re d’Israele.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 121 (122)

R. Andremo con gioia alla casa del Signore.

Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore!».
Già sono fermi i nostri piedi
alle tue porte, Gerusalemme! R.

È là che salgono le tribù,
le tribù del Signore,
secondo la legge d’Israele,
per lodare il nome del Signore.
Là sono posti i troni del giudizio,
i troni della casa di Davide. R.

Seconda Lettura

Ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

Col 1,12-20

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

Fratelli, ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce.

È lui che ci ha liberati dal potere delle tenebre

e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore,

per mezzo del quale abbiamo la redenzione,

il perdono dei peccati.

Egli è immagine del Dio invisibile,

primogenito di tutta la creazione,

perché in lui furono create tutte le cose

nei cieli e sulla terra,

quelle visibili e quelle invisibili:

Troni, Dominazioni,

Principati e Potenze.

Tutte le cose sono state create

per mezzo di lui e in vista di lui.

Egli è prima di tutte le cose

e tutte in lui sussistono.

Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa.

Egli è principio,

primogenito di quelli che risorgono dai morti,

perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose.

È piaciuto infatti a Dio

che abiti in lui tutta la pienezza

e che per mezzo di lui e in vista di lui

siano riconciliate tutte le cose,

avendo pacificato con il sangue della sua croce

sia le cose che stanno sulla terra,

sia quelle che stanno nei cieli.

Parola di Dio

Vangelo

Signore, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno.

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 23,35-43

In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».

Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».

Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».

E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.