Commento al Vangelo di Domenica 24 Aprile 2022 – don Mauro Manzoni

82

- Pubblicità -

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica 24 aprile 2022.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

- Pubblicità -

Mi sento un pò Tommaso quando anche io ostinatamente voglio toccare e ritoccare tutto quello che la fede propone, le esperienze che Dio propone e le prove che vanno al di là della mia razionalità e logica umana. Non mi piace stare dalla parte dei perdenti, dalla parte di coloro che abbassano le antenne intellettive davanti a fatti prodigiosi e straordinari. Voglio toccare, vedere e sentire.

“Se non vedo e non tocco – dice Tommaso – non credo”. Tommaso, dopo otto giorni, ha avuto la possibilità reale di vedere e toccare le piaghe dell’amore divino. Per me, oggi, è ben più difficile. Non c’è più quel Cristo che mi allarga le braccia e il costato, non c’è più quel Cristo davanti al quale possa inginocchiarmi e dire: “Signore mio e Dio mio”. Ma anche a me Gesù dice, come agli apostoli: “Ricevete lo Spirito Santo”.

Ed è proprio lo Spirito che mi sollecita e mi propone di vedere il Cristo Risorto nella comunità della Chiesa, cioè nei miei fratelli. Lo Spirito che mi spinge riconoscerlo nell’esperienza concreta di una umanità sofferente e tormentata, a toccarlo in uomini e donne straziati ed oppressi, sentirlo nel grido soffocato di situazioni dolorose e sfortunate. E’ qui, solo qui, quel Cristo che anche a me, incredulo e dubbioso, dice: “annuncia a tutti che Io sono vivo, tocca, senti, vedi, e rendi presente la mia Persona in mezzo all’umanità”.

Allora, inginocchiato, potrò dire: “Signore mio e Dio mio”.

- Pubblicità -

Link al video
Articolo precedenteRicardo Perez Marquez – Commento al Vangelo di domenica 24 Aprile 2022
Articolo successivoMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 24 Aprile 2022