Commento al Vangelo di domenica 24 maggio 2015 – don Piero Rattin

94

Coraggio, saggezza e… furbizia

Dopo averlo atteso nella preghiera tutti insieme, proprio il giorno di Pentecoste (solennità antica e cara a tutti gli Ebrei), venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. Apparvero loro lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro e tutti furono colmati di Spirito Santo…

Pentecoste

  • Colore liturgico: bianco
  • At 2, 1-11; Sal.103; Gal 5, 16-25; Gv 15, 26-27; 16, 12-15.

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.
Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[ads1]

Articolo precedenteCommento al Vangelo per bambini di domenica 24 maggio 2015 – don Roberto Fiscer
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 24 maggio 2015 – don Fabio Rosini